La moda del fischio

http://www.corriere.it/politica/10_settembre_04/festa-democratica-schifani-popolo-viola_ae7a413e-b831-11df-927f-00144f02aabe.shtml

Di questi tempi pare sia molto di moda mettersi a fischiare in segno di disapprovazione per questo o quel personaggio.

Pochi giorni fa è toccato a Dell’ Utri a Como, dove si era presentato per parlare dei famosi “presunti” diari di Mussolini; ieri invece è toccato a Schifani a Torino .

Se fossi stata a Como forse avrei anch’ io fischiato Dell’ Utri, ma non per la condanna in secondo grado per contiguità con ambienti mafiosi, nè tantomeno per i suoi diari, ma per aver ammesso apertamente in un’ intervista di essersi fatto candidare e quindi eleggere per sfuggire alle inchieste giudiziarie.

Chi ha un simile concetto della politica e delle istituzioni VA FISCHIATO (a prescindere, avrebbe detto Totò).

Quanto a Schifani,  fischiato dai “grillini” e dai “viola” , credo che sarebbe stato meglio (vista anche la carica che ricopre) fischiarlo dopo averlo ascoltato, se le sue parole lo avessero meritato, ma così non mi pare…

A parte queste considerazioni direi cheè meglio che la gente cominci a manifestare il suo disagio, piuttosto che continuare in un atteggiamento di apatia e di ipnosi avvilente.