Samuele, tre anni fa…

Era il terzo giorno di ricovero all’ ospedale (a Londra). Le iniezioni per indurre le doglie avevano solo l’ effetto di produrre dolori lancinanti, ma nessuna utilità clinica. Da tre giorni continuava questa tortura. Intorno si succedevano a ritmo frenetico gli arrivi delle partorienti (per la maggioranza di colore) e le invocazioni ad Allah erano a volte appena sussurrate, a volte risuonavano nelle corsie come nenie laceranti.

Le ostetriche , molto prese, si dimenbticavano di controllare il battito di Samuele che non riusciva a nascere e verso sera mia figlia cominciò ad agitarsi : perchè nessuno badava a lei? Ci fu risposto che il protocollo prevedeva un certo numero di giorni di tentativi di induzione del parto naturale e che non c’ era niente altro da fare che aspettare….. c’ erano casi più urgenti…  Il panico ci prese e io mi sentivo molto impotente visto che non parlavo l’ inglese… A un certo punto mia figlia si arrabbiò davvero e trascinandosi col suo pancione andò dalla caporeparto (un’ orientale) e l’ affrontò con grinta, minacciando di ricorrere all’ avvocato se non fosse stata tenuta sotto controllo costante.

A quel punto venne il medico, che con fare conciliante spiegò come ormai fosse chiaro di dover ricorrere al parto cesareo, che però sarebbe stato consentito solo il giorno dopo…. ma mia figlia insistette perchè se era inevitabile, l’ intervento fosse fatto subito.

A questo punto , erano già le 11 di sera,mi sentii offrire una tazza di tè e prepararono la sala parto.

Un’ ora dopo, circa, tutto era finito: era nato un lunghissimo bebè che proprio per le sue dimensioni era rimasto incastrato nel bacino materno: la sua testa era decisamente schiacciata da una parte e aveva un’ anca lussata (penso per le contrazioni che aveva dovuto subire ), Al primo cambio compresi il problema all’ anca e ricordando gli insegnamenti di mia madre cominciai a sistemare pannolini e coperte in modo da costringere le gambette in posizione divaricata , quanto al resto, sapevo che i lineamenti si sarebbero armonizzati in breve tempo ed è così che tre anni fa è nato Samuele, un bambino stupendo, come gli altri miei due nipoti.

Tanti auguri , Samuele! Tanti auguri, Grazia!

P.S. devo ricordare di ringraziare Surjinder, l’ amico indiano di mia figlia, che è venuto nel cuore della notte all’ ospedale per riportarmi a casa, non prima di aver scattato foto ricordo a madre e figlio.

Pakistan: inviamo un sms di solidarietà.

Children at a roadside shelter in Pakistan 

Questa foto ha girato il mondo e forse ha messo finalmente in moto molte iniziative per portare aiuto al Pakistan .

Bambini sfiniti, senza un letto per dormire, sfiniti tanto da non riuscire nemmeno a scacciare le mosche che li ricoprono, con solo pochi stracci per coperta: questa immagine dà l’ idea della disperazione di questa popolazione, colpita da un mese di inondazioni devastanti, che hanno prodotto dieci milioni di sfollati, epidemie e ora anche carenza di cibo. La più grande tragedia umanitaria nella storia recente ha però lasciato indifferente per molto tempo il mondo.

Qualcuno dice che questo è da attribuire alla politica del Pakistan, in bilico sempre tra lotta al terrorismo e tolleranza verso l’ estremismo talebano, ma il dolore dei bambini deve farci superare il meschino atteggiamento di chi dice “gli sta bene”: i bambini non hanno colpa e penso che si debbano sostenere le iniziative di Agire e della Croce Rossa ( sms da inviare ai numeri: 45509 oppure 45504)