Oltre il buio.

Ho da poco terminato di leggere un libro  di racconti di Dacia Maraini intitolato “Il buio”. Ogni racconto prende spunto da un fatto di cronaca veramente accaduto e i protagonisti  sono donne e bambini vittime delle violenze più orrende.  Leggendo quelle vicende, narrate con una prosa semolice e piacevole, ti vien da pensare che forse la scrittrice ha un po’ calcato la mano per catturare maggiormente l’ attenzione del lettore, perchè non  si può concepire che gli esseri umani possano arrivare a tanta abiezione….

Nel link che indico qui di seguito :

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=119214&sez=HOME_INITALIA  c’ è una notizia di cronaca che potrebbe comparire nel libro della Maraini..

Un uomo denuncia il padre ultraottantenne per abusi sessuali  compiuti sulla nipote tredicenne con la complicità della madre di quest’ ultima. I due depravati vengono condannati , ma pochi giorni fa  il figlio (il denunciante) arriva ad uccidere il padre e a bruciarne il cadavere sospettando che abbia molestato anche la propria figlia.. . E’ una storia angosciante che toglie il respiro e nella quale ognuno è  vittima e carnefice . Spero solo che le bambine presenti in questa storia possano essere tolte dall’ ambiente violento in cui sono nate e sia offerta loro una possibilità di vivere serenamente il resto della loro vita.

Una schedina per un sogno.

Entro nel bar vicino a casa. Devo pagare il bollo auto e ho deciso di pagarlo non in posta, nè all’ Aci, come gli altri anni, ma di sperimentare questa modalità di pagamento.

Il bar è piuttosto affollato; vado al bancone dove c’ è la cassa e la rivendita di tabacchi. Ci sono due signore molto gentili e una di esse , letti i dati relativi al rinnovo del bollo, li inserisce in un terminale. Intanto si avvicinano degli avventori per fare i loro acquisti, per lo più schede del superenalotto e della lotteria “Win for life” .La signora bionda ogni tanto scuote la testa finchè mi chiede di avere pazienza: pare che la linea sia intasata….. dalle innumerevoli schedine giocate in quel momento …

– Stanno giocando così in tanti? E c’è anche chi punta molti soldi? –  chiedo.

La signora bionda si fa seria seria e mi dice di sì con la testa, poi aggiunge confidenzialmente :- Sapesse quanti rischiano di rovinarsi ! Sono tantissimi quelli che non sanno darsi un limite sia al superenalotto che a  l “gratta e vinci …- 

  L’ attesa si prolunga ancora per parecchi minuti e intanto la vendita di schedine continua incessante… Quando finalmente l’ operazione viene completata, saluto e me ne vado pensando che è proprio nei momenti di crisi che la gente si aggrappa al sogno del colpo di fortuna e rischia di sperperare i pochi soldi che ha, .

Lo Stato guadagna sulla loro pelle centinaia di milioni e ottiene anche di arginare il malcontento di quelli che stanno sempre peggio, sì, ma comprando una schedina rimandano di estrazione in estrazione il momento di ribellarsi e di chiedere più giustizia.