C’ è chi può…

Berlusconi dice a Bossi di mantenere un comportamento coerente con la sua carica di ministro…… infatti solo il primo ministro può concedersi certe licenze, come fare le corna durante le foto ufficiali nei congressi internazionali, fare cucù alla Merkel, farsi fotografare con diciottenni e passare la notte con le escort, dimostrare di non rispettare o forse addirittura non conoscere la Costituzione….

C’ è chi può e chi non può…. lui può!!!

Perchè Bossi fa così?

Molti definiscono folcloristiche le “trovate ” (dovrei dire con più efficacia un’ altra parola che io non sono solita utilizzare) di Bossi: i riti pagani, le battutacce i gesti volgari, le offese ai Romani e a Roma…

Ma non è solo folclore: Bossi è riuscito a inventarsi un partito per inventarsi contemporaneamente un posto di lavoro ben retribuito e poco faticoso e solo per questo gli va riconosciuta una notevole dose di astuzia: ha saputo fiutare i primi malumori della gente del nord verso chi veniva dal sud a “rubare” i posti nella Pubblica Amministrazione, soffiare sul fuoco, solleticare i sentimenti più retrivi e ….voilà …il gioco fu fatto… Ora però  deve alzare sempre più l’ asticella e a quelli che gli hanno venduto il cervello, che potrebbero essere delusi dalla scarsità dei risultati raggiunti, fa  balenare nuovamente la meta della secessione.

Non c’ è modo più efficace per far diventare normale un’ idea assurda e pericolosa che condirla col lo sberleffo, la derisione , il sarcasmo …. Bossi continua a iniettare veleno… speriamo che al momento buono gli Italiani sappiano tirar fuori l’ antidoto più appropriato.