A Kabul armati di codici.

“L’Italia ha concentrato molto del suo impegno sulla ricostruzione di un apparato giuridico”, racconta Shafeek Seddiq, l’afgano-americano che guida i progetti della Organizzazione internazionale per lo sviluppo della legge (Idlo): “Quando tutto è cominciato, l’Afghanistan aveva la giustizia dei Taliban: rapida e brutale, senza nessuna garanzia. Non esisteva nemmeno il diritto alla difesa. Ora, grazie all’Italia, c’è un sistema basato su regole formali ben precise. Ci sono dibattimenti in tribunale”

Segnalo il link al quale troverete tutto l’ articolo di Repubblica : http://www.repubblica.it/solidarieta/cooperazione/2010/10/01/news/afghanistan_il_lavoro_delle_ong-7611518/?ref=HREC1-5

Mi fa un grande piacere segnalare questo articolo, perchè il marito di un’ amica blogger è partiti quest’ estate proprio per far parte di questo drappello di italiani senza elmetto che operano a Kabul e ho seguito le  ansie che affioravano ogni tanto dai suoi post su FB.

Penso che possiamo essere fieri del lavoro di questi civili: forse la democrazia si esporta più coi codici che con le bombe!!!