Donne, per favore, NO!!!

“…. sono le donne che per prime devono farsi forti della loro dignità e della consapevolezza del loro valore  –  senza distinzione di età, credo politico, provenienza geografica  –  per esprimere a voce alta lo sdegno che questa mentalità suscita, ne sono sicura, nella stragrande maggioranza di noi. Qui si può trovare il testo completo: Se credono, gli uomini continuino pure ad ammirare e a sostenere Silvio Berlusconi; le donne, per favore, no.”

Così si conclude la lettera che Giulia Bongiorno ha scritto a Repubblica per esprimere il suo sdegno per il ruolo cui le donne vengono relegate nelle vicende che in questi giorni fanno parlare tutto il mondo. E’ inutile dire che la sottoscrivo e che ringrazio la signora Bongiorno per aver parlato in difesa della dignità di tutte le donne. Qui il testo completo :http://donnedellarealta.wordpress.com/2011/01/21/lettera-di-giulia-bongiorno-a-repubblica-noi-donne-calpestate-non-possiamo-tacere/

Quel mascalzone di orso…

Stasera ero al telefono con mia figlia, come accade quasi tutte le sere. Mentre ci scambiavamo notizie  sulla giornata trascorsa e sui bambini si è sentita da lontano la voce di Davide.

Poco dopo eccolo arrivare dalla mamma, che gli passa il telefono e subito , dopo avermi salutato, mi racconta che alla TV ha visto un orso che divorava un cervo !!! La cosa lo ha impressionato e la sua mamma gli spiega che certamente l’ orso lo ha fatto perchè aveva fame …. Io allora prendo la palla al balzo e per rafforzare il concetto aggiungo:

– Sai , Davide, l’ orso non ha soldi per comprarsi un panino o la pizza e quindi deve mangiare quello che trova….

Un attimo di silenzio e poi Davide un po’ sconcertato :- Anch’ io non ho soldi per comperarmi la pizza …!!!-

E sottintende  “mica per questo  vado ad aggredire i cervi” e se ne va con la convinzione persistente che l’ orso abbia fatto una gran brutta cosa.

Nicole, Elton e le mamme surrogate.

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=135048&sez=HOME_PERSONE

Nicole Kidman ha annunciato di aver avuto un figlio grazie ad una mamma in affitto….

Forse è stata indotta a questa scelta dal compagno desideroso di avere un figlio da lei, ma non posso fare a meno di sentire un grave disagio al pensiero che chi ha molti soldi a disposizione possa forzare le leggi della natura in modo così stridente.

Le mamme surrogate sono in genere persone che hanno bisogno di soldi e si prestano dietro compenso a fare da “incubatrici umane”….ma il nascituro non sa nulla di tutto questo.

 Cosa ne sarà di quel rapporto intimo e misterioso che lega una mamma al suo bambino? Il bimbo nell’ utero materno  percepisce rumori, stati d’ animo, atmosfere e impara a riconoscere la voce della mamma, ma in questo caso avrà imparato a riconoscere la voce e l’ odore di una donna che per un po’ di soldi è pronta a dimenticarsi di lui….

Non mi sembra un bel modo di venire al mondo , anche se potrà poi avere le coccole di una mamma come Nicole Kidman e potrà avere tutti gli agi che il suo danaro potrà procurargli.

Anche Elton John è ricorso alla stessa tecnica riproduttiva http://www.nonmidire.it/articolo/elton-john-e-david-furnish-figlio-zachary-in-copertina-su-ok-magazine/14779/ e le perplessità sono in questo caso anche più forti.

L’ accesso a certe tecniche riproduttive  dovrebbe essere consentito per ragioni medico-scientifiche e non essere determinato dalla ricchezza.

E’ finita una bugia.

E’ su tutti i giornali, ma non compare tra i titoli più in vista; ieri anche i telegiornali ne hanno dato notizia , ma senza darle troppo rilievo, oscurata dalle vicende giudiziarie del capo del governo.

Sono passati i tempi in cui la morte di un nostro soldato in “missione di pace” riempiva i notiziari e si intervistavano i familiari in lacrime e si cercava di far apparire la giovane vittima come un martire inerme…. Non ci crede più nessuno evidentemente.

Ieri è morto un nostro soldato in Afghanistan e un altro è stato gravemente ferito all’ interno di un nostro avamposto, ma la gente non si stupisce più, non ha più voglia di stracciarsi le vesti: ha capito che la missione di pace è diventata (o è sempre stata) in realtà una missione di guerra ….. e in guerra si muore su tutti e due i fronti.

Forse è meglio così, forse gioverà a tutti sapere che coi bombardamenti non si costruisce la pace e che la pace ha bisogno di essere costruita con azioni di pace.

C’ è un progetto in Afghanistan che itende a sostituire le coltivazioni del papavero con quella dello zafferano  : è con tanti progetti come questo che si può ” dare una chance alla pace”, come dice  una bella canzone di qualche tempo fa.

Si potrebbe tentare e certo ci costerebbe molto meno che continuare ad alimentare una guerra infinita.

Intanto mando un ideale abbraccio ai genitori di Luca Sanna , il soldato ucciso, e auguro al suo giovanissimo commilitone ferito di tornare presto a casa.

Orrore nei Balcani.

Quando si cominciò a parlare di trapianti di organi , tra l’ entusiasmo generale, io continuavo ad avere qualche perplessità : è giusto andare tanto contro le leggi della natura? o il trapianto è solo un modo, come la farmacoterapia, per sfruttare le possibilità che la natura ha nascosto tra i suoi segreti per milioni di anni e che la scienza riesce a svelare?

Non sono ancora riucita a rispondere a queste domande e mi si ripropongono ancora inquietanti ogni volta che si leggono notizie come questa  

http://www.leggo.it/articolo.php?id=101317

I trapianti hanno dato il via al traffico di organi: il modo più spregevole e disumano di esercitare il potere (che viene dai soldi) sui più poveri e i più deboli, che spesso sono anche i più piccoli…..Se i trapianti danno speranza di vita sana a tante persone, si debbono mettere in atto tutti i controlli a livello nazionale e internazionale perchè essi avvengano nel rispetto della vita di tutti e non solo a vantaggio dei più ricchi.

“Mentre”.

Sono riuscita a rintracciare  la registrazione della puntata di venerdì 14 gennaio della trasmissione “Mentre” sul sito di TV2000.

Mi era stato segnalato che in quella trasmissione sarebbe stato trasmesso un servizio giornalistico sul convento di mia sorella in Thailandia, ma la mia antenna non riceve quell’ emittente e mi ero rassegnata . Invece cliccando qua e là ho rintracciato il sito giusto.

Il servizio è stato molto breve: mia sorella deve aver temuto di peccare di protagonismo se si fosse concessa troppo alle telecamere!!!!   :-))

E’ stato comunque bello sentir raccontare dall’ autrice del servizio un po’ della sua vita  e di quante opere abbia realizzato in quel lontano paese.

Mi son sentita importante anch’io (anche se solo per meriti di parentela) !!!!

Dalle pagine di Facebook alle pagine di PANORAMA

http://blog.panorama.it/libri/2010/06/22/“quando-io-ero-piccolo”-le-storie-virtuali-di-facebook-diventano-un-libro/

Torno a parlare di questa incredibile avventura che mi vede coinvolta . “Quand’ ero piccolo…” è un gruppo di FB formato da gente diversissima per età e origine, che ha regalato i propri racconti d’ infanzia per fare un po’ di bene. Infatti quei racconti sono diventati una piccola antologia , che ha avuto grande successo di vendite ; in questo modo ogni “donatore di racconti” ha contribuito ad aiutare tanti bambini eritrei affetti da problemi agli arti inferiori a ritrovare la gioia di camminare e correre . Oggi questa singolare iniziativa trova spazio sulle pagine di un importante periodico nazionale come “Panorama” e questo non può che darmi grande soddisfazione.

Una notizia che aspettavo da tempo!!!

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cronaca/179710_sette_piani_500_posteggi_serviranno_anche_ai_residenti/

La notizia linkata qui sopra è di quelle che segnano una svolta epocale nella vita della gente . Andare all’ Ospedale Valduce di Como la mattina era un incubo: per trovare un posto dove parcheggiare l’ auto si doveva girare  attorno all’ isolato per mezz’ ora prima di (poter parcheggiare?? no!!!) potersi mettere in coda e arrivare così dopo un’ altra mezz’ ora a varcare le sbarre del parcheggio a pagamento. E non è che sia una zona in cui sia facile trovare altrove posti auto (sempre a pagamento) nè tantomeno  angoletti in cui poterla lasciare per qualche minuto ….. le strade sono strette e i vigili sempre all’ erta!

Da oggi entrerà in funzione l’ autosilo proprio lì, davanti all’ ospedale e questo per me vuol dire: fine di un incubo,….. almeno spero!

Licenza di adulterare…

http://www.corriere.it/salute/11_gennaio_15/cibi-adulterati-sparita-la-legge-non-e-piu-reato-mario-pappagallo_f24bd872-2079-11e0-bf27-00144f02aabc.shtml

Sono state eliminate molte leggi antecedenti il 1970 e tra ueste è scomparsa quella che puniva severamente le frodi alimentari, perciò d’ ora in poi potremmo sentirci chiedere :

– Signora, preferisce questo salame agli escrementi o la mozzarella blu?

E tutto ci sembrerà terribilmente normale……