Fini chieda scusa ai pagliacci!

http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=137400&sez=ITALIA

Fini dà del “pagliaccio ” a Barbareschi per il suo rimbalzare da PDL a FLI e ritorno con troppa disinvoltura.
Mi dispiace, ma non sono d’ accordo …

Ho visto al circo pagliacci  suscitare le risate di grandi e piccini e donare momenti di gioia con la loro studiata goffaggine o con le loro gag, strampalate, ma frutto di grande professionalità; mi sento veramente commuovere ogni volta che riascolto l’ aria “Vesti la giubba” cantata da Canio , il pagliaccio tradito, per il dramma di chi deve nascondere sotto il trucco grottesco le lacerazioni dell’ anima. Ho ancora nella mente la poesia che il vecchio clown Grock, ospite fisso di una trasmissione del sabato sera ,tanto tempo fa, sapeva  creare col suo minuscolo violino,  la sua mimica straordinaria.e le sue trovate sorprendenti. 

Quella del pagliaccio è un’ arte difficile (far ridere è sempre molto difficile), che richiede grande sensibilità e dedizione, perciò onorevole Fini, chieda scusa ai pagliacci per aver osato confonderli con un semplice voltagabbana opportunista.

P.S.  lascio un link per rivedere Grock, che era stato definito il più grande clown del mondo.

http://www.youtube.com/watch?v=_knkQ0fWGeg&feature=related