Una cartolina dalla Brianza: Caslino d’ Erba.

 

Oggi , con le mie amiche , ho camminato per le strade di Caslino d’ Erba, un paesino molto antico dalle viuzze strette , tipiche di tutti i centri storici dei paesi qui attorno. 

Una di queste era interrotta ad un certo punto da un ampio arco: da lì si accedeva a una corte sulla quale si affacciavano varie abitazioni su piani diversi, mentre scale e scalette portavano ai fienili e alle legnaie. Sopra un piccolo portico c’erano enormi travi di legno, veri e propri tronchi d’ albero,  che parevano essere lì da secoli e che sostenevano la costruzione soprastante .

Qui  si vede il paesino immerso nel verde delle Prealpi

     Questa è la chiesetta romanica di S. Calocero (o Calogero) che sorge a monte  del paesino e che è stata recentemente spogliata di gran parte dei suoi pregevoli arredi antichi dai ladri. Sullo sfondo si può vedere la cima della Grigna (a destra) , mentre al centro si notano i Corni di Canzo. Gli anziani che abbiamo incontrato ci hanno raccontato che anche questo paese va via via impoverendosi di servizi: c’ erano sedici negozi in paese fino a pochi anni fa, ora ne restano solo quattro e nessuno compra le numerose case vuote del paese.

Una volta le filande , l’ agricoltura e la pastorizia davano lavoro ai residenti, ma ora il lavoro bisogna cercarlo nei centri più o meno lontani, quindi abitare qui vorrebbe dire accollarsi spese notevoli di trasporto. 

 E’ tuttavia un luogo ideale per chi ama la quiete e il silenzio: le vie  sono percorse da rare automobili e negli angoli siedono le donne a “ciaciarà” (chiacchierare).

C’ è anche un minuscolo parco con alcune panchine su cui ci si può fermare a godere il fresco all’ ombra di grandi alberi; è intitolto a Giovanni D’ Anzi, il musicista milanese autore di tante canzoni famose , che veniva spesso a riposarsi in questo paese . Cliccando su questi link potrete riascoltare: “Quand sona i campann” e ” O mia bela Madunina”

 http://www.youtube.com/watch?v=9JKS8C2P0_A

http://www.youtube.com/watch?v=5GCiZzo9mjM&feature=related

Che soddisfazione!!

” Te l’ ho già detto tante volte, possibile che non ti ricordi? …. mamma, guarda che non è difficile…. Usa il tasto destro…….”

Quante volte mi son sentita dire queste frasi quando mio figlio cercava di insegnarmi a usare il computer e io mi sentivo molto “matusa” (come si diceva ai miei tempi).

Ora che i miei figli , lavorando full time, non hanno molto tempo per tenersi aggiornati sulle ultime novità della rete, mi sto prendendo qualche rivincita. E’ capitato proprio due giorni fa : nella posta  ho trovato un’ offerta Groupon: pulizia dentale (con annessi e connessi) a 29 euro, anziché 200) in uno studio di Como. Presa la carta prepagata, mi son messa subito all’ opera e ho proceduto all’ acquisto. Verso sera è arrivata la conferma che il numero di richieste consentiva l’ acquisto collettivo .

 Nella rituale telefonata della sera ho detto a mia figlia: – Sai ho acquistato un’ offerta Groupon ecc. ec.- 

E lei:  Cosa sarebbe sto Groupon?- Non sapeva nulla delle nuove tecniche di vendita su internet e io mi son messa PAZIENTEMENTE a spiegarle come funzionano !!!!

Che soddisfazione, ragazzi!

P.S. Ieri mi è arrivato anche il buono da presentare lunedì pomeriggio  al momento della visita e ho subito provveduto a stamparlo.

 

Pìgliate ‘ na pastiglia!!

Circa sei mesi fa ho chiesto una visita chirurgica ( privata per accelerare i tempi) per sottopormi a un piccolo intervento.  Mi venne annunciato che avrei dovuto aspettare forse un paio di mesi e , visto che i disturbi  si erano via via attenuati, la cosa non mi parve così tragica.

A fine giugno mi arrivò una telefonata dall’ ospedale emiliano in cui avevo chiesto il ricovero e mi venne chiesto quando mi sarebbe stato più comodo sottopormi all’ intervento e io dissi che non avevo nessun progetto di vacanze per l’ estate e che quindi avrebbero potuto chiamarmi in ogni momento.

Da allora il silenzio … tanto che hio temuto mi avessero depennato dalle liste di attesa e così ieri ho provato a chiedere chiarimenti alla caposala  e la risposta mi ha lasciata di stucco.

– Per la riduzione del numero delle sale operatorie , da mesi accettiamo solo le urgenze…. e non saprei proprio dirle quando potremo chiamarla. – In sostanza è come se mi avesse detto , alla maniera di Carosone:- Se stai male pigliate ‘na pastiglia!!!-

La crisi economica non è solo un fantasma evanescente che aleggia  intorno a noi; ha delle ricadute concretissime sulla nostra vita di tutti i giorni e col giro di vite agli enti locali succede anche che il personale sanitario venga ridotto e che chi va soggetto a qualche simpatica ricorrente colica, debba rassegnarsi a tenere a portata di mano le piccole, provvidenziali pastigliette  in attesa  di una telefonata che si spera arrivi  prima o poi.

Al link qui sotto si può risentire la simpatica canzone di Carosone citata sopra, cantata dal simpatico Gegè Di Giacomo, che molti della mia età ricorderanno con piacere..

http://www.youtube.com/watch?v=mmjxuIMln2s

Tutti (o quasi) a scuola !!!

E’ cominciata bene la scuola per i maschietti di casa.

 Davide (5 anni) ieri mattina voleva andare all’ asilo da solo perchè ha capito che ormai lui farà parte dei ” grandi” e quindi può benissimo, a suo modo di vedere, fare la strada da solo !!!!  Non aveva più bisogno di essere accompagnato, lui|||  C’ è voluto un po’ di pazienza per fargli accettare che  la mamma lo  portasse solo fino al cancello della scuola .  Quando è sceso dalla macchina si è fiondato nel vialetto antistante l’ asilo , accennando appena un frettoloso saluto alla mamma.

Anche Samuele (4 anni appena compiuti: a proposito non è molto contento di aver compiuto 4 anni, nonostante tutti i regali che ha ricevuto, perchè dice che lui non vuole diventare vecchio!) ha ripreso a frequentare la scuola e anche lui è molto contento: forse se ne sono andati in altre classi quei bambini  che l’ anno scorso facevano un po’ i bulli nei riguardi dei più piccoli e l’ atmosfera deve sembrargli più rassicurante….

La più fortunata è Elisa che può godersi ancora un’ ultima settimana di vacanza e può portare a termine gli ultimi odiatissimi compiti..

Orgoglio di bimbo.

Grande Samuele !!

Dopo quasi tre mesi di assenza ingiustificata il papà di Samuele oggi andrà a prenderlo all’ uscita dalla scuola. Quando lo ha saputo, Samuele (4 anni) ha chiesto : Perchè non è più venuto?-

La mamma gli ha detto : – Forse è andato in vacanza, ma chiediglielo oggi. Sei contento di rivederlo? –

E Samuele: – Sono contento, ma non gli dirò che mi è mancato…..-

Piccolo uomo ferito, ma dignitoso e fiero! (data reale: 19/9/11)

La più bella è africana.

http://www.repubblica.it/persone/2011/09/13/foto/miss_universo-21584395/1/?ref=HRESS-1

La nuova miss Universo è un’ africana proveniente dall’ Angola. Non sono molto informata su questo genere di notizie, ma mi pare che sia la prima volta che un titolo di bellezza  a carattere planetario venga assegnato a una figlia del Continente Nero e mi pare che se lo meriti  tutto. Spero che questo riconoscimento alla bellezza che l’ Africa dona al mondo , sia di buon auspicio per la prossima assegnazione del Premio Nobel per la Pace, cui sono candidate le donne africane. Io ho aderito da tempo alla campagna  (NOPPAV) che sostiene questa causa e sarei molto felice di veder riconosciuto il grande apporto delle donne africane alla protezione della vita nel loro continente.

L’ altra faccia dell’ 11 settembre

http://www.youtube.com/watch?v=jNiZD1FQevk&feature=player_embedded

Sono appena finite le cerimonie in ricordo dell’ attacco dell’ 11 settembre 2001, che per molti giorni ha riempito giornali e TV. Sono corsi fiumi di parole e di immagini, ma proprio ieri mi chiedevo come mai si facesse riferimento solo all’ abbattimento delle Torri Gemelle e non ci fosse mai nessun accenno all’ attacco al pentagono…. Forse la spiegazione è nel video linkato sopra…. troppi dubbi restano ancora…Sì , se ne è parlato molto, ma qui risulta forse più evidente l’ incongruità di certe versioni ufficiali dell’accaduto.

Comunque siano andate le cose, tante persone hanno perso la vita in seguito a quel giorno tragico, non solo in America, e a tutte loro deve andare il nostro pensiero e il nostro ricordo.

Don Gallo: nuovo giullare di Dio.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/09/11/intervento-libero-di-don-andrea-gallo/156770/

Se cliccate sul link  che ho riportato sopra , potrete vedere e ascoltare l’ intervento di Don Gallo alla festa del ” Il fatto quotidiano”. Nonostante i suoi 83 anni suonati, don Gallo dimostra una vitalità, un’ arguzia, una capacità di comunicare non comuni.

Qualcuno forse si potrà scandalizzare per alcuni suoi toni forti, per le sue denunce al vetriolo, ma non si può non sentire in ogni sua parola la sua grande fede e il suo grande amore per i più poveri e i più umiliati.

Ha trovato anche modo di raccontare alcune barzellette, con grande divertimento del pubblico e questo me lo fa definire, ricordando un film di Rossellini su  S. Francesco,  moderno “giullare di Dio”

Una buona notizia dalla Sicilia…

Qualche giorno fa sono venuti a trovarmi dei parenti , reduci da una lunga vacanza in Sicilia, e mi hanno portato una notizia che mi ha fatto molto piacere: una delle rare spiagge sabbiose della Sicilia orientale, non è più nello stato di abbandono in cui era lasciata fino a pochi anni fa.

Devo raccontare che circa sei anni fa, eravamo andati a passare il mese di agosto  in un appartamentino che si affacciava proprio su quella spiaggia : mi si stringeva il cuore nel vederla spesso sporca per la maleducazione dei frequentatori che non utilizzavano i bidoni appositi per i rifiuti e sprovvista di ogni attrezzatura di comfort.

 Quando poi si avvicinò il giorno di ferragosto, la spiaggia fu assalita e invasa letteralmente da un’ orda barbarica che impiantò su quella spiaggia un vero campo nomadi abusivo: crebbero come funghi centinaia di tende, tendine e ripari di fortuna di ogni tipo; comparvero masserizie varie (materassi, brandine,barbecue) negli spazi tra una tenda e l’ altra, il tutto su una spiaggia , come ho già detto, non attrezzata.  Non vi erano servizi igienici lì attorno  e vi lascio immaginare il fetore che si alzò in breve tempo dalla striscia alberata che divideva la spiaggia dalla strada.

Nessuno degli abituali frequentatori della spiaggia potè più avvicinarsi al mare: non era possibile addentrarsi in quella babele e molti dicevano che fosse anche pericoloso.

Chiedendo spiegazioni agli abitanti della zona del perchè nessuno intervenisse a far finire quello scempio, tutti si stringevano nelle spalle e dicevano che quell’ invasione  era usanza antica e apparivano rassegnati. Passato il ferragosto, le tende scomparvero velocemente come erano comparse, ma la spiaggia non fu  accessibile ancora per molti giorni, tanto era la sporcizia abbandonata lì….

Ora dicono sia cambiato tutto: la spiaggia è pulita e le forze dell’ ordine impediscono il ripetersi di quel rito barbarico. I turisti possono godere del sole, del mare e del buon cibo che lì non manca certo.

Chissà forse questa vicenda incoraggerà altre amministrazioni locali ad avere cura delle immense risorse naturali che la natura ha profuso in quelle zone e che sono il vero “petrolio” del nostro Sud.