Una sera a teatro: Don Giovanni.

Ieri sera al teatro Manzoni di Vighizzolo di Cantù era di scena Alessandro Preziosi in una versione rivisitata del “Don Giovanni”.

Mettendo insieme varie versioni teatrali  del “libertino amorale” per antonomasia,  viene delineata una storia che vuole essere improntata all’ analisi dell’ anima perversa  del personaggio , senza trascurare qualche momento comico che affiora qua e là nel dialogo serrato tra il protagonista e il suo servo Sganarello. Quest’ ultimo rappresenta il sentire comune della gente timorata di Dio e non lesina rimproveri e consigli al suo scapestrato padrone, ma nulla cambi nel modo sciagurato di vivere di Don Giovanni, che ha come filo conduttore della sua vita solo il soddisfacimento dei suoi capricci, forse per sfuggire alla noia e all’ angoscia di una vita cui non sa dare senso.

Poi avviene l’ imprevedibile: la statua di colui che Don Giovanni ha ucciso in duello , si muove e si mette a parlare: è il mistero che interpella il cinico  Don Giovanni.  Così nel secondo atto si ha l’ impressione di trovarsi di fronte a un Don Giovanni diverso: è nella sua casa, vestito di nero , assediato dai creditori…..Apparentemente intenzionato a cambiare vita, si scopre infine che ha invece deciso di adottare  come tanti la maschera dell’ ipocrisia , ma la statua di pietra gli lancia un’ ultima sfida che Don Giovanni accetta sfrontatamente e per lui sarà la fine.

I ritmi del primo atto sono apparsi piuttosto lenti, ma la recitazione di Preziosi e del coprotagonista è stata superba; la scenografia ridotta all’ essenziale ha tuttavia creato momenti suggestivi ( soprattutto ben riuscita la scena finale del rogo che avvolge e divora Don Giovanni).

Molti applausi finali hanno salutato tutta la compagnia.

 

UTE: Scienze naturali – Letteratura.

Scienze Naturali: Cos’è un mammifero?

Dalla rappresentazione di un albero filogenetico, si può capire da quali ascendenti comuni derivino le specie animali ;  i mammiferi e i rettili hanno come antenato comune una specie di grossa lucertola, l’ Archeotiride, che risale a 320 milioni di anni fa e che presenta la mandibola tipica dei mammiferi.  Credo che molti resteranno sorpresi come me nel sapere che i paleontologi riconoscono i mammiferi dalle ossa del cranio e in particolare dalle ossa dell’ orecchio interno.

Un altro antenato dei mammiferi  è il CINODONTE, che presentava denti differenziati e forse aveva il corpo coperto da una pelliccia. Alla fine del Triassico i cinodonti scompaiono quasi del tutto, soppiantati dai dinosauri che domineranno per 150milioni di anni. Gli unici mammiferi che continueranno a sopravvivere sono dei topolini. 65milioni di anni fa, la caduta di un asteroide gigantesco (zona Messico), provocò l’ estinzione dei dinosauri ed ecco che i nostri topolini hanno la loro occasione per evolversi e diffondersi .

Nell’ Oligocene, 25milioni di anni fa, le foreste arretrarono e comparvero i grandi mammiferi, che continuarono ad evolvere e a differenziarsi per molti milioni di anni.

Poi comparve , nel Pleistocene, 1,8milioni di anni fa comparve il genere HOMO (contemporaneo dei mammuth) che cominciò a esercitare una pressione in tutte le specie di grandi mammiferi.

Le caratteristiche tipiche dei mammiferi sono : il pelo che ricopre il corpo per mantenere costante la temperatura interna e spesso favorisce il mimetismo; la viviparità, cioè la capacità di far nascere figli vivi; l’ allattamento dei piccoli.

Il mammifero più grande che sia mai esistito è la balenottera azzurra (150 tonnellate e 30 m. di lunghezza), mentre il più piccolo è il toporagno (3 cm. di lunghezza e 2 grammi di peso).

______________________________________________________________

Letteratura: Pirandello -“Novelle per un anno”

Per poter comprendere l’ opera di un autore , si deve partire dalla sua biografia  ed è proprio quello che il prof. Galli ci ha brillantemente illustrato, facendo anche riferimento a un libro di Camilleri. I fatti più incisivi sono stati certamente l’ ostilità verso il padre e la malattia della moglie. L’ infelicità della sua vita ha avuto certamente un grande peso nella sua opera letteraria e teatrale, dalla quale si evince il suo modo di intendere la vita e la realtà. I ruoli che rivestiamo in società , pensa Pirandello, sono solo maschere che ci estraniano dalla nostra vita profonda, tuttavia non è possibile vivere senza maschera; la vita è senza senso e non esiste una realtà oggettiva.

 

 

Dedicato “to my friends” (del corso di inglese)

Dedico alle mie amiche del corso di inglese il testo di questa famosissima canzone , che mi pare di facile comprensione:

Que Sera Sera

When I was just a little girl,                                           Quando ero solo una bambina

I asked my mother: “What will I be?                             Ho chiesto a mia madre:” Cosa sarò?
Will I be pretty? Will I be rich?”                                     Sarò bella? Sarò ricca?”
Here’s what she said to me:                                             Ecco quello che lei mi disse:
Que sera sera                                                                       Che sarà, sarà
Whatever will be, will be                                                   Qualunque cosa sarà, sarà
The future’s not ours to see                                              Non possiamo vedere il futuro
Que sera sera                                                                        Che sarà, sarà.
What will be, will be                                                            Che sarà sarà

Since I am just a boy in school,                                        Da quando sono uno scolaro
I asked my teacher: “What should I try?                        ho chiesto al mio insegnante: “Cosa d
Should I paint pictures? Should I sing songs?”            dovrei provare? Dovrei fare il pittore
This was her wise reply:                                                     Dovrei cantare canzoni?” Questa fu
Que sera sera                                                                        la sua saggia risposta: Che sarà, sarà
Whatever will be, will be                                                    Qualunque cosa sarà, sarà
The future’s not ours to see                                               Non possiamo vedere il futuro
Que sera sera                                                                        Che sarà, sarà….
What will be, will be                                                            Che sarà , sarà…
When I grew up and fell in love,                                       Quando diventai grande e
I asked my lover: “What lies ahead?                                m’innamorai, Chiesi al mio amore:
Will we have rainbows day after day?”                            “Che cosa ci aspetta? Avremo
Guess what my lover said:                                                  arcobaleni giorno dopo giorno?”
Que sera sera                                                                         Indovina cosa disse il mio amore:
Whatever will be, will be                                                     Che sarà, sarà, qualunque cosa
The future’s not ours to see                                                 sarà, sarà…Non possiamo vedere il
Que sera sera                                                                          futuro…che sarà, sarà…che sarà,
What will be, will be                                                              sarà…
Now I have children of my own                                          Ora ho dei bambini miei e loro
They ask their mother: “What will I be?”                         chiedono alla loro mamma: “Cosa
“Will I be pretty?” “Will I be rich?”                                    sarò? Sarò bella? Sarò ricco?”
I tell them tenderly:                                                               Io dico loro teneramente:
Que sera sera                                                                           Che sarà, sarà…ecc.
Whatever will be, will be
The future’s not ours to see
Que sera sera
What will be, will be

E poi potremmo anche provare a cantare insieme a Doris Day

watch?v=CcWbZUgymkw

Film: Attacco a Leningrado.

Ieri sera ho visto un film in TV: “ATTACCO A LENINGRADO”.

Siamo nel 1941 e i tedeschi hanno assediato la città, che rimane ben presto senza viveri e senza carburanti ,mentre il terribile inverno russo stringe sempre di più la sua morsa mortale su una città popolata di fantasmi.  Le protagoniste principali sono due donne: una giornalista inglese e una giovane poliziotta russa. Entrambe aiutano con grande coraggio i familiari ,e non solo loro, a sopravvivere in condizioni disumane.

Leggendo le recensioni che si trovano in vari siti dedicati al cinema, in nessun  commento ho trovato il riferimento a un romanzo,  che racconta la stessa storia, anche se con alcune differenze. Il libro, al quale , a mio avviso, gli sceneggiatori si sono ispirati, si intitola “L’assedio” ed è della scrittrice inglese Helen Dunmore.

Il romanzo è molto avvincente, spesso commovente, e fa rivivere la tragedia della morte per fame e per freddo di migliaia e migliaia di uomini, donne , bambini, costretti a far bollire le cinture di pelle per aver qualcosa da masticare o a bruciare i libri e i mobili per potersi scaldare, mentre nelle stanze attigue giacciono i cadaveri congelati dei familiari che si son dovuti arrendere.

Il film a mio avviso è molto meno coinvolgente del romanzo, anche perchè deve per forza far apparire come eroina della situazione una giornalista inglese rimasta intrappolata nella città assediata. Tuttavia bisogna riconoscere al regista e agli sceneggiatori il merito di riportare alla memoria una tragedia di cui si sente ben poco parlare.

La camelia.

Una pioggia incessante, insistente, scende violenta  da ore ed ore..
  Il vialetto del cortile è ormai un ruscello  e l’ insalata nell’ orto sta affogando.
C’ è però la camelia,  che continua a fiorire e, anche sotto la pioggia battente  di questo novembre impietoso, sembra dire: ” Io resisto”

UTE: Filosofia e Letteratura.

FILOSOFIA: prof. Porro

Dopo essersi occupato dell’ isteria e aver intuito l’ esistenza di un Io inconscio, Freud cominciò a occuparsi delle nevrosi infantili e delle perversioni sessuali, che Freud fa risalire a traumi infantili che bloccano lo sviluppo della sessualità.

Nel 1900 pubblica un libro sull’ interpretazione dei sogni, ai quali fin dall’ antichità si era sempre dato un valore profetico. Freud invece ritiene che i sogni siano strettamente legati ai desideri, che in età adulta si tende a reprimere; i desideri vengono tradotti in immagini. Anche gli incubi  non sono altro che desideri (di cui ci vergogniamo) mascherati e filtrati   in immagini apparentemente secondarie nel contesto del sogno. Freud racconta  di Irma , una sua paziente, che sogna la morte del nipotino e afferma che questo evento luttuoso doveva solo giustificare la presenza di un vecchio amante di Irma al funerale del bimbo . In genere , quando si sogna la morte di una persona cara, si può risalire a carenze  o traumi affettivi dell’ infanzia e in particolare nel sogno della morte dei genitori si può manifestare il complesso di Edipo.

Nel 1901 con una nuova  pubblicazione si occupa degli ATTI MANCATI: dimenticanze,lapsus verbali e lapsus calami, che Freud mette in relazione a desideri inconsci.

___________________________________________________________

LETTERATURA:  scrittori soldato francesi  – prof. A. Chiesa.

Dopo un breve cenno agli eventi bellici della Grande Guerra sul fronte francese, siamo passati ad alcune note biografiche  dei principali poeti soldati francesi, tra cui Apollinaire e Paul Elouard (come si fa a scrivere la E maiuscola con l’ accento acuto?) , dei quali  la nostra  docente ci ha letto alcune poesie .

Tra gli scrittori invece ci è stato presentato in particolare Henri Barbusse col suo romanzo più conosciuto “Il fuoco”: un diario di guerra in cui sono riportati i dialoghi dei soldati nelle trincee  inframmezzati da suggestive e poetiche descrizioni ambientali. I protagonisti usano un linguaggio pieno di parolacce perchè è così che parlano gli operai e i contadini costretti a vivere una tragedia insensata e immane, che Barbusse definisce GUERRA DEL FANGO che coinvolge milioni  di schiavi.

Abbiamo assistito a due lezioni interessantissime  e piacevoli con grande soddisfazione di tutti i soci presenti.

Ecco infine una poesia di Paul Elouard tradotta liberamente in italiano: Me souciant.

Dal cielo afflitto    

                 

                              traduzione di                                                

 

                Francesca Santucci                                   

Dal cielo afflitto, senza requie violentato                

dalla pioggia che ci bagna, m’esalta il pensiero              

dell’infinita gioia che ghermirebbe i cuori                 

se solo noi volessimo, se solo lo volessimo…            

  

Dura da sopportare la vita                       

divisa  (grande affanno e travaglio                       

m’è confidarlo)                      

fra dovere e pena.                      

  

Profumo, intenso, di fresca verzura,                        

ed in alto lassù, alto nel cielo, il volo                        

delle rondini che rianima e rallegra.                       

Mi sorprende un sogno, tranquillo di speranza. 

La Passione di Rossana.

Si chiama Rossana, ma potremmo chiamarla anche Passione: passione per il canto e per la musica soprattutto. Infatti è venuta da queste parti in macchina, da sola (250 Km) , con il tempo da tregenda di ieri, per seguire il concerto di un complesso vocale molto conosciuto: i The Kings Singers.

Ci siamo incontrate qui davanti a casa mia e siamo andate a prenderci un caffè ed è così che ho trascorso un bellissimo momento ascoltandola parlare del suo coro e della sua vita, che non deve essere stata facile, ma che non le ha tolto l’ allegria e il gusto per le cose belle. Grazie a Facebook che ci ha fatto conoscere e grazie a Rossana per aver voluto passare un po’ di tempo con me prima di ripartire per l’ Emilia.

A questo link potrete ascoltare  un brano cantato dai The Kings Singers : bisogna dire che l’ entusiasmo di Rossana per questo gruppo è veramente giustificato e comprensibile.

A questo link, invece, potete ascoltare un brano cantato dal coro GRAM ENSAMBLE diretto da Rossana ,  il  cui repertorio è vastissimo e si presta a fare da accompagnamento musicale ad ogni tipo di evento civile o religioso . Bravi davvero!!!

gramensamble.wordpress.com

 

 

UTE: Diritto – Storia della Chiesa.

Diritto : Prof. Spagnuolo.

Oggi abbiamo rivisto insieme il tormentato percorso dell’ Italicum, la proposta di legge elettorale che si sta dibattendo tra i partiti, con relative e successive ipotesi di modifica. Mentre seguivo questa interessantissima lezione su un argomento tanto attuale, mi veniva da chiedermi perchè proponendo una legge elettorale non si sceglie quella più adatta a garantire la partecipazione democratica e insieme la chiara governabilità  del paese, ma ci si  impantana in interminabili discussioni con conseguenti tira-molla altrettanto interminabili con l’ intento di far prevalere l’ interesse dei partiti ….. siamo proprio uno strano paese.
__________________________________________________________________________________

Storia della Chiesa: prof. Ivano Colombo.

Il nostro docente oggi ci ha parlato della “GAUDIUM ET SPES” la costituzione pastorale elaborata durante i lavori del Concilio Vaticano II. In questo documento si sente l’ apporto delle nuove voci delle nuove chiese africane, sudamericane, asiatiche presenti per la prima volta ad un Concilio.  I temi di fondo sono i rapporti della Chiesa con il mondo e si afferma il dovere della Chiesa di andare incontro all’ umanità per camminare insieme verso la salvezza promessa a tutti gli uomini. Solo ora , dopo 50 anni, con Papa Francesco si riprende il concetto di una Chiesa che va incontro agli uomini per fare la sua proposta di fratellanza e di amore, senza pretendere di fare proselitismo.

Poesia : Novembre di M. Moretti

A tratti versa qualche goccia il cielo,
qualche piccola lacrima smarrita
e la selva si scuote irrigidita
in un subito brivido di gelo.
Il colchico nei luoghi più deserti
poggia pensoso, e sotto i pioppi lunghi
sorgono, nel silenzio umido, i funghi,

che tengono sempre i loro ombrelli aperti;
e nei giardini taciti e negli orti
nascon, quasi piangendo, i fiori estremi,
i crisantemi per i nostri morti.

E’ una composizione che non tocca i vertici più alti della poesia , ma è garbata e ha inoltre il merito di avermi fatto scoprire il “colchico” ; se anche per voi questa pianta è un’ illustre sconosciuta e se volete porre fine a questa lacuna del vostro sapere, cliccate QUI