Samantha, una donna….

Stasera a “Che fuori che tempo che fa” , Fazio si è collegato con Samantha Cristoforetti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Vedere il bel volto  di questa giovane donna , che  parla del suo lavoro tanto impegnativo con entusiasmo e intanto scherza con spontaneità sugli oggetti che fluttuano intorno a lei, mi ha fatto sentire orgogliosa : le donne possono davvero fare cose stupende …..come e forse anche meglio degli uomini.

E pensare che in certi paesi non possono nemmeno guidare l’ automobile !!!!!

Poesia : Metalmeccanico.

La mia amica Graziella mi ha regalato questa sua poesia scritta qualche anno fa. E’ dedicata al marito che faceva il metalmeccanico.

METALMECCANICO (di Graziella Donini)

 

 

Contingenza, scala mobile,

cassa integrazione…..forse;

un attimo di silenzio

greve tra noi,

un sospiro……… Poi vedo

trucioli d’ oro e d’ argento

nei tuoi capelli,

splendenti come i momenti

che tu mi dai

e getto al vento

tutti gli affanni,

perchè li dissolva l’ aria.

& & & & & & & & & & & & &

Se c’ è l’ amore , se si è uniti, nessuna difficoltà può fare paura.

 

UTE: Medicina – Fisica moderna.

Ieri il nostro apprezzatissimo docente, dr. A. Rigamonti, ci ha parlato dello scompenso cardiaco partendo dalla spiegazione del funzionamento del cuore e del sistema circolatorio, per arrivare a spiegare le cause che portano allo scompenso e a come riuscire a prevenirlo, riconoscendo i sintomi che lo anticipano.

La sala era piena e tutti abbiamo apprezzato la semplicità del linguaggio e la chiarezza delle spiegazioni.

_________________________________________________________

Il prof. Damiani ci ha illustrato i guasti provocati dalla fisica tradizionale, che ci ha indotti a considerare separatamente ogni singolo aspetto della vita e del mondo, portandoci così a maltrattare la Terra che ci ospita e noi stessi.

Dobbiamo imparare a vedere il mondo e ogni cosa come immersi in una rete di relazioni. Oggi siamo ad un bivio cruciale nella storia dell’ umanità, abbiamo bisogno di nuovi concetti, di nuovi valori.

* Energie rinnovabili  * Impianti centralizzati * Nuove tecnologie

Per concludere il nostro amatissimo docente/scienziato/poeta ha citato anche una frase di Nelson Mandela:

The education is the most powerful weapon you can choose to change the world . (L’educazione è l’ arma più potente con cui puoi scegliere di cambiare il mondo)

 

Grazie, Presidente!

Non ho potuto seguire in diretta le cerimonie protocollari  per l’ insediamento del nuovo Presidente della Repubblica, ma ne ho visionato qualche spezzone su internet e ne ho ricavato un’ ottima impressione , sia per la semplicità del linguaggio, sia per la molteplicità dei temi toccati, che hanno tenuto presente tutti i temi cari ai diversi partiti presenti in aula e i numerosissimi applausi  dicono che tutti si sono sentiti tenuti in considerazione.

Credo che ognuno di noi si auguri che questo momento, finalmente dignitoso, della nostra vita politica nazionale sia solo l’ inizio di un futuro che ci possa consentire di non vergognarci più della nostra italianità. Grazie, Presidente Mattarella!

Una sera a teatro: Mi piaci perchè sei così.

Ieri sera al teatro Manzoni di Cantù veniva rappresentata la commedia ” Mi piaci perché sei così” scritta, diretta e interpretata da Gabriele Pignotta ; accanto a lui, in scena, la bravissima Vanessa Incontrada e altri due attori forse non famosissimi, ma molto bravi: Fabio Avaro e Siddharta Prestinari.

Dopo i primi bellissimi anni di matrimonio , Marco e Monica, hanno i primi screzi, le prime incomprensioni e intraprendono una terapia di coppia che li metterà in condizione di vedere la realtà con gli occhi dell’ altro per tre mesi e poi scorderanno tutto e rientreranno nella normalità. Hanno come vicini, una coppia che incarna lo stereotipo dei coniugi che appaiono felici, ma che in realtà portano avanti il loro rapporto solo per pigrizia e per la paura di affrontare il problema.

Date queste premesse, è facile capire che la situazione si presta a vari divertentissimi equivoci e a situazioni esilaranti, che il pubblico presente ha sottolineato con numerosi applausi a scena aperta.

Per un contrattempo che ha fermato il suo mezzo di trasporto alla dogana di Chiasso, la compagnia ha potuto allestire la scena solo con mezzi di fortuna, recuperati con l’ aiuto dei gestori del teatro canturino, ma questo non ha pesato sulla freschezza e la godibilità dello spettacolo.

Come già ho detto, ho apprezzato molto la recitazione di tutti e quattro gli interpreti , anche quella della signora Incontrada, influenzatissima. Particolarmente simpatico poi il siparietto finale al momento dei saluti al pubblico: non solo i soliti inchini, ma un mini-sketch con balletto . Mi sono piaciute molto anche le canzoni che hanno fatto da colonna sonora allo spettacolo ,per la  maggior parte cantate da Sinatra e Dean Martin.

Consiglio a chi ne avesse l’ opportunità  di non perdere questa possibilità di trascorrere una piacevole serata.

I cuccioli raccontano :Lyndon (by Sam Hogan)

Samuele ha inviato questa sua storia a un concorso ed è stato premiato con la pubblicazione sul sito di Londonist.

Traduco in breve:  Lyndon era un ladro e voleva diventare il ladro più famoso di Londra, ma, visto che la polizia lo beccava sempre poteva solo dire di essere il più grande “fuggitore” di Londra, non il più grande ladro.

Una notte con l’ aiuto di una fune si introduce nelle stanze della Regina per rubare i gioielli della Corona , ma poichè non aveva ascoltato le lezioni della maestra non sapeva che i gioielli della Corona si trovano nella Torre di Londra e non a Buckingham . Fruga dappertutto , ma trova solo un dolcetto alla marmellata.  Sente dei passi e si nasconde nell’ armadio dopo aver indossato alcune cose prese a casaccio. La Regina entra e cerca il suo pigiama nell’armadio. Vede Lyndon vestito in modo buffo e con la bocca sporca di marmellata ..prima si arrabbia e poi scoppia a ridere e lo invita a prendere un tè. Insieme vanno poi in giro per Londra e Lyndon alla fine propone  alla regina  di sposarla , ma naturalmente lei rifiuta  : è già sposata!!!. Lyndon , che non era stato attento a scuola , non sapeva che la Regina aveva già un marito.

Morale della favola: se vuoi diventare il più famoso ladro di Londra, ascolta la maestra!!!!  :-)

LYNDON THE GREATEST THIEF IN LONDON

Lyndon was a thief and had a dream: he wanted to become the greatest thief in London because when he sneaked in a house the police found him but he could escape fast. He was the greatest escaper not the greatest thief, unfortunately.
So, one night, Lyndon thought to steal something in the Queen’s room, the famous Crown’s Jewels for example. (Lyndon didn’t listen to the teacher at school so he didn’t know that the Crown’s Jewels are not kept in the Queen’s room but rather in the Tower of London!).
Finally his brain convinced him to go and sneak into the Queen’s house in Buckingham Palace to TRY and find some jewellery. Before leaving he remembered to bring his rope that he stole. He set off to the Palace and with his rope he threw it up to the Queen’s window, which was open luckily, and climbed up. He searched the whole room but found no beautiful jewels. But he saw something that everyone would not ignore…DELICIOUS VICTORIA SPONGE!!
Suddenly, he heard some noise which went like this…tip tap tip tap. Lyndon panicked but he finally got an idea. He looked into the wardrobe and put on, a blue hat, a red dress, some black shoes, a magenta bag and last but not least yellow leggings. He took the sponge and closed himself inside the wardrobe and waited.
The Queen came into the room and she felt something was missing…Her pyjamas!! She went to the wardrobe and she looked inside and there was Lyndon with the messy sponge all over her beautiful clothes. At the beginning she was angry but then she laughed because Lyndon had so many different colours on and also a big mouth full of sponge and jam.
So she invited him to have tea. The next day both of them went on yeah the London Eye and see Big Ben. That one night Lyndon said “Will you marry me?” “Of course not! I’m already married!” “Oh I forgot”. (Lyndon did not listen to the teacher at school and did not know in fact so he was lying).
The morale of this story is…If you want to be the greatest thief in London, you should listen to the teacher!
By SAM HOGAN