Dilemma.

Passare le vacanze di Natale a preparare gli esami dell’11° anno, non è certo il modo migliore per  rilassarsi dalle fatiche scolastiche, ma finalmente ieri è finito il primo atto.

Ieri sera Samuele mi ha detto con un sorriso malizioso: – Stamattina tutti i miei compagni erano spaventati dall’esame, ma scherzavano e ridevano rumorosamente per nascondere la paura……-

Io replico: -E tu come lo sai? –  Risposta: – Facevo così anche io!!!!-

Allora mi chiedo: – E quell’allegria, quella felicità manifestata alla fine delle prove era dovuta a consapevolezza di aver fatto bene o al sollievo di essersi tolto un gran peso?-

Solo il tempo svelerà il dilemma….

Incubi di una notte insonne.

La forzata inattività porta inevitabilmente con sé anche disturbi nel ritmo del sonno e la notte appena trascorsa è stata veramente interminabile….. trascinare una gamba ingessata e dolorante in infinite evoluzioni tra le coperte in cerca di un posizione “comoda” è cosa che non induce a pensieri rosei.

E’ così che ho passato la notte con la sgradevole compagnia dei fatti più incresciosi riportati ieri dalle cronache: ho rivisto centinaia di volte il gesto profondamente vigliacco e crudele di quel triestino (vicesindaco?) che gettava in un cassonetto le coperte di un clochard e accompagnava questa sua prodezza con un tweet carico di disprezzo.   Mi dispiace non aver studiato diritto: a quest’ora saprei se quel prode cittadino potrebbe essere denunciato per appropriazione indebita o furto o qualche altro capo di imputazione…..

Un’altra immagine che mi ha perseguitato è stata quella della stazione di Roma in cui erano state allestite 30 brandine per ospitare i senzatetto vista la notte particolarmente gelida, ma solo alcune erano state occupate. Fuori premevano per entrare alcuni immigrati, ma qualcuno ha impedito loro di entrare in stazione e le brandine vuote sono state smantellate….Nella città di Roma!!!!!! Cose così non si erano mai viste…..

E da ultimo è venuto il battibecco virtuale con un onorevole leghista che ha pubblicato su Facebook degli slogan, attribuendone falsamente uno al PD: non c’è nulla che mi irriti di più di chi attribuisce ad alti intenzioni e pensieri mai espressi…..è così che allo slogan leghista “prima gli Italiani” ho commentato parafrasando un altro slogan: Primo: restare umani.  Si è così innescato un breve battibecco da tastiera in cui alla fine ho fatto presente che l’ esibizione muscolare della Lega di questi giorni pare spropositata: alla fine dei conti rappresenta poi solo il 17% dei votanti…fino a nuove elezioni…

Facebook di questi tempi poi mette a nudo una umanità talmente sconvolgente nella sua ottusità  che penso di starne alla larga stasera … forse la prossima notte potrò chiudere gli occhi almeno per un po’…

 

La catena delle donne.

catena-di-donneNell’ospedale di Lewisham, dove sono stata curata dopo la frattura alla gamba, gran parte del personale medico e paramedico, altamente qualificato, è di origine indiana o indo-pakistana.  Sono in gran parte donne, che contribuiscono col loro lavoro al sostentamento della propria famiglia e al funzionamento dei servizi per la comunità.

Da questo punto di osservazione sembra inverosimile che in India si possa ancora proibire l’accesso a un tempio alle donne, solo per il fatto di essere donne. E sembra altresì inverosimile che le donne subiscano ancora tanti soprusi e siano oggetto di tanta discriminazione.

E’ perciò con grande soddisfazione che leggo di milioni di donne che hanno fatto una catena lunga 620 Km. per garantirsi  la possibilità di entrare in un tempio.  La libertà bisogna guadagnarsela, nessuno ce la regala, perciò, donne, non perdetevi di coraggio e continuate su questa strada. Potrete così contribuire di più al progresso del vostro paese e soprattutto potrete lasciare alle vostre figlie una speranza di una vita più dignitosa.

 

Gerarchia di valori.

In una pausa tra un test e l’altro in preparazione del prossimo esame, Samuele sta giocando alla Play-Station con un suo compagno di classe.  Natale è passato da poco e l’amico gli chiede quali regali abbia ricevuto; Samuele gli risponde che non ha ancora ricevuto regali, visto che i giorni di Natale eravamo occupati con radiografie e ingessature per rimediare alle conseguenze della mia caduta.

L’amico incredulo ribatte che non è possibile un natale senza regali, ma Samuele risponde:- La mia mamma ha dovuto occuparsi della famiglia e non ha avuto tempo per i regali: la famiglia viene prima dei regali.

Saresti nato su quella nave

Duemila anni fa sei nato in una stalla, avvolto solo dall’amore di Maria e Giuseppe, mentre già Erode organizzava la tua cattura…. eri pellegrino e fuggiasco…

Se oggi tu ritornassi a nascere, non credo che sceglieresti altro posto se non la nave dei migranti che vaga nel Mediterraneo in cerca di un porto per sbarcare …..

Molti credono di festeggiare degnamente il Natale facendo grandi pranzi, riempiendo di lucine l’albero, il presepe e ogni angolo della casa, ma non credo che Tu, Bambino di Betlemme, possa essere d’accordo… Natale è spirito di fratellanza e di solidarietà verso gli ultimi… e oggi più che mai gli ultimi sono quelli a cui è negato anche il diritto a fermarsi in un porto e devono continuare a girare a vuoto nel freddo di un mare in tempesta…

 

Coerenza.

Cosa c’è di più ambiguo che professarsi cristiani,  andare  a messa quotidianamente, essere assidui a tutti i riti e poi non nutrire sentimenti di fratellanza per i più sfortunati o addirittura arrivare all’irrisione e all’ odio?

Questo penso abbia voluto dire ieri Papa Francesco e per precisare meglio il concetto, ha detto che è preferibile chi si professa ateo a chi getta ombra di scandalo  sul modo cristiano di intendere la vita e i rapporti coi fratelli.

Questo discorso è arrivato proprio quando ancora fa rumore la notizia (apparsa anche sui media nazionali)  di un ragazzo italiano di colore che si è visto negare il segno della pace durante la messa di Natale a Erba. …. Le chiese sono piene di gente che tiene un piede in due scarpe e non sa cogliere l’incoerenza della propria vita.

Sembra  condivisibile a rigor di logica quanto detto da Papa Francesco? A me parrebbe di sì, ma sui social una marea di gente imbevuta di rancore ha trovato ugualmente il pretesto per investire questo nostro Grande Papa  con una valanga oscena di contumelie…..è il caso di dire: Padre, perdona loro perchè non sanno quello che dicono

 

 

Grazie, Presidente!

Oggi sento una grande gratitudine per il nostro Presidente Mattarella: leggere il suo discorso di capodanno mi ha commossa. Ho ritrovato parole che la mattarella-ape-410politica italiana sembrava aver dimenticato: parole piene di autentica umanità, piene di rispetto per tutti e per le istituzioni, di sensibilità verso i bisogni della gente, di tutta la gente che deve saper convivere nel rispetto delle leggi.

La gente oggi è propensa a osannare chi fa la voce grossa, chi è alla ricerca  di visibilità anche a costo di volgarità, chi ostenta i muscoli e Mattarella è l’esatto contrario: riservato, garbato nei modi di fare e parla quando è necessario ….. e ieri sera era proprio necessario e ha parlato con pacatezza, ma con altrettanta fermezza ha ribadito i valori su cui si fonda la nostra convivenza civile.

Il nostro Presidente può rientrare nella categoria de “miti” così come  intesa nel Vangelo: mite non è chi si lascia sopraffare dai prepotenti, mite è chi continua a credere e ad affermare i propri valori anche quando questo non paga, anche di fronte al dilagare di voci chiassose e sguaiate.

Sono certa che se i nostri due vice-primiministri hanno dovuto arretrare su tutta la linea delle loro false promesse, c’era lui, il Presidente Mattarella a dettare le condizioni per avere la sua firma ….

Grazie, Presidente! Da ieri sera, visto anche il generale plauso degli Italiani, sono un po’ più ottimista sul futuro, perchè so che ci sarà lei a vegliare sulle sorti di questo paese…