Poesia: La pioggerellina di marzo.

Marzo ci sta portando la tanto attesa pioggia. Tutto era secco e arido, i fiori stentavano a fiorire, ma ora scende leggera, tranquilla una leggera pioggerella, una pioggerella gentile come quella della famosa poesia  che credo tutti abbiamo studiato alle elementari … eccola qui di seguito nella sua versione integrale.

LA PIOGGERELLINA DI MARZO ( di A. S. Novaro)

Che dice la pioggerellina
di marzo, che picchia argentina       la-pioggia-di-marzo
sui tegoli vecchi
del tetto, sui bruscoli secchi
dell’orto, sul fico e sul moro
ornati di gèmmule d’oro?

Passata è l’uggiosa invernata,
passata, passata!
Di fuor dalla nuvola nera,
di fuor dalla nuvola bigia
che in cielo si pigia,
domani uscirà Primavera
guernita di gemme e di gale,
di lucido sole,
di fresche viole,
di primule rosse, di battiti d’ale,
di nidi,
di gridi,
di rondini, ed anche
di stelle di mandorlo, bianche…

Che dice la pioggerellina
di marzo, che picchia argentina
sui tegoli vecchi
del tetto, sui bruscoli secchi
dell’orto, sul fico e sul moro
ornati di gèmmule d’oro?

Ciò canta, ciò dice:
e il cuor che l’ascolta è felice.
Che dice la pioggerellina
di marzo, che picchia argentina
sui tegoli vecchi
del tetto, sui bruscoli secchi
dell’orto.

Segni di risveglio.

Ieri sono stata per un paio d’ore ad aiutare al seggio delle primarie PD ed è stata una vera sorpresa vedere la gente affluire senza soluzione di continuità alla sede di P.zza Prina. Erano persone di ogni età, anche se prevalevano le persone mature  e gli anziani, ma non sono mancati i giovani e i giovanissimi. Mi chiedo cosa abbia spinto tanta gente a venire a votare, sapendo anche di dover versare due euro!! Perchè questa voglia di esprimersi, di far pesare la propria opinione?

Penso che quella gente volesse dire che non fa parte di quella folla acclamante che inneggia al governo in carica e alla sua politica per molti versi inquietante;  ma forse non è solo questo: forse voleva dimostrare che la democrazia si realizza con la partecipazione reale e concreta delle persone, con la possibilità di controllare alla luce del sole i risultati delle consultazioni elettorali e che è ridicolo (e forse anche pericoloso) promuovere consultazioni on line di cui nessuno può verificare nè l’autenticità, nè la portata.

E’ stata una bella dimostrazione di senso civico e il risultato è incontestabile: Zingaretti è il nuovo segretario PD. Io non l’ho votato, ma spero che possa guidare questo partito con la collaborazione sincera e leale di tutti, perchè é questo che la gente chiede.