Un giorno con i nipoti.

Ieri Giovanni e Gioele sono stati qui tutto il giorno. Erano arrivati la sera prima e avevano dormito benissimo tutta la notte.

Fatta colazione, siamo andati nell’orto e ho affidato loro l’incarico di annaffiare le piantine, prima peroò avevamo piantato insieme i fagioli. Poi siamo usciti in cortile, dove Giovanni si è divertito a fare la guardia forestale andando in giro con una torcia a controllare le tane degli animali e la presenza di eventuali bracconieri; intanto Gioele, armato di due stecchi giocava a fare il guerriero e con faccia truce e voce  “cattiva” minacciava i nemici travestiti da altalena e da innocenti rami di alloro.

A mezzogiorno hanno molto gradito la pasta al ragù e il gelato poi hanno guardato un po’ di cartoni e io speravo che Gioele si addormentasse, invece  si è concesso al sonno solo nel pomeriggio inoltrato.  Si sono molto divertiti a colorare disegni tratti da internet e poi a fare il bagnetto nella vasca, da dove non volevano più uscire.

E’ stato bello averli qui, anche se ora mi ci vorrà l’intera giornata a rimettere in ordine la casa.

Crisi? Ma nemmeno per sogno…

Dopo i litigi di ieri e le reciproche accuse, Di Maio frena sulla crisi e ne ha ben donde….

Non conviene al nostro ineffabile vice – premier arrivare alle elezioni: sa bene che la prossima volta non avrà il 35% dei suffragi degli Italiani, visto che ora i sondaggi gli attribuiscono un modesto 18%.
Ma non conviene nemmeno al muscolare e “faccia di tolla” (per le bugie infinite di questi ultimi giorni) vice – premier Salvini: anche se vincesse le eventuali elezioni, certamente non raggiungerebbe la maggioranza assoluta e quindi dovrebbe trovarsi un altro alleato: ma nessun altro alleato potrebbe essere più facilmente pilotato dell’attuale M5s e Salvini si vedrebbe ridotto a cedere spazio e visibilità.
Perciò rassegniamoci: sentiremo ancora parlare a lungo dei contrasti fra i due partiti ora al governo e saranno giorni, mesi o anni (?!?! speriamo di no) di una noia lunga ed estenuante.