A Kabul armati di codici.

“L’Italia ha concentrato molto del suo impegno sulla ricostruzione di un apparato giuridico”, racconta Shafeek Seddiq, l’afgano-americano che guida i progetti della Organizzazione internazionale per lo sviluppo della legge (Idlo): “Quando tutto è cominciato, l’Afghanistan aveva la giustizia dei Taliban: rapida e brutale, senza nessuna garanzia. Non esisteva nemmeno il diritto alla difesa. Ora, grazie all’Italia, c’è un sistema basato su regole formali ben precise. Ci sono dibattimenti in tribunale”

Segnalo il link al quale troverete tutto l’ articolo di Repubblica : http://www.repubblica.it/solidarieta/cooperazione/2010/10/01/news/afghanistan_il_lavoro_delle_ong-7611518/?ref=HREC1-5

Mi fa un grande piacere segnalare questo articolo, perchè il marito di un’ amica blogger è partiti quest’ estate proprio per far parte di questo drappello di italiani senza elmetto che operano a Kabul e ho seguito le  ansie che affioravano ogni tanto dai suoi post su FB.

Penso che possiamo essere fieri del lavoro di questi civili: forse la democrazia si esporta più coi codici che con le bombe!!!

6 thoughts on “A Kabul armati di codici.”

  1. Ho parlato con un mio amico giornalista afgano; lui dice che bisogna lasciare totale autodeterminazione al popolo afgano, senza intrusioni estere e, alla fine, vinceranno anche sui talebani. Concordo con lui

  2. Forse sarà anche vero, ma un’ aggiustatina a un codice che ammette lo stupro delle mogli e robetta di questo genere…no? Forse bisognerebbe chiedere un parere anche alle donne afgane e non solo ai maschi, che stan bene e cercano in ogni modo di mantenere lo staus quo. Ciao, Irlanda! Ti aggiungo ai miei link, se non hai daobiettare…

  3. I like reading blog posts, and when I stumbled upon to this weblog, it just blew me away! Hey there I mean it! Your contents are rich and I discover them very useful! I wish I could post like you do but I don

  4. I completely agree with the above comment, the internet is with a doubt growing into the a lot of important medium of communication across the globe and its due to sites like this that ideas are spreading so quickly.

  5. Can I just say what a relief to find someone who actually knows what theyre talking about on the internet. You definitely know how to bring an issue to light and make it important. More people need to read this and understand this side of the story. I cant believe youre not more popular because you definitely have the gift.

Comments are closed.