Festa degli Angeli …festa dei nonni…

Oggi, 2 ottobre, è la festa degli Angeli Custodi, ma è a buon motivo diventata anche la festa dei nonni.

I nonni trepidano per i nipoti che sentono essere due volte figli; i nonni gioiscono nel vedere i nipoti crescere sani e sereni, li vedono poi allontanarsi un po’ quando diventano più grandi e allora pregano perchè i loro Angeli Custodi continuino con maggior intensità la loro opera di protezione dai pericoli del mondo sempre in agguato .

Nella parrocchia di Arcellasco, domattina, domenica 3 ottobre, alle ore 10:30 si celebrerà una messa speciale per tutti i nonni e verrà loro consegnato un piccolo semplice ricordo di questa celebrazione.

Nel pomeriggio, poi, dalle ore 15 alle 17:30, tutta la comunità parrocchiale si riunirà per giocare insieme e fare festa. Non mancate!

locandina festa dei nonni

Eufemino in tempo di pandemia.

Ero presente alla consegna dell’Eufemino, l’onorificienza attribuita ogni anno alle persone o alle associazioni che si siano distinte per i loro servigi alla città.

Quest’anno non era possibile non premiare la FONDAZIONE GIUSEPPINA PRINA e la PROTEZIONE CIVILE di Erba e dei Comuni consorziati.

La pandemia infatti ha impegnato la RSA cittadina nella strenua difesa dei suoi ospiti: è stata una vera battaglia che ha richiesto il sacrificio e l’abnegazione di tutti gli operatori: dai medici, agli infermieri, agli animatori, agli inservienti, al personale amministrativo.  Lo stesso vale per la Protezione Civile e per i suoi volontari che sisono prodigati per mitigare i disagi durante il lockdown e per far funzionare l’hub vaccinale di Lario Fiere.

I discorsi delle autorità e dei rappresentanti degli enti premiati hanno ben messo a fuoco il debito di riconoscenza della città verso di loro e verso tutte le organizzazioni che si sono impegnate per fronteggiare l’emergenza pandemica e alle quali è stata consegnata una targa ricordo.

Un riconoscimento è stato dedicato anche a un operatore di Protezione Civile, che, dopo aver contratto il virus in servizio, è poi deceduto. A ritirare la targa erano presenti i figli e  la vedova commossa fino alle lacrime e in quel momento anche tra i presenti c’era chi ha dovuto ricorrere al fazzoletto per asciugarsi gli occhi.

Una nota gradevole era costituita dall’orchestra dei ragazzi della Puecher, che ha eseguito piacevolmente pezzi di autori moderni.

All-focus
All-focus
Alin attesa
Alin attesa

Dove va il mondo?

Dove va il mondo?

E’ questa la domanda che viene da porsi leggendo questo articolo a dir poco inquietante. In estremo Oriente c’è una crescente tensione tra la Cina in costante espansione e i suoi antagonisti, E’ in questa ottica che va letta la notizia dell’alleanza militare tra USA, UK e Australia per la produzione di sottomarini a propulsione nucleare.

La notizia, in Italia, è rimasta in primo piano per breve tempo, travolta dalle entusiasmanti notizie dei successi sportivi dei nostri ragazzi (pallavolo, ciclismo e altri minori) ma è di quelle destinate a cambiare gli assetti del mondo, stando a quanto ha detto Romano Prodi dall’Annunziata su RAI3 e non è detto che tale cambiamento si realizzi pacificamente,

L’europa rischia davvero di diventare ancora più ininfluente sul governo del mondo, a meno che riesca con uno scatto di orgoglio a darsi quelle riforme che le consentano di parlare con una voce sola e con la piena consapevolezza che solo così può avere un peso nei destini di questo mondo oltremodo inquieto.

Un pellegrinaggio per sentirci di nuovo comunità.

La pandemia ci ha intimoriti, ci ha indotti a diffidare di chiunque, molti si sono chiusi in casa per mesi anche quando le condizioni ambientali e le disposizioni governative avrebbero consentito qualche libertà in più. Ora però, pur nel rispetto di tutte le cautele del caso, è ora di riprendere a vivere.

Il gruppo culturale della parrocchia di Arcellasco, nei primi mesi del 2020, aveva organizzato l’ormai tradizionale pellegrinaggio quaresimale da tenersi nei primi giorni di marzo. Tutto era pronto: avevamo contattato azienda dei trasporti, le guide per la visita alle chiese di Lallio, Colzate e Clusone, preparato il “gadget” , distintivo del tema del pellegrinaggio stesso….. ma ecco arrivare la pandemia, che proprio in quelle località è stata più feroce che altrove…..

Ora anche in Val Seriana si respira una gran voglia di ripresa e il giorno 9 ottobre prossimo, quando realizzeremo finalmente il nostro pellegrinaggio (certamente non sarà definito “quaresimale”, ma di inizio dell’anno pastorale) tutti saranno ben lieti di accoglierci.

Potremo disporre di 43 posti sul pullman, chi vorrà potrà portarsi la colazione al sacco o scegliere uno dei tanti ristoranti e tavole calde che Clusone (dove saremo all’ora di pranzo), offre.

Chi intende partecipare potrà rivolgersi alla segreteria della parrocchia di Arcellasco. Cliccando sul link sottostante troverete tutti i dettagli della nostra proposta.

locandina pellegrinaggio 2021 

Un difficile inizio.

L’Università della Terza Età di Erba sta tentando di riprendere le proprie attività nel modo più efficace consentito dalle molte difficoltà derivanti dalle disposizioni anti-COVID e dalle caratteristiche della sede in cui le lezioni si sono sempre svolte. La Sala Isacchi, infatti, che una volta consentiva l’accesso di almeno 90 persone, oggi ne può contenere solo la metà.

Sappiamo quanto invece sia importante per i nostri soci, anche per ragioni anagrafiche, poter avere una motivazione per uscire di casa, magari agghindarsi un po’,  incontrare volti amici e scambiare qualche parola in un’atmosfera di serena accoglienza. Questo fa sì che la stragrande maggioranza dei potenziali soci, condiziona la propria adesione all’associazione alla possibilità di poter usufruire di attività in presenza, anche se continueremo a predisporre i collegamenti on line già sperimentati nella prima metà del 2021.  Questo è comprensibile anche perché i nostri soci non sono certamente “nativi digitali” e solo pochi hanno dimestichezza con computer, link, piattaforme, ecc. …

Tutto questo costringe gli organizzatori a prevedere la suddivisione dei primi 90 iscritti in due gruppi, ognuno dei quali potrà partecipare a un solo giorno di lezione: o il martedì o il venerdì, giorni nei quali si replicheranno gli stessi argomenti.

E’ però un vero peccato che in una città come Erba non ci sia una sala civica a disposizione delle tante associazioni e non ci sia uno spazio abbastanza capiente adatto alle necessità della nostra UTE.

Si stanno perciò facendo i proverbiali salti mortali per poter  riprendere le attività a metà ottobre nel rispetto di tutte le disposizioni anti-COVID (green pass compreso)

 

Sicilia, terra splendida e…maltrattata.

Da molti anni non vado in Sicilia e sento forte il desiderio di tornarci. Mi mancano i paesaggi incantevoli, le sue città cariche di storia e di gloria, la sua frutta, i suoi dolci, le granite…..

Una cosa però ricordo con rabbia: si andava al mattino su una delle tante belle spiaggette libere a prendere il sole, ma bisognava prima fare la raccolta dei rifiuti lasciati il giorno prima dai bagnanti, poi finalmente potevi stendere il tuo telo.  Non vedevi l’ora di tuffarti in acqua: il mare era splendido…… ma una volta entrata  ti accorgevi che, nascosto tra gli scogli o camuffato da un tubo mezzo interrato nella sabbia (che finiva a qualche decina di metri dalla riva) proprio lì si apriva la bocca di uno scarico fognario e il piacere del bagno finiva subito.

Pensavo che le cose fossero migliorate, ma così non è.

Forse i Siciliani non amano abbastanza la loro splendida terra?

 

Per le coraggiose sorelle afghane

Le donne afghane non ci stanno!!!

Scendono in piazza a volto scoperto e chiedono che non siano cancellate le conquiste degli ultimi vent’anni. Quando si è assaporato il gusto di sentirsi rispettate nella propria dignità e nel  diritto alla propria individualità, non è possibile lasciarselo negare senza ribellarsi.

Gli uomini afghani (almeno quelli appartenenti all’esercito) hanno dato una ben meschina prova di sè e si sono arresi senza un minimo di resistenza, ma le donne scendono in piazza.

Sanno di rischiare punizioni severissime e forse la stessa vita, ma protestano a viso aperto, per se stesse e per le proprie figlie, che devono poter vivere la loro giovinezza andando a scuola e preparandosi a una vita dignitosa e non essere “vendute” come spose-bambine a pedofili senza scrupoli. Ma dove sono i loro mariti, i loro padri, i loro fratelli? Perchè non sfilano insieme alle loro donne?

Coraggio, sorelle! Il mondo  spera nella vostra determinazione per veder uscire il vostro paese dall’incubo in cui sta precipitando.

8 settembre 2021.

E’ un giorno importante!

Festeggiamo Samuele che compie 14 anni! Buona vita, Samuele! Ti accompagnerà sempre il calore dell’affetto di tutti noi che ti vogliamo bene.

Festeggiamo poi mia sorella, Sr, Giovanna Chiara, che 61 anni anni fa entrava in convento a Carpi, tra le suore Cappuccine. Ora è in Thailandia da 53 anni e il suo fisico risente delle fatiche di una vita spesa per il bene delle sue comunità monastiche. Fortunatamente è circondata da tanto affetto e , direi, venerazione da parte delle sue consorelle e questo ci dà la certezza che è e sarà sempre accudita nel migliore dei modi.

Auguri Vanna!

Grazie, ragazzi!

Alla fine di questa estate ricca di eventi sportivi, chi volesse fare un bilancio dovrebbe constatare quanto si siano fatti onore i giovani italiani  negli Europei di calcio e di pallavolo,  nel tennis, nelle Olimpiadi e nelle Paralimpiadi

In queste due ultime manifestazioni i nostri atleti hanno conquistato più  medaglie  di sempre. Abbiamo gioito davanti ai teleschermi in tanti momenti indimenticabili, ma soprattutto ci siamo commossi ad assistere alle imprese incredibili degli atleti che hanno partecipato alle Paralimpiadi. Che lezione di coraggio, di forza, di voglia di vivere nonostante le difficoltà!!

Dispiace che non sia stato dato loro tutto lo spazio e l’attenzione che avrebbero ben meritato, ma ugualmente credo che ogni volta che mi verrà in mente di lamentarmi o di piangermi addosso per qualche problema, mi torneranno alla mente le immagini di questi ragazzi, così meravigliosamente innamorati della vita, anche se la vita  li ha colpiti tanto duramente.

E’ un orgoglio per tutto il nostro paese aver conseguito risultati tanto prestigiosi, perchè dietro a ogni medaglia c’è l’impegno e la dedizione di tante persone, che dedicano le loro energie migliori allo sport e ai suoi valori, dandoci un motivo per sperare: un paese che ha  giovani tanto speciali può credere nel futuro.