Sul lago dorato.

Oggi Rai Movie ha ritrasmesso un vecchio film . Era il 1981 quando Henry Fonda e sua figlia Jane,  affiancati da una già tremolante , ma sempre stupenda Kathryn Hepburn, interpretavano il film ” Sul lago dorato”. Ho letto recensioni contrastanti su questo film: accanto all’ unanime apprezzamento per gli interpreti, c’ è chi accusa la sceneggiatura di sentimentalismo mieloso.

Io sono rimasta colpita da due sequenze in particolare. La prima è quella in cui viene detto dalla Hepburn, per giustificare il comportamento sgradevole del marito, che i vecchi leoni  hanno bisogno ogni tanto di ruggire per convincersi di essere ancora in grado di farlo. Ho visto anch’ io alcuni comportarsi così: consapevoli della fine imminente, l’  orgoglio li portava a nascondere l’umiliazione di dover dipendere dagli altri e la paura, che li attanagliava, dietro atteggiamenti quasi aggressivi e provocatori.

Alla fine del film poi la morte viene descritta come qualcosa di freddo, sì, ma non così terribile. Credo che dopo una lunga vita trascorsa secondo i propri convincimenti, venga spesso in mente l’ idea che la morte in fondo è  come una sorella pietosa che pone fine alle sofferenze e alla solitudine.

Nonostante le critiche non sempre benevole, questo film mi emoziona sempre e mi fa gioire della recitazione di attori eccezionali.

 

 

Serata TV tra B. e Z.


La serata televisiva aveva il suo punto di attrazione nella partecipazione di Berlusconi a “Servizio Pubblico” e tutti scommettevano sull’ eventualità che l’ ex premier abbandonasse anzitempo la trasmissione sotto l’ incalzare delle domande di Santoro.
A giudicare dai commenti su Facebook e dai tweet su Twitter pare che fossero tutti sintonizzati su La7…..io invece ho guardato con grande soddisfazione il concerto “Sesion cubana” di Zucchero, che è uno dei miei musicisti preferiti fin dai suoi esordi.
E’ stato un concerto entusiasmante: la musica di Zucchero è sempre piena di energia quando il ritmo è più incalzante , ma coinvolgente e , direi, dolcemente avvolgente, nei momenti più intimisti. La sua voce poi del tutto particolare pare non risentire dell’ età che avanza e ha cantato per oltre due ore trascinando il foltissimo pubblico cubano che seguiva con entusiasmo crescente la sua performance.
Io , mentre seguivo il concerto, mi divertivo a interrompere, sui social network, i commenti sull’ intervista a Berlusconi con i miei commenti sulle canzoni di Zucchero…. Da quel che ho capito sia Berlusconi che Zucchero hanno sfoderato il loro repertorio ampiamente conosciuto, ma vuoi mettere le solite battute sui comunisti con una travolgente “Per colpa di chi…” o con la dolcissima “Diamante” impreziosite da un accompagnamento di musicisti di prim’ ordine?

Grazie, Benigni!

Grazie, Benigni!
E’ appena terminata la sua lettura della nostra Carta Costituzionale e mi sento di ringraziarlo dal profondo del cuore. Non so quante persone lo abbiano ascoltato, ma spero che siano stati tanti gli Italiani sintonizzati su RAI UNo questa sera.

Dopo un inizio infarcito di battute divertenti sul nostro presente politico, che ricalcavano i suoi tanti monologhi in cui la satira verso i partiti e i leader sono sempre stati il suo cavallo di battaglia, poi si è cimentato con l’ analisi della prima parte della Costituzione. Qui il discorso si è via via infervorato e ha riempito le orecchie e l’ anima di chi lo ascoltava con parole che bisognerebbe sentire più spesso: il valore di ogni persona, il valore della democrazia, della politica, la condanna di chi disprezza la politica, il valore del voto , il prezzo che tanti prima di noi hanno pagato per giungere ad affermare questi valori…..

Mai come stasera ho apprezzato la bellezza della nostra Costituzione e mi sono sentita orgogliosa della nostra storia, del nostro patrimonio culturale unico e irripetibile …
Ringrazio per questo i Grandi che scrissero questo documento anticipando profeticamente principi allora ancora nelle menti di pochi, quali la difesa dell’ ambiente o la visione di un mondo che supera i confini per costruire una pace basata sul rispetto e sulla solidarietà… e ringrazio Benigni ….che ha cercato solo inizialmente di farci ridere, ma poi ha soprattutto cercato di guidarci a capire chi siamo.

Margherita adesso è …nostra.

I poeti, i musicisti, gli artisti in genere sanno interpretare i sentimenti e l’ anima della gente in modo mirabile.
E’ questo quello che ho pensato sabato sera quando ho sentito Cocciante cantare in TV.
Era ospite della trasmissione “Ti lascio una canzone”, trasmissione alla quale va riconosciuto uno sforzo notevolissimo per la preparazione dei piccoli interpreti, ma che suscita sempre la mia perplessità sull’ opportunità di esporre bambini così piccoli a un impatto tanto forte con la notorietà : non si corre il rischio di farne dei disadattati una volta che si saranno spente le luci della ribalta?

Ma torniamo al tema che mi ha spinto a scrivere questo post. Quando Cocciante ha cantato le sue canzoni, tutto il pubblico ha cantato con lui e quando poi ha intonato la sua canzone più famosa , “Margherita”, e lo ha fatto accompagnandosi per un tratto con qualche accordo al pianoforte e poi “a cappella”, cioè senza accompagnamento di alcuno strumento, l’ emozione che pervadeva il pubblico presente nel teatro è passata anche al di qua dello schermo-
Così mi son ritrovata anch’ io a canticchiare quei versi che si sono impressi nella memoria di tanti di noi per la forza espressiva delle parole e per la magia della musica che le accompagna.

Quanto più l’ artista sa raggiungere queste vette espressive, tanto più è destinato a superare i confini del tempo perchè la sua opera non è più solo sua, ma diventa nostra ….

“E state con noi”

“E state con noi” è la nuova (si fa per dire) trasmissione, condotta da Paolo Limiti che va in onda nello spazio occupato durante la stagione autunno /inverno dalla Clerici e dalla sua cucina.

Come ho già detto, non c’ è nulla di nuovo, la formula è la stessa già proposta molti anni fa e anche molti dei protagonisti sono gli stessi di allora.
Purtroppo c’ è anche il solito pupazzo/cane dalla voce stridula con battute che vorrebbero essere divertenti, ma a volte non lo sono.
Limiti poi è sempre uguale a se stesso: il solito modo di fare un po’ sdolcinato, il solito gusto per il gossip e le solite domande sulla vita sentimentale dei suoi ospiti, ma anche la grande conoscenza della musica leggera e non solo.
Tra tante cose che sanno di déjà vu , ieri c’ è stata una novità non molto felice, a mio avviso: un ballo interpretato da giovanotti in costume da bagno che vorrebbe attirare il pubblico femminile un po’ attempato che costituisce il target della trasmissione; a me è sembrata una mossa volgaruccia , ma forse altre avranno apprezzato, non so….

Nonostante questi “difetti” , io continuerò a guardare, mentre mangio il mio pranzo solitario, la trasmissione di Limiti, perchè i brani musicali proposti (canzoni vecchie e nuove di ogni genere, romanze, pezzi famosi di opere liriche) sono sempre eseguiti in modo superbo, da professionisti che non sono certo sulla cresta dell’ onda, ma che sanno cantare , suonare, ballare … e non sempre è così in tivù.