U.T.E. : buona la prima!

Ieri, prime lezioni all’ università della Terza Età (U.T.E) .

Nel quadro di un ciclo pluriennale mirato alla conoscenza dei paesi dell’ Unione Europea, molte attività dell’ anno appena iniziato avranno come fulcro l’ Ungheria, con la sua storia, la sua letteratura e la sua cultura, che fanno di questo paese un caso singolarissimo nel nostro continente. Per questo la prima lezione ci ha introdotto alla  storia di questa terra, dalla Pannonia romana all’ anno mille con le varie ondate migratorie che hanno interessato l’ Europa tutta.

Nella seconda ora invece  un medico ci ha parlato della colonna vertebrale, o meglio del rachide, illustrando con schede molto semplici  la sua conformazione e le sue degenerazioni.

E’ stato tutto molto interessante . L’ aula era piena: le donne erano molto più numerose degli uomini e questo depone a tutto favore delle donne, che non perdono la voglia di imparare e sono sempre pronte a mettersi in discussione e a migliorarsi, mentre gli uomini forse per pigrizia  preferiscono farsi una partita a carte.

Università della Terza Età .

Non ho potuto presenziare ai due incontri di apertura delle attività dell’ Università della Terza Età che da anni funziona qui a Erba, ma venerdì scorso ho assistito, insieme ad un’ amica, allo spettacolo allestito nel corso della stagione passata dal gruppo teatrale.

Era una commedia basata sugli equivoci , dalla trama semplice che puntava sull’ efficacia espressiva del dialetto , su battute gustose e sulla bravura degli interpreti: non mi aspettavo tanta “spontaneità” e disinvoltura da attori dilettanti. Lunghi  applausi hanno salutato la compagnia alla fine dello spettacolo.

Se il risultato della frequenza dei corsi è così apprezzabile, credo che mi iscriverò, anche se non potrò frequentare  tutte le lezioni. In particolare oltre alle conferenze di storia, letteratura, medicina ecc. sono previsti corsi di inglese, di storia dell’ arte, di canto corale, un apprezzatissimo cineforum…e altro ancora.

Credo che mi informerò per bene circa le formalità e i costi e poi deciderò che cosa seguire,