Positivi nell’ anima.

Il Cardinale Tettamanzi nel lasciare la diocesi di Milano,  ha promosso una campagna di raccolta fondi. La campagna si chiama “Positivi nell’ anima” e i fondi raccolti verranno destinati all’ ospedale di Chirundu in Zambia (fondato e amministrato dalla diocesi di Milano) per evitare la trasmissione dell’Aids da madre a neonato. Chi volesse partecipare alla campagna può chiamare o mandare un sms al 45509 e con questo gesto donerà non solo due euro, ma anche una speranza di salute.

Partecipare a questa campagna sarà come dire un grazie al cardinale che sta per lasciare la sua diocesi: ci mancheranno la sua bontà, la sua umanità , la sua sensibilità verso gli ultimi e il suo coraggio nell’ opporsi alle ingiustizie.  Grazie, don Dionigi!

http://www.positivinellanima.it/

Una cartolina dalla Brianza: La Rotonda.

Alla periferia di Inverigo, piccolo centro dell’ Alta Brianza, si può ammirare la Villa Cagnola che è raffigurata in questa stampa ottocentesca.  Vi si accede da un lungo vialetto alberato che parte dalla statale Vallassina e si inerpica su una collinetta. E’ detta anche la Rotonda perchè è caratterizzata da una cupola centrale dal soffitto mirabilmente decorato.

Costruita dall’ architetto Cagnola come propria abitazione, ospita ora la fondazione Don Gnocchi  per il

recupero e la riabilitazione di bambini disabili. E’ circondata da un vasto parco che si inserisce in una zona particolarmente verdeggiante e ancora quasi ignorata dalla speculazione edilizia che ha divorato vaste zone boschive  nei dintorni. Oggi ho avuto modo di ammirare questa villa, solo all’ esterno però,  perchè all’ interno sono ospitati tanti bambini sfortunati, che hanno almeno un piccolo privilegio: quello di essere ospitati in un luogo che  li circonda e li abbraccia con la sua bellezza.

A proposito di testamento biologico…

Da diversi anni non avevo più visto l’ ultima zia ancora in vita : la zia T. , che sempre era stata vicina ai miei genitori nei periodi più difficili. Per questo approfittando di una mia breve permanenza in Emilia sono andata a trovarla.

Ha più di novant’ anni ormai ed è affetta da demenza senile.  Mia cugina la cura con amorevole dedizione da molto tempo.

Al primo colpo d’ occhio non riconoscevo più in lei il viso che ricordavo: troppo deformato dalla malattia; poi a poco a poco si è risvegliata dal torpore, che è il suo stato  abituale, ha accennato un sorriso, che le ha restituito i tratti conosciuti e ha pronunciato chiaramente un “ciao”. Grande è stata  la sorpresa  di mia cugina : a suo dire erano anni che non rispondeva al saluto di nessuno!!!

L’ ho vista bere con la cannuccia, mangiare con gusto una merendina di frutta, imboccata dalla figlia. Chiacchierando sulla difficoltà di accudire un paziente in quelle condizioni, mia cugina ribadiva la sua volontà di non affidare mai la sua mamma a nessuna struttura ospedaliera o assistenziale ed ha raccontato come una persona di sua conoscenza accudisca un genitore in stato vegetativo sottoposto da tempo a nutrizione forzata, mentre il suo corpo è devastato da numerose piaghe da decubito. A un certo punto è stata pronunciata questa frase: ” Stanno nutrendo a forza un cadavere!”

 Ho raccontato questo episodio perchè è stata approvata una legge sul testamento biologico, che impedisce di esprimere la volontà di non essere sottoposti a nutrizione forzata: ora , mentre penso che ogni vita sia preziosa e che per questo vada accudita e tutelata sempre (così come è stato fatto per i miei genitori e come si sta facendo per mia zia), mi pare anche che non si possa togliere a nessuno il diritto di morire, quando la natura ha deciso che “tutto è compiuto”.

 Non vorrei mai diventare un corpo morto cui viene impedito, da un sondino, di esalare l’ ultimo respiro.

Una speculazione che punta al NULLA.

http://weuropa.gruppi.ilcannocchiale.it/glamware/groups/group.aspx?id_group=1252&t=post&pid=2666199&i=1

Se volete capire qualcosa di questo attacco speculativo, che minaccia non solo l’Italia, ma anche l’ Europa e gli USA, leggete questo articolo, che dà forma e sostanza a molte perplessità e ai dubbi angoscianti che questa crisi suscita in molti di noi.

Giornata estiva con temporale finale.

Avevo letto le previsioni che dicevano pioggia e temporali soprattutto nel pomeriggio, così stamattina ho cominciato a tagliare l’ erba del prato (prato è una parola grossa per quei 20 m. quadrati ) dietro alla casa. Avevo quasi finito quando è cominciata a cadere una pioggia fine fine che mi ha convinto a lasciar perdere i ritocchi (vicino ai muretti il tosaerba non arriva).

Nel pomeriggio il tempo era incerto e ho approfittato di uno squarcio di sereno per andare in biblioteca e per farmi una passeggiata . Al ritorno ho ripreso il lavoro in giardino e ho tagliato l’ erba anche dell’ aiuola davanti alla casa. Appena finito di rastrellare  l’ erba tagliata , l’ ho messa subito nei sacchi, così è già pronta per essere portata alla discarica comunale.  Mentre riponevo gli attrezzi, mi sono soffermata un attimo a guardarmi intorno: il cielo si era oscurato di nuovo e c’ erano delle nuvole nere che correvano velocissime verso nord, verso la montagna : doveva esserci un vento molto forte lassù…. Un falco roteava sopra i nostri tetti lasciandosi spingere dalle correnti: doveva godersela un mondo… Stavo pensando di andare subito a farmi una doccia per togliermi la polvere e il sudore di dosso, quando è cominciato a tuonare forte e subito dopo sono cominciate le prime gocce. Sembrava una pioggerella tranquilla, ma a poco a poco è diventata più violenta ed è cominciato anche a grandinare.  Chicchi grandi come grosse ciliegie percuotevano i vetri e le persiane : sembravano sassate. Ho rimandato l’ idea della doccia per correre nelle varie stanze a controllare che non entrasse acqua. Per tre volte la grandine è cessata e poi è ricominciata sempre più forte della volta precedente: il tutto sarà durato più di un’ ora, accompagnato da interruzioni di corrente. Alla fine l’ antenna condominiale è fuori uso, gli orti sono coperti da una poltiglia verde e non è rimasto nulla in piedi ; la mia macchina che resta all’ aperto ha qualche bollo in più, ma pazienza : uno più uno meno non fa differenza. Ai miei anziani vicini invece non funzionava più il frigorifero e mi hanno chiesto se da me fosse tutto in ordine. Sono andata a vedere cosa stesse capitando e da come saltava il salvavita ho capito che doveva esserci qualche guaio alla presa di corrente degli elettrodomestici; infatti era appesantita da troppe spine e staccandole la corrente ritornava. Così si è risolto anche quel guaio.

Adesso c’è un gran bel fresco, ma temo che da qualche parte i danni siano stati ben più gravi di quelli registrati qui.

Fukushima giorno per giorno (parte 3^)

Sono passati esattamente 4 mesi dal disastro nucleare di Fukushima in Giappone e, vista la scarsità di notizie in proposito, provvedo a continuare questa rubrica quindicinale attingendo ai titoli degli articoli di “Greenreport.it”:

28/6 – * Fukushima: stronzio radioattivo anche nel fondale      marino.  /  * Non si riesce a decontaminare l’ acqua radioattiva imprigionata in centrale.

29/6 – * Ecco come sarà il sarcofago in poliestere per coprire la centrale di Fukushima.

30/6 – * Non c’ è pace a Fukushima: difettose le valvole per decontaminare l’ acqua radioattiva.

1/7 –  * Altri “liquidatori” (personale che lavora in centrale) contaminate e nuove evacuazioni. / * La catena di errori umani a Fukushima. / *Il governo britannico ha cercato di minimizzare il disastro di Fukushima.

4/7 –    * La Tepco al lavoro per evitare nuove esplosioni di idrogeno.

6/7-      *Quattro amministrazioni locali giapponesi pronte a chiudere le centrali nucleari.

7/7 –      * Microbi per decontaminare acqua e suolo di Fukushima?    

8/7 –    *Caos per il riavvio della centrale nucleare di Genkai.

11/7 –    * Fukushima quattro mesi dopo: decine di anni per la dismissione e demolizione della centrale (sempre che si arrivi ad approntare una tecnologia in grado di risolvere il problema)

 Lascio qui il link di questo ultimo articolo , che più di tutti fa capire la reale portata del disastro avvenuto quattro mesi fa: http://www.greenreport.it/_new/index.php?page=default&id=11274

AGGIORNAMENTO DEL 13/7 ore 21: Leggo adesso che il governo giapponese ha deciso che si dovrà ricorrere sempre di più alle fonti rinnovabili  per diminuire la dipendenza del paese dal nucleare.

Donne a Siena…

Ho ricevuto via e.mail un resoconto scritto (di cui trascrivo la parte finale) e fotografico del raduno di Siena organizzato dal movimento delle donne “SE NON ORA, QUANDO?”. 

….C’è molto desiderio di unirsi oltre le differenze. C’è bisogno di rete ma anche di apertura, perché tutte abbiamo bisogno di tutte, mentre cercano di metterci le une contro le altre. Devono esserci reti locali su problemi specifici, reti che si connettano tra loro e con noi nelle forme che liberamente sceglieranno. Una rete stabile, aperta, inclusiva. Ma servono anche incontri fisici, di corpi. Qui non nasce un partito. La nostra ambizione è un paese per donne, e per tutti. Vogliamo parlare anche ai partiti, tutti. Non siamo nemiche dei partiti”.

Serena Sapegno e Titti Di Salvo “Qui non nasce un movimento – ha sentenziato la Sapegno – ma si rilancia un movimento, la cui parola d’ordine è organizzazione territoriale. In un’Italia così divisa, qui a Siena le donne hanno dimostrato di essere un punto di unificazione e da qui parte una nuova forza per cambiare il Paese. Dobbiamo essere inclusive, non abbiamo bisogno di escludere nessuna. Si difende e mette barriere chi è debole, e noi siamo fortissime. Dobbiamo compilare un’agenda delle donne, un’agenda di lavoro che cambierà tutto il Paese”).

Il movimento avrà un comitato nazionale che avrà un ruolo di coordinatore per lasciare totale spazio ai 120 comitati che in questi mesi si sono formati nelle diverse città. La rete avrà ampi margini di manovra e soprattutto di trasversalità, sarà aperta a tutte le forze politiche che vorranno sposare le battaglie in difesa della dignità delle donne, sia di centrodestra che di centrosinistra. Il prossimo appuntamento sarà in autunno (stralcio dal resoconto inviatomi dall’ amica Sonia S)  

    

L’ appuntamento è per il prossimo autunno e si affaccia una gran voglia di esserci. Chissà…

Chi ama la sua vita…

Il breve vangelo di oggi terminava così: “Chi cercherà di salvare (in altre versioni : chi ama…) la sua vita la perderà; chi la perderà, la manterrà viva…”

Il significato di queste parole  suona sempre  un po’ misterioso, ma questa sera su Rai Moovie (che coincidenza!) ho visto un film che pare essere stato proprio ispirato da quel passo di Luca.

Il film si intitola “La stanza di Marvin” ed è interpretato magistralmente da Merryl Streep, Diane Keaton , Leonardo Di Caprio e Robert De Niro. Si può trovare la trama particolareggiata a questo link : http://it.wikipedia.org/wiki/La_stanza_di_Marvin , io la accennerò brevemente per spiegarmi meglio.

Due sorelle hanno fatto scelte diverse nella vita e quando il padre (Marvin) viene colpito da ictus, la maggiore delle due (Diane Keaton) si dedica alla sua assistenza aiutata da una vecchia zia, la minore invece si allontana dalla famiglia: non può sprecare la sua vita . Inseguendo i suoi progetti però incappa nel  fallimento del suo matrimonio e nella difficoltà di crescere da sola i due figli: tutto questo la indurisce ,  la fa diventare insensibile  anche verso le inquietudini del figlio maggiore  .  Un giorno viene a sapere che la sorella , malata di leucemia, ha bisogno di un trapianto di midollo  e  tutti  i familiari sono invitati a sottoporsi a un test di compatibilità. Questo fatto riunisce dopo vent’ anni di lontananza e di disinteresse reciproco le due sorelle, che avranno modo di scontrarsi rinfacciandosi vecchi rancori . Lee, la più giovane , non può concepire di  vivere come ha fatto la sorella , ma non può non notare come lei sappia parlare ai suoi figli e capirli, come sappia rasserenare gli incubi del padre col gioco della gibigiana (i riflessi del sole catturati con uno specchietto) e assecondare le piccole manie della vecchia zia un po’ svanita.

La scena che sintetizza il significato del film è quella in cui la sorella maggiore  confessa di sentirsi fortunata perchè nella sua vita c’ è stato tanto amore, ma non parla dell’ amore ricevuto dal padre e dalla zia , bensì di quello che lei ha provato per loro e che ha dato un senso alla sua esistenza.

Inutile dire che alla fine  Lee decide di restare accanto alla sorella , facendo felici anche i suoi figli , che hanno finalmente trovato una vera famiglia .

…. chi perde (dona) la sua vita, la ritroverà…

Divorziare a sessant’ anni…

Segnalo due notizie. La prima è questa: viene imposta una tassa sulla richiesta di  separazione : 37 euro per le separazioni consensuali e 85 per quelle giudiziarie  e qui non c’ è nulla da eccepire. Infatti chi si separa reca una turbativa alla società e se richiede anche l’ intervento di un giudice  è normale che venga chiesto un contributo. http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-07-09/minitassa-anche-vuole-separarsi-131755.shtml?uuid=AaIlpemD

La seconda è sempre legata al tema divorzi/separazioni, che sono in aumento; ma la cosa che mi ha colpito è che sono raddoppiate le richieste in tal senso degli ultrasessantenni: http://www.agenparl.it/articoli/news/economia/20110707-famiglia-istat-aumentano-separazioni-tra-ultrasessantenni

Un divorzio dopo molti anni di convivenza ha come aspetto “positivo” il fatto che le sue conseguenze non dovrebbero più pesare troppo sui figli, già cresciuti e autonomi e forse proprio  il fatto di non doversi più preoccupare dei figli scatena l’ ansia di “libertà” di molti uomini, ai quali la scienza e la medicina consentono un illusorio prolungamento della “giovinezza” con il conseguente impulso a cercare aria nuova, magari tra le numerose fanciulle venute da lontano in cerca di una sistemazione.

Immagino che , per una donna di una certa età, dopo aver fatto sacrifici per crescere i figli , per assicurare benessere e comodità a tutta la famiglia, subire un divorzio sia uno choc notevole . Trovarsi improvvisamente sola e senza più molte possibilità di rifarsi una vita può creare grossi problemi di adattamento  (e il problema può essere anche più grave se non si può contare su un proprio reddito).

 Ora io vorrei dire a queste donne di non cadere in depressione, ma di valutare il lato positivo della situazione: in fondo hanno condiviso i loro anni di gioventù con un uomo attivo e in salute, il quale porterà in dote alla nuova compagna la quasi certezza di una vecchiaia rallegrata da acciacchi e malanni.

Perciò, donne, su con la vita ! A poco a poco troverete certo il modo per riempire la vostra vita con l’ affetto dei nipoti, dei figli, delle amiche e degli amici e, perchè no, con l’ impegno in qualche associazione di volontariato, mentre il vostro ex sarà impegnatissimo a voler sembrare giovane e gagliardo e scoprirà forse troppo tardi quanto era bello lasciarsi coccolare dalla “vecchia” compagna.

Certo non tutte le situazioni sono riconducibili a quanto ho detto sopra. Ad ogni buon conto  sarebbe bene che tutte le giovani donne  cercassero di ottenere una propria indipendenza economica : non si sa mai quello che può capitare…

Se non ora, quando? …. tutte a Siena.

 «Per strade e radici diverse, a Siena, si incroceranno donne che vengono dal sindacato, dalla politica, dalla cultura, dall´arte, dalla società civile: da Susanna Camusso (Cgil), a Giulia Buongiorno, Flavia Perina (ex direttrice del Secolo d´Italia), Paola Concia e Rosy Bindi (Pd), Lorella Zanardo (regista del documentario «Il corpo delle donne») Sabina Castelfranco (corrispondente Cbs), Cristina e Francesca Comencini, Sofia Sabatino (Rete degli studenti), Souheir Katkhouda (dell´Associazione donne musulmane)» e altre migliaia di donne, molte ancora senza ruolo, che da Siena vogliono riprendere la rotta e indicare alla politica le priorità di una battaglia di contenuti, di sostanza” http://www.unita.it/donne/se-non-ora-quando-siena-la-forza-delle-donne-1.311979

Le prime a far scricchiolare il muro di gomma dell’ apatia nazionale sono state le donne e oggi quelle stesse donne, al di fuori e al di sopra delle idee politiche si riuniscono a Siena per discutere di lavoro, corpo, rappresentanza e maternità.

Forse per la loro stessa natura le donne sono più proiettate verso il futuro , perchè si preoccupano  di cosa accadrà ai loro figli (inciso: in Africa le organizzazioni assistenziali consegnano gli aiuti alle donne , che li portano ai loro figli, mentre gli uomini li utilizzerebbero per sè) per questo sentono, prima del resto della società, la spinta a fermare la corsa verso il nulla che ci sta travolgendo.

Forza donne! Non sono tra voi, ma sono certamente e ugualmente con voi!