Il giovane Cameron.

Da ragazzina, ho avuto modo di leggere, grazie a mio fratello, più di un libro umoristico dell’ autore inglese Wodehouse.

Il protagonista era sempre un giovane , fatuo dandy inglese, rampollo di famiglia nobile, dedito a una vita scioperata, solo alla ricerca di inviti nelle case dei vari lord amici di famiglia. Al suo fianco c’ era sempre “l’impareggiabile Jeeves” il compassatissimo maggiordomo che doveva sempre intervenire per rimediare alle malefatte del suo padrone.

In questi romanzi i giovani dedicavano le loro serate e il loro tempo libero (che era tanto) a bere fino a all’ abbrutimento, a ideare stupidi scherzi ai danni di lord più attempati, ma altrettanto al di sopra delle righe.

Credo che l’ autore dipingesse , esagerando certo un po’, quello che era , e probabilmente è ancora,  il reale modo di vivere di certa gioventù inglese.

Oggi si parla della prossima uscita di un libro sugli anni giovanili del premier, David Cameron, che  pare siano stati piuttosto movimentati e gli opinionisti si chiedono se ciò nuocerà alla carriera politica del primo ministro.  Io penso che il libro ridarà un po’ di fiato all’ industria del pettegolezzo ( un po’ in difficoltà in un momento in cui la casa reale inglese non offre molti spunti), ma gli elettori non si  stupiranno  molto……sarà come rivedere un vecchio film già visto e rivisto tante volte.