Moto e motorini, armi per aspiranti suicidi?

Incidente in motocicletta

La notizia è così normale ormai che si rischia di scivolare via con gli occhi appena letto il titolo pensando: è il solito incidente…..

Ma a leggere le statistiche si scopre che la mortalità negli incidenti in cui sono coinvolte delle motociclette è impressionante:. Copio -incollo dal sito dell’ ACI:

“Se l’indice di mortalità medio dei veicoli è pari a 0,9%, per motocicli e biciclette è più che doppio
(1,9%). L’indice di lesività, che nella media è pari a 71,3%, raggiunge il 100% per i motocicli, il 99,1 per i motorini e il 93,3 per le biciclette. Da notare, infine, che, in caso di incidente mortale in autostrada, nel 30,8% dei casi è coinvolto un veicolo per il trasporto merci”.

Le vittime di questi incidenti sono per la maggior parte tra i 20 e i 24 anni , l’ età in cui una volta si moriva in guerra….. muoiono molti più ragazzi sulle nostre strade che nelle missioni militari.

Mi chiedo se non si possa fare qualcosa: perchè non rendere obbligatori anche su strada quei paraschiena che usano i piloti professionisti o, ancor meglio, perchè non limitare la potenza dei motori. A volte in autostrada e anche sulle strade normali ti vedi superare da bolidi rombanti che sfrecciano via come schegge : a quella velocità basta un sasso, una buchetta nell’ asfalto ed è la fine. E’ l’ immagine di questi giovani esaltati dalla velocità, aspiranti suicidi) che mi ha sempre reso irremovibile davanti alle richieste dei miei figli di avere un motorino e ne sono contenta.

Ci mobilitiamo per tante buone cause, ma non vedo molta attenzione per questo problema, che porta via tante, troppe giovani vite.

4 thoughts on “Moto e motorini, armi per aspiranti suicidi?”

  1. Sei stata saggia e ascoltata dai tuoi figli che hanno rinunciato al motorino . Anche mio marito non ha potuto avere il motorino quando era ragazzo ma appena ha potuto, di vespa in vespa, di scooter in scooter, di moto in moto adesso, con i capelli bianchi, cavalca una BMW 1200 e pretende che io, dura come uno stoccafisso, ci salga su e lo segua nelle sue escursioni. E’ questo lo scotto che sto pagando perchè non ha avuto il suo motorino al momento giusto. Una sera sento la moto sotto casa, è rientrato, mi sento sollevata ma, dieci minuti dopo ricevo una telefonata per mandargli il servizio recuperi chè ha avuto uno scontro frontale. Un ragazzino che ha “rubato” la moto al fratello lo ha colpito in pieno, il carburatore gli ha salvato la gamba, con una Kawasaki 1000 rompendosi un piede. Moto da buttare subito sostituita. Se i ragazzi prendono a prestito le moto degli amici è anche peggio!!! L’uso del casco ha salvato molte vite, ci vorrebbero sempre i guanti e giacche di pelle anche con il caldo , prendono anche la patente, e speriamo che se la cavino, sempre. Ciao

    1. Per fortuna ai miei figli non è rimasto nessuno strascico dalla mia proibizione del motorino, Non so se riuscirei a seguire un marito centauro, anche perchè credo di essere salita su una moto una o due volte al massimo con mio fratello e la cosa non mi ha entusiasmato…
      Io credo che si dovrebbe per legge limitare la potenza dei motori , almeno di quelli usati dai più giovani… Ciao, nonna mimma!

  2. Cara Diana predichiamo bene a proposito dei motorini ma io razzolo male perchè, sempre con prudenza , guido lo scooter quando scollino o faccio tragitti più lunghi che in bicicletta sarebbero faticosi . Trovo molto comodo andare a fare i vari acquisti fermandomi a pochi passi dalla mèta senza dover cercare parcheggio che con l’auto torverei a caro prezzo e lontano. Moto e motorini sono ormai d’uso comune per gli spostamenti, specie in città, per superare anche lunghe code di auto imbottigliate nel traffico. Peccato che tu non possa apprezzarne l’utilità e non so se i tuoi figli vanno in moto.
    Mio figlio ,che non ha avuto un suo motorino, usava il mio ciao, poi il boxer, solo per necessità. Ora mi preoccupa un po’ perchè porta la figlia in moto anche se per brevi tragitti e con prudenza.
    Posso anche confessarti che mio marito ha fatto potenziare il mio scooter e solo per il collaudo il meccanico lo riporta alla normalità per poi ripotenziarlo. Credo che lo facciano in molti. Le percentuali di incidenti con moto sono inferiori a quelle che coinvolgono biciclette. C’è un destino? ” Io, speriamo che me la cavo”. Ciao

  3. Io non condanno un uso responsabile del motorino, ma l’ uso scriteriato che ne fanno taluni giovani… per il resto mi ha fatto ricordare che è vero che sono salita solo un paio di volte su una moto, ma che ho usato a lungo un ciclomotore di quelli che si avviavano pedalando.. non mi ricordo come si chiamasse. Sono passati più di 40 anni!!! Lo usavo per raggiungere proprio quei paesi che ora sono stati distrutti dal terremoto… Ciao, nonna mimma e grazie della tua presenza su questo blog.

Comments are closed.