UTE: invasioni barbariche – benefici tratti dai programmi aerospaziali.

La nostra apprezzatissima docente, Alberta Chiesa, ieri ha continuato a illustrarci la storia delle invasioni barbariche. Nel mirino c’erano i popoli che hanno determinato lo sgretolamento dell’Impero Romano d’Occidente: Vandali, Ostrogoti e Visigoti.

Già nel II/III secolo d.C. questi popoli furono arruolati nell’esercito romano come mercenari, sia per il loro valore, sia per cercare una specie di integrazione che li rendesse meno pericolosi.

La prima invasione fu quella dei Vandali, popolo politeista, poi convertito all’arianesimo*; erano guidati da due re; usavano incenerire i loro morti e seppellire poi le ceneri insieme alle armi del defunto. Sotto la spinta dell’avanzata dei Goti si insediarono in Pannonia (odierna Ungheria) nel 335, ma ne furono cacciati dall’arrivo degli Unni e si diressero verso Francia e Spagna lasciando dietro di sé morte e distruzioni. Arrivarono poi a stabilirsi sulle coste settentrionali dell’Africa dove fondarono un Regno florido e impararono l’arte della navigazione tanto da diventare i signori del mare. Conservarono le leggi e l’ordinamento dei Romani fino alla fine del loro regno nel 534, quando furono sconfitti da Belisario a capo dell’esercito bizantino.

I Goti erano divisi in  tribù, tra le quali ricordiamo I Visigoti e gli Ostrogoti,  provenivano dalla Scandinavia e si stanziarono nell’odierna Polonia. I Visigoti nel 375 fanno una richiesta umanitaria all’imperatore romano e ottengono di insediarsi entro i confini dell’impero, ma le  condizioni cui dovettero assoggettarsi erano insostenibili e ben presto si ribellarono. Invasero prima la penisola Balcanica, poi devastarono le città italiane e infine si diressero verso la Spagna dove fondarono il loro regno.

Gli Ostrogoti, incalzati dagli Unni, invasero l’Italia sotto la guida di Odoacre e nel 476 deposero l’ultimo imperatore romano, il piccolo Romolo Augustolo. Odoacre governò con saggezza, ma contro di lui fu mandato dall’imperatore romano d’Oriente, Teodorico, che fece uccidere Odoacre e tutta la sua famiglia. Anche sotto Teodorico le province italiane vissero un periodo di pace e di sviluppo. Egli aveva come segretari due senatori romani: Cassiodoro e Severino Boezio, quest’ultimo fu poi fatto uccidere quando Teodorico cominciò a temere il tradimento dei Romani. In Italia a ricordo di quel tormentato periodo restano numerose tracce: a Pavia il palazzo di Teodorico e la sua villa per la caccia;  a Roma furono ricostruiti molti edifici e rimesso in funzione l’acquedotto, a Ravenna il Mausoleo di Teodorico …

Da queste invasioni traggono origine gli attuali stati nazionali europei.

______________________________________

La conquista dello spazio diede una spinta notevole alla ricerca scientifica e questo porto alla scoperta di innovazioni sorprendenti in moltissimi campi. Spinoff è il sito che mette in evidenza le ricadute della ricerca spaziale sulla  nostra vita di tutti i giorni. Sarebbe troppo lungo elencarle tutte, ma esse interessano: il campo della medicina (nuovi termometri, nuovi apparecchi ortodontici, apparecchi acustici, protesi che non danno rigetto…); nelle costruzioni (cemento alla cenere, ammortizzatori antisismici, Lidar per misurare le distanze…); nei trasporti aerei (controllo dei voli, navigatori per atomobilisti); nell’agricoltura (trattori con pilota automatico, …); nelle  comunicazioni (oggi possiamo telefonare in ogni parte del mondo in pochi istanti)……… Anche i moderni materassi in memory sono frutto della ricerca spaziale.

La quantità e la qualità di queste innovazioni ha lasciato tutti noi a bocca aperta:  non potevamo nemmeno immaginare le cose incredibili che la ricerca spaziale  ha reso possibili.

 

 

Leave a Reply