Cantare insieme in libertà…(lasciando andar la voce dove va..)

Quando ancora ero alle superiori, in estate sono andata più volte a fare da educatrice /assistente a bambini e adolescenti in montagna. Erano gruppi organizzati dalla diocesi in modo molto semplice e informale.

Diquelle esperienze ricordo con gran piacere il senso di benessere che mi dava l’ aria di montagna, la bellezza  e l’ incanto dei paesaggi, sia che fossero prati verdi dove l’ erba ondeggiava ad ogni soffio di vento, sia che fossero orizzonti sconfinati limitati da “cime ineguali” splendenti di neve; tutto questo era reso ancora più piacevole dall’  atmosfera di amicizia che si stabiliva sia tra gli adulti sia tra adulti e ragazzi.

La sera , quando i ragazzi erano ormai addormentati nelle camere,  noi educatrici ci riunivamo per prendere accordi sulle attività del giorno successivo e alla fine c’ era sempre chi proponeva : – Facciamo una cantatina?- Allora si intonava un canto di montagna,  o di lavoro o canti folkloristici. Questo serviva moltissimo a cementare l’ amicizia all’ interno del gruppo, a sentirsi “comunità”.

Il giorno seguente gli stessi canti accompagnavano le nostre escursioni o le soste nei rifugi al calore di un camino acceso.

Da allora la passione per il canto corale mi ha accompagnato sempre e mi ha indotto a far parte di una corale prima  e poi a riservare sempre al canto qualche momento  anche nell’ orario settimanale della programmazione per le mie classi.

Uniformare la propria voce a quella dei compagni e esprimere insieme la stessa emozione contribuisce molto a suscitare e rafforzare lo spirito di gruppo  e crea un senso di appartenenza che dà sicurezza .

La Giubiana

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cronaca/182307_cant_brucia_la_giubiana_migliaia_i_curiosi_in_piazza/

Ieri sera, ultimo giovedì di gennaio, si è bruciata in piazza a Cantù e in altro località dei dintorni “la Giubiana” Ci sono molte versioni sull’ origine della festa , che si perde nella notte dei tempi. A Cantù il rito rievoca una storia medievale legata alla guerra tra Comuni. Ecco cosa dice in proposito Wikipedia:

“A Cantù ad essere simbolicamente immolata su una pira di legno posta nel centro di piazza Garibaldi, nel centro cittadino, è una giovane bellissima che secondo la tradizione rappresenta una castellana che ebbe l’ardire di tradire la città in un lontano passato, forse nella guerra tra milanesi e comaschi del XII secolo. Cantù, alleata a Milano contro la città lariana, subì infatti una dura sconfitta ma la guerra fu infine vinta dai milanesi che conquistarono Como decretando così, secondo questa interpretazione della leggenda, anche la condanna al rogo della giovane. Una tremenda sentenza che viene simbolicamente ricordata ogni anno nella serata dell’ultimo giovedì di gennaio.

Non a caso prima del rogo a Cantù si organizza un corteo con costumi storici: su un carro trascinato a mano e scortato da armigeri, frati e un boia viene caricata la Giubiana, ossia un manichino di donna esposto giorni prima in un locale di via Dante, a due passi da piazza Garibaldi, ad un ipotetico pubblico ludibrio. Durante il corteo, che raggiunge poi il municipio e quindi la piazza centrale per il rogo, viene anche data lettura della condanna. Si tratterebbe comunque di una leggenda visto che non esistono fonti che leghino alla verità storica questi fatti.”

In altre località la Giubiana viene invece rappresentata come una vecchia strega che  rapiva i bambini, e altrove ancora pare rievocare antichi riti propiziatori prima della semina .

Ovunque la festa si conclude con risotto e salsicce.

Una notte infinita…

Panoramica campo-2.gif

Quello che si vede nella foto è il campo di concentramento di Fossoli, località vicina a Carpi.

Da qui partì Primo Levi con un treno che lo portava  verso la più terribile delle prigionie.  Fossoli fungeva da campo di smistamento e Levi ricorda quei momenti in questa poesia:

Il tramonto di Fossoli
 
 
Io so cosa vuol dire non tornare
A traverso il filo spinato
ho visto il sole scendere e morire;
ho sentito lacerarmi la carne
…le parole del vecchio poeta:
“Possono i soli cadere e tornare:
a noi, quando la breve luce è spenta,
una notte infinita è da dormire”
P. Levi

Mi è capitato una volta di passare in mezzo a quelle baracche ; il pensiero che anche un’ opera di grande solidarietà come “NOMADELFIA” di don Zeno Saltini avesse preso il via da lì, non riusciva a cancellare le immagini di dolore e di orrore che esse richiamavano alla mente.

C’ è chi non avverte la crisi.

http://www.laprovinciadicomo.it/stories/erba/179503_il_miracolo_della_mectex_al_lavoro_sette_giorni_su_sette/

La notizia è di qualche giorno fa, ma è di quelle che alimentano l’ ottimismo  e nei momenti bui bisogna essere ottimisti.

Qui a Erba un’ industria tessile non teme la concorrenza dei cinesi e lavora a pieno ritmo; soffre solo perchè lo Stato ritarda i pagamenti delle forniture . E’ un ‘ industria che produce filati speciali per l’ abbigliamento degli sportivi, come piloti e nuotatori, e per i nostri soldati in Afghanistan.

Forse questa azienda indica a tutti la strada da percorrere: produrre cose tecnicamente avanzate.

Iva non aveva più l’ età…!!

http://www.leggo.it/articolo.php?id=102723&sez=ITALIA

Iva Zanicchi difende a spada tratta il premier e dice : “IO HO LAVORATO A MEDIASET PER 25 ANNI E NON SONO MAI STATA INVITATA ALLE FESTE di Arcore. Ho solo incontrata sua madre in Sardegna.”

Facciamo un semplice calcolo mentale: Iva è del ’40 e ha cominciato a presentare “il prezzo è giusto” nel 1987…….TAC (direbbe Pozzetto) : NON AVEVA PIU’  L’ETA’  PER ALLIETARE IL SULTANO, MA SOLO QUELLA PER FARE DA DAMA DI COMPAGNIA ALLA DI LUI MADRE!!!   :-))

Memorizzare

http://www.repubblica.it/scienze/2011/01/24/news/memoria-11577456/?ref=HRERO-1

Mi pare che a volte gli scienziati si dedichino a ricerche complesse che sfociano talora nella proverbiale “scoperta  dell’ acqua calda”. Nell’ articolo si dice che alcuni ricercatori hanno “scoperto” che la memorizzazione è utile ai fini del consolidamento delle nozioni acquisite e del migliore sfruttamento delle nostre capacità conoscitive: e chi ha mai sostenuto il contrario?

C’ è stata a un certo punto una ribellione verso un insegnamento prettamente nozionistico e avulso da ogni esperienza pratica, … ricordate le famose scale del Sistema Metrico Decimale che ci venivano proposte alla memorizzazione prima ancora di aver tenuto in mano un metro o un decimetro?

Io ricordo il mio terrore davanti ai problemi della compravendita: io avevo imparato a memoria la formula, ma non avevo chiara la differenza tra ricavo e guadagno .

Per questo, quando sono stata dall’ altra parte della cattedra ho sempre puntato prima su esperienze concrete finalizzate a capire cosa si intendesse per metro, decametro e via dicendo e solo in un secondo tempo a memorizzare le formule.  Se giochi al mercato e fai finta di comprare  e vendere delle cose capisci cosa sia il costo e cosa si intenda per ricavo. Se poi  in seguito ricorri  alla memorizzazione delle formule, il cervello le fisserà per sempre insieme al loro reale e concreto significato.

Avendo avuto tre figli, ho avuto anche modo di veder attuata la strategia che prescindeva quasi totalmente dalla memorizzazione: essa è validissima per sviluppare la logica, ma costringe a una gran dispersione di energie: quando un concetto è chiaro , ripeterlo periodicamente è non solo utile , ma indispensabile per andarlo a ripescarlo velocemente nel cassetto giusto del tuo cervello.  Giusto ieri ripassavo le tabelline con Elisa: questo è un argomento in cui la memorizzazione è indispensabile e prima la si consegue, più proficui saranno i risultati.

Cosa dire poi delle poesie a memoria? Se proposte  senza eccedere nella quantità e puntando alla qualità , non solo costituiscono un buon esercizio per potenziare la memoria, ma forniranno a poco a poco un piccolo bagaglio di sentimenti, atmosfere, paesaggi, sensazioni espressi con armonia e buon gusto che ci verranno sempre alla mente nel corso della vita.

In memoria di un carrello amico.

L’ avevamo comprato 26 anni fa, dopo alcune esperienze in tenda, che ci avevano lasciato il ricordo di notti scomode e dell’ umidità che ristagnava dopo la pioggia.

Era bello , essenziale nel design e pratico: bastavano cinque minuti  dopo l’ arrivo in campeggio per aprirlo e avere tutto in ordine : era un carrello-tenda made in Denmark.

Il primo viaggio fu una vera avventura fantozziana: avevamo imballato le attrezzature in modo sbagliato e il telo di plastica che le avvolgeva si gonfiava d’ aria ogni pochi chilometri percorsi, perciò ci dovemmo  fermare a più riprese per risistemare il tutto

Arrivammo in Costa Azzurra e precisamente a S. Raphael decisamente provati  e fu così che ci fermammo al primo campeggio sulla costa che esponeva il cartello “posti liberi”; lì però tutte le piazzole migliori erano occupate stabilmente e ce ne venne assegnata una piuttosto   scoscesa e sassosa. Fu un’ impresa improba trovare una posizione di equilibrio e nonostante tutto quando si saliva sulle camerette il carrello ondeggiava sensibilmente. In realtà non c’ era nessun pericolo, ma  passammo ugualmente una notte insonne tra un ondeggiamento e l’ altro ogni volta che uno dei nostri figli si rigirava nel lettuccio.

Il giorno dopo ci trasferimmo in un campeggio poco più distante dal mare e potemmo sistemarci in una piazzola ampia, ben spianata e ombreggiata da alti pini marittimi: si stava veramente bene . Negli anni successivi andammo in Spagna, ancora in Francia e in varie località marine in Italia (campeggi carissimi, allora).

Lo abbiamo usato l’ ultima volta una decina di anni fa. Eravamo ai primi d’ agosto e avevamo penato tutto il giorno per trovare un posto libero sulla riviera adriatica. Era già buio quando abbiamo trovato un posto dove posizionare il carrello, aprirlo e buttarci esausti nelle camerette. Ci eravamo appena addormentati, quando un rumore terribile ci svegliò di soprassalto mentre tutto il carrello vibrava paurosamente: eravamo quattro adulti, per fortuna, e tutti e quattro ci catapultammo fuori dalla tenda mentre quel rumore assordante continuava ancora . Stavamo rischiando un infarto collettivo, ma subito capimmo cos’ era che ci aveva spaventati a morte: avevamo piazzato il carrello accanto a una rete metallica che ci separava dalla massicciata della ferrovia: quello che era passato a tre o quattro metri di distanza era un direttissimo Bari- Milano che in quel tratto sprigionava tutta la velocità di cui era capace!!!! Non cercammo di cambiare campeggio, perchè in quei giorni c’ era il tutto esaurito su tutta la costa; per due o tre notti non ci fu possibile dormire , poi venne un nubifragio che allagò il campeggio e ci costrinse a scappare in fretta e furia.

Da allora il carrello è rimasto inoperoso a deteriorarsi maliconicamente sotto le intemperie, anche perchè quando chiedevamo come potercene sbarazzare sorgevano sempre difficoltà: era targato, quindi bisognava portarlo alla demolizione, ma il demolitore voleva solo la carcassa e non le parti non metalliche…. il tempo ha fatto marcire queste ultime  e venerdì il carrello (ridotto a una scatola vuota) è stato issato su un carro attrezzi e portato via, ma sembrava non volesse andarsene, tanto hanno dovuto penare per caricarlo.

Nel vederlo allontanarsi mi son venuti in mente tutti questi ricordi che ho scritto qui.

Un suggerimento a Cicchitto.

“Cicchitto ha annunciato che è allo studio del governo una legge per l’abbassamento della maggiore età: «è una delle tante questioni sul tavolo», anche se «non è la più urgente». (da il sole 24 ore.it)

Vorrei suggerire a Cicchitto di prendere a modello la legge sulla maggiore età in vigore in alcuni paesi arabi : lì le bamibne a 9 anni diventano maggiorenni e possono legalmente essere vendute come spose-schiave ad anziani signori  più o meno ricchi che possono abusare di loro a piacimento senza incorrere in alcuna sanzione .

Una legge siffatta consentirebbe al suo capo di  perpetrare qualsiasi  sconcezza in santa pace …. e che non mi venga a dire che teme di suscitare lo sdegno degli Italiani …. Gli Italiani, ne abbiamo la prova, sono un popolo di larghe vedute e non si scandalizzano per certe inezie…   Vada tranquillo , caro Cicchitto!!!

Basta parlare di Ruby!!

Mentre tutt’ intorno a noi, sulle rive del Mediterraneo, si scatenano moti di piazza preoccupanti, noi parliamo solo di Ruby! Ogni canale televisivo ad ogni ora se ne occupa senza soluzione di continuità e questo non può che anestetizzare la capacità di critica della gente:  la perversione di un vecchio malato che , per nostra disgrazia , è anche il capo del governo, diventa solo un rumore di sottofondo cui nessuno farà più caso…. e il vecchio malato continuerà a galleggiare sulla indifferenza dei più.

Basta parlare di Ruby!!