Nell’ orto.

In autunno anche l’ orto e il giardino si devono preparare per  l’ inverno : dopo aver raccolto gli ultimi frutti si dovevano togliere le piante ormai secche dei pomodori e dei fagiolini, tagliare l’ erba  e raccogliere le foglie secche.

Quest’ anno ho avuto un aiutante d’ eccezione: il mio nipotino Samuele, di 4 anni, si è appassionato ai lavori dell’ orto e si è dato un gran da fare con rastrello e zappetta; poi mentre interravo  alcuni  bulbi  ha saputo spiegarmi che sarebbe stato necessario ricoprirli con la terra e poi aspettare, aspettare…aspettare tanto ” quasi cinquanta cento” , Questa dev’ essere una quantità davvero grande per lui perchè anche alla mamma vuole bene  cinquanta cento!!!

Ora tutte le mattine andiamo a controllare che tutto sia in ordine e Samuele sa che sotto la terra nera e umida ci sono delle piantine che aspettano la primavera.

Ancora “LIBERA”.

Ieri a casa di perone a me molto care, ho avuto il piacere di gustare autentico té inglese con pasticcini senza glutine. Chi conosce gli alimenti per celiaci, sa che spesso non sono proprio gustosissimi, anche se ultimamente si sono fatti passi da gigante in questo campo. Quei pasticcini erano gustosissimi !!!

 Ho chiesto da dove provenissero e a quale marca appartenessero; con mio grande piacere ho saputo che erano stati prodotti da una delle tante cooperative di “LIBERA”, l’ associazione di don Ciotti.

Coltivare i terreni sequestrati alla mafia e farne aziende sane, che operano alla luce del sole e che danno lavoro pulito , onesto e giustamente retribuito a tanti giovani prima senza speranza è un’ impresa che richiede il coraggio di don Ciotti e di chi lo coadiuva in quest’ impresa., perchè la mafia non perdona chi la combatte. Leggete cosa è capitato pochi giorni fa in un centro gestito da LIBERA

http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=15842

 

Un paese da guinness

http://www.corriere.it/esteri/11_ottobre_24/frattini-sarko-merkel-ridicolizzare-italia_a263bbd6-fe22-11e0-bb8b-fd7e32debc75.shtml

Frattini è in collera con Merkel e Sarkò perchè si sono lasciati andare a sorrisi molto ironici sull’ attendibilità delle promesse di Berlusconi, scatenando l’ ilarità di tutti i giornalisti presenti alla conferenza stampa di ieri.

Ma perchè irritarsi ora? E’ da un pezzo che il nostro premier cerca di mettersi in vista come buffone di corte alle assemblee internazionali e  ora dovrebbe essere contento di aver raggiunto il suo scopo.

Frattini e i suoi non sono mai insorti, non hanno mai protestato quando il “nostro eroe” faceva “cucù” alla Merkel o quando faceva le corna dietro le teste dei più importanti capi di stato o quando dava del Kapò a un parlamentare europeo o quando raccontava barzellette scollacciate….. Frattini non ha mai avuto niente da ridire…. anzi tutti quelli che facevano parte della cerchia degli amici di Berlusconi, ivi compresi ministri e giornalisti, si facevano in quattro per dire che tutto questo non danneggiava affatto l’ immagine dell’ Italia, anzi rafforzava  l’ idea del premier “simpatica canaglia” e quindi non poteva che favorirlo in termini elettorali.” Le sue gags – dicevano- vanno prese come innocenti bravate, che si addicono al suo personaggio”…. e arringavano come miopi bacchettoni coloro che condannavano questi atteggiamenti improbabili in un capo di governo.

E ora che l’ hanno capito tutti che il nostro premier è soprattutto un fantasista/showman/giullare/satiro  che cosa possiamo recriminare? Siamo lo zimbello del mondo  e l’ Italia può essere iscritta nel guinness dei primati come Nazione protagonista del maggior numero di barzellette , perciò meglio di così…

 

Ascoltando l’ autoradio.

Mi piace molto ascoltare la radio, sia in casa che  in macchina. Ed ero proprio alla guida della mia auto l’ altro giorno : stavo andando a prendere mia figlia e Samuele all’ aeroporto. La radio che ascolto abitualmente trasmetteva dei vaniloqui (almeno a mio giudizio) di calcio e quindi ho cambiato stazione a caso.

Ho cominciato ad ascoltare: credo fosse Radio Radicale che trasmetteva i lavori di una commissione parlamentare. Per quasi un’ ora ho sentito con mio grande stupore dibattere su un emendamento proposto dall’ on Butti secondo il quale nei talk show televisivi non si dovrebbero utilizzare dati, o tabelle o filmati tendenziosi, cioè tendenti a dimostrare una tesi precostituita. L’ assurdità della discussione mi sembrava tanto più tragica, quanto più veniva prolungandosi …..

Venerdì invece una stazione radio della RAI  ha trasmesso i lavori di un congresso dei notai e in ogni intervento si magnificava l’ utilità e lo spirito di servizio, nonchè la spinta all’ innovazione del paese che la categoria porta avanti da sempre (!!!???!!)

L’ Italia sta affondando , i giovani non trovano lavoro, l’ Europa si sta lacerando , il mondo sta cambiando alla velocità della luce ….. e qui si parla di questi argomenti? e gli si dà spazio?

Credo che sia un gran brutto segno.

Fine della storia di una strada ballerina?

Era la metà di gennaio, quando raccontavo questa storia assurda  https://www.nonnaonline.it/?p=1092

Raccontavo le mie perplessità circa l’ eventuale (ventilato) esproprio di una parte del cortile condominiale dopo oltre trent’ anni di possesso.

Ora parrebbe che questa storia si stia concludendo felicemente, con l’ accordo tra i due contendenti sull’ individuazione della strada di passaggio oltre i nostri confini.

Se questa soluzione verrà confermata, potremo dire che ha prevalso la logica e la razionalità; ma mi verrà allora da chiedermi:

– Come mai si è tentato di far pressione sui condòmini  per indurli a firmare un patto autolesionista con la minaccia di doversi cacciare in un ginepraio di  scartoffie e di cause civili?

– Si è tentato di spaventarci visto che ormai siamo tutti anziani?

– E che ruolo ha avuto l’ amministratore ? E per quale motivo alcuni condòmini facevano pressione sugli altri dicendo che ormai non c’ era altro da fare?

Queste ed altre ancora sono le domande che restano senza risposta e questo basta a spegnere la contentezza per la fine di un’ assurda e surreale  storia all’ italiana che aveva per protagonista una strada ballerina.

Alla Sagra del Masigott.

Oggi la città era in festa. La Sagra del Masigott ha attirato molta gente nell’ antica piazza del mercato dove sono stati allestiti una tenda- ristorante, un palco per l’ esibizione di complessi musicali, bancarelle che esponevano dolciumi , frittelle, zucchero filato e caldarroste.

In un angolo della piazza c’ era l’ albero della cuccagna , che aspettava di essere scalato  da squadre di baldi giovani che si sfidano ogni anno in questa impresa assai difficoltosa e spettacolare;  la gente stava aspettando questo momento e intanto si godeva la bella giornata accalcandosi tra le bancarelle.

Io però ero interessata allo spettacolo dei burattini, che figurava nella locandina.

Proprio davanti all’ antica chiesa plebana di S. Eufemia (risalente all’ XI sec.) c’ era la baracca tutta drappeggiata di velluto rosso e davanti ad essa erano seduti molti bambini e molti genitori.

Il burattinaio  puntava a coinvolgere i bambini nella rappresentazione e nonostante l’ estrema semplicità delle situazioni, o forse proprio grazie a questa semplicità, riusciva perfettamente nel suo intento . Anche i bambini di oggi, abituati ai videogiochi, al computer, a manovrare con naturalezza DVD , telecomandi, registratori, davanti alla magia di una semplice baracca e di due burattini  dialogano con Arlecchino e con Rosaura con la stessa naturalezza di quando ero bimba io e si lasciano incantare esattamente come quelli di ieri e di sempre.

Nell’angolo opposto della piazza c’ era l’ albero della cuccagna , che aspettava di essere scalato  da squadre di baldi giovani che si sfidano ogni anno in questa impresa assai difficoltosa e spettacolare.;  la gente stava aspettando questo momento e intanto si godeva la bella giornata accalcandosi tra le bancarelle.

 

Lavarsi le mani.

http://www.amref.it/doc_din/aggiornamentSAD1010.pdf 

 Oscurata dalle notizie sui cortei degli indignati, si è celebrato oggi anche il “Global Handwashing day”: la giornata del lavaggio delle mani.

Lavarsi le mani: è un gesto semplice, ma fondamentale per combattere molte malattie mortali nei paesi poveri . Per questo nella giornata di oggi in molte scuole si spiegano ai bambini le ragioni per cui lavarsi le mani deve diventare un’ abitudine per loro stessi e per i loro familiari.

Il guaio è però che molti bambini non hanno nemmeno la possibilità di avere a disposizione acqua pulita, quindi come potranno lavarsi le mani?

E’ noto che  anche per  noi è di primaria importanza lavarsi le mani ogni volta che si rientra dal fare la spesa , ad esempio, infatti il carrello dei supermercati è fonte formidabile di diffusione di germi .

Indignati di tutto il mondo, UNIAMOCI!!!

Indignati di tutto il mondo , UNIAMOCI!

Questo potrebbe essere lo slogan da scandire oggi nelle piazze più importanti del mondo , dove si daranno convegno tutti quelli che vogliono cambiare la logica del profitto ad ogni costo che questo capitalismo ha portato alle estreme conseguenze.  L’ 1% della popolazione mondiale possiede la stragrande maggiorana delle ricchezze della terra, mentre c’ è chi muore di fame e chi non ha prospettive di vita dignitosa per il futuro.

E’ ora di cambiare questo sistema economico , è ora di mettere al centro l’ uomo e la sua dignità… e mi par di risentire papa Woitjla quando gridava . “Il lavoro sia per l’ uomo e non l’ uomo per il lavoro”

La nostra terra può nutrirci tutti, a patto che non si speculi anche sul cibo, diritto primo di ogni essere vivente. 

Il lato ,secondo me, positivo di questa giornata è che a chiedere il cambiamento sono i giovani  che non stanno morendo di fame ancora, ma che hanno capito che la situazione è ormai insostenibile e che se non gridano forte la loro rabbia, la situazione non potrà che peggiorare.  Le regole di oggi portano a concentrare sempre di più nelle mani di pochi ogni ricchezza, senza rispetto per le esigenze dei molti che non hanno voce in capitolo e i giovani hanno capito che quando il diritto viene negato a qualcuno non  puoi restare indifferente: prima o poi quel diritto verrà negato anche a te.

I moderni mezzi di comunicazione rendono possibile la mobilitazione degli “indignados” in tutto il mondo, senza che ci sia bisogno di capi carismatici o di organizzazioni gerarchiche; bisogna cogliere questa opportunità che si presenta per la prima volta nella storia del mondo: finalmente tutti possono far sentire la loro voce e far pesare la forza che deriva dall’ essere in tanti e dalla consapevolezza di portare avanti delle idee condivise.