L’ incredibile e dolorosissima storia di Anna Maria Scarfò.

E’ una storia tristissima di cui avevo già avuto notizia in passato, ma ripercorrerla e vederne gli sviluppi suscita una pena profondissima. E’ possibile che in qualche parte di questo paese possano succedere ancora storie così”?
Una ragazzina di 13 anni in un paese della Calabria, subisce uno stupro ad opera dei ragazzi-bene del paese. Chiede invano aiuto prima al parroco , poi quando la violenza potrebbe coinvolgere anche la sorellina si rivolge coraggiosamente ai carabinieri col solo risultato di sentirsi colpevolizzare : te la sei andata a cercare …. Anche molta gente del paese condanna lei e la sua famiglia e le minacce si susseguono… Finalmente una donna , un avvocato, assume le sue difese e si arriva al processo . Ora si sta celebrando il secondo grado di giudizio e forse la gente comincia a prendere coscienza dell’ ingiustizia di cui è stata vittima Anna Maria Scarfò (che ora vive in una località protetta per le minacce di morte ricevute) e molti semplici cittadini e associazioni si stanno schierando dalla sua parte…per questo la difesa degli imputati chiede di spostare il processo: temono il risveglio delle coscienze .

P.s. Spero che quel parroco che ha ascoltato con indifferenza la richiesta di aiuto di Anna Maria, sia da allora (son passati dieci anni)tormentato dai rimorsi e dalla vergogna e spero che possa trovare l’ occasione per schierarsi dalla parte della vittima e così riscattarsi.

Gratta, clicca, punta…. e perdi!!

Non vi è mai arrivata pubblicità indesiderata che vi invita a giocare on line? A me ne arriva parecchia : è un vero bombardamento. Per fortuna non ho il vizio del gioco e subito cestino come spam quei messaggi, ma chi fosse per sua disgrazia incline al gioco , come potrebbe resistere a un tale accerchiamento?
Da un po’ di tempo ci si è messa anche la TV: ora trasmettono la pubblicità di vari “gratta e vinci” , seguiti alla fine dall’ invito inutile, ipocrita e forse controproducente ” GIOCA IL GIUSTO!”.
Una volta si giocava al lotto una volta la settimana o si doveva trovare un posto in cui incontrare altri giocatori, oggi invece si può giocare d’ azzardo al bar , dal tabaccaio, addirittura in posta e ora la tecnologia consente di giocare anche dentro le proprie case, davanti ad un computer…… e quante famiglie si ritrovano ridotte alla disperazione !!!!

C’ è una iniziativa propagandata anche da “mosaico di Pace”: si intendono segnalare gli esercenti che rifiutano di incentivare questo mercato diabolico (spesso inquinato da infiltrazioni mafiose) non ospitando slot machine, anche se per questo devono rinunciare ai guadagni ragguardevoli che il gioco d’ azzardo assicura. Mi pare una buona iniziativa, ma nello stesso tempo mi chiedo se non sia possibile regolamentare e controllare anche e vinci il gioco on line

Profumo nelle scuole.

Il ministro Profumo, ministro dell’ Istruzione e dell’ Università, ha cominciato da un po’ di tempo a visitare le scuole: so di sue visite a Brindisi, a Caserta e a Palermo, zone in cui la scuola sta soffrendo in modo particolarmente acuto. Questo testimonia un vero interesse per i problemi che studenti e professori vivono ogni giorno sulla loro pelle e si spera che l’ interesse parta dalla volontà vera di fare qualcosa di concreto per fermare il degrado .
A parole il ministro Profumo dice di voler continuare l’ azione avviata dalla Gelmini, ma spero invece che in realtà fermi lo smantellamento della scuola pubblica avviato dal precedente governo.
Leggevo proprio ieri uno studio sull’ abbandono scolastico : sono più di 400.000 ragazzi ogni anno che la scuola si lascia alle spalle e per i quali si aprirà solo un futuro di marginalità.
Se il ministro vuole veramente dare una svolta alla scuola pubblica deve dare più dignità agli edifici (in gran parte non a norma e non in sicurezza), deve incentivare gli insegnanti all’ autoaggiornamento e prevedere corsi di formazione , deve fare in modo che la scuola diventi un polo di aggregazione di tutte le risorse che il territorio può offrire per una migliore preparazione degli alunni e per favorire il loro inserimento nel mondo del lavoro.

In un anno (tale sembra il tempo a disposizione del governo attuale) non si possono fare molte cose, ma si può cominciare a segnare un cambio di rotta e di impostazione dei problemi, ridando priorità all’ istruzione PUBBLICA (e non a quella privata privilegiata dalla Gelmini).

Se così sarà potremo dire che si potrà forse respirare un Profumo di novità

Grande Meryl !

Oscar 2012

Mi fa particolarmente piacere che l’ Oscar 2012 per la migliore attrice sia stato assegnato a Meryl Streep, un’ attrice che basta da sola a fare di un film un grande film. La gamma dei personaggi che ha saputo interpretare magistralmente è innumerevole. E’ una donna di grande charme, ma non ha certo puntato sull’aspetto fisico per emergere: le sue doti interpretative sono certamente frutto di molto impegno e di continuo studio, oltre che di talento e sensibilità. Non credo di aver mai sentito parlare di lei se non per motivi legati alla sua professione.
Un bellissimo esempio per le giovani che vogliono intraprendere la carriera nel mondo dello spettacolo e a queste giovani suggerisco di leggere la sua biografia : una vita più lineare e “normale” della sua non è immaginabile, non vi sono tracce di scandali o di mosse a sensazione , eppure è la più brava attrice vivente e la più premiata nella storia del cinema.

Le parole che danno pace al cuore: la samaritana

Due anni fa scrivevo in ELDAS questa rivisitazione di una delle pagine più belle del Vangelo : la Samaritana.

Quella mattina si era svegliata piuttosto di cattivo umore; il suo attuale compagno non era mai troppo gentile, ma quella mattina era stato particolarmente brusco con lei. Aveva poi visto le donne del villaggio attrezzarsi per andare al pozzo ad attingere l’ acqua per le necessità della giornata. Loro andavano a gruppetti e camminando chiacchieravano allegramente tra di loro e ogni tanto si sentiva lo scoppio di una risata fresca o maliziosa. Anche lei avrebbe voluto unirsi a quelle donne, ma era certa che non l’ avrebbero mai accettata tra loro : troppo trasgressiva era stata la sua condotta e in paese tutti mormoravano dei suoi cinque mariti , che troppo presto l’ avevano regolarmente lasciata, certo anche un po’ per colpa sua.

Era rimasta a ciondolare per la stanza , poi aveva sentito le donne rientrare; ecco , adesso poteva andare lei al pozzo . L’ ora era ormai avanzata e faceva un gran caldo, ma non poteva fare a meno dell’ acqua : la scorta era finita….. Si incamminò per il sentiero con la sua grossa brocca sottobraccio. Il sole era quasi a picco e non c’ era nessuno in giro, tranne un gruppetto di viandanti che andavano verso il villaggio. Attorno, i campi cominciavano a imbiondire e qua e là spuntavano i primi papaveri. Strada facendo i pensieri le si affollavano nella testa : in definitiva la sua vita era quanto di più scombinato si potesse immaginare ….Finalmente arrivò al pozzo : strano, c’ era un uomo seduto lì accanto : come mai stava lì tutto solo a quell’ ora del giorno? Era forse qualche malintenzionato o uno sbandato… doveva stare molto attenta…toh! era un giudeo: cosa ci faceva lì in Samaria?

Poi una voce profonda, dolce e austera insieme le disse : – Dammi da bere ! – Lei rimase sorpresa (non era conveniente per un uomo rivolgere la parola a una donna per strada), ma incrociando il suo sguardo, si sentì pervadere da una grande dolcezza : quello sguardo aveva l’ amorevolezza dello sguardo materno che aveva ormai dimenticato da tempo e la profondità di chi ti legge nell’ anima , ma senza pretendere di condannarti; era uno sguardo accogliente.

Lei cercò di prendere tempo per capire meglio e domandò a sua volta :- Come mai , tu che sei giudeo, chiedi l’ acqua a me che sono samaritana? (Sottintendendo: -Lo sanno tutti che c’ è inimicizia tra le nostre genti )…-

Ma poi il Giudeo cominciò a parlare con un linguaggio misterioso, ma ammaliante e le disse di un’ acqua che disseta per sempre , le parlò dei suoi errori nella vita passata, ma non per mortificarla ….. La Samaritana ascoltò sentendosi invadere da una pace nuova, mentre svaniva quella malinconia che sempre le spegneva l’ anima…

E non ebbe più paura di nessuno e corse al villaggio e parlò a tutti di quell’ uomo che parlando saziava il cuore con parole d’ amore mai udite e ritrovò la gioia di vivere in pace con se stessa.

Da grande voglio fare….

Dovendosi destreggiare ogni giorno tra bus, treni e metropolitane , Samuele (quattro anni e mezzo) ha avuto spesso occasione di imbattersi in suonatori e cantanti che frequentano le stazioni inglesi, ma solo ultimamente deve aver fatto caso che davanti a loro c’ è sempre un piatto o una ciotola dove la gente getta qualche moneta
ed eccolo trarre le dovute conclusioni.
– Sai , mamma, – ha detto ieri – voglio imparare a suonare bene il violino e voglio imparare anche a cantare bene, così poi la gente mi dà tanti soldi…-
Sarà bene cominciare a proporgli dei modelli validi (come il Paganini della foto) per non lasciargli immaginare che la massima aspirazione per un bravo violinista sia quella di esibirsi nei sotterranei delle metropolitane…. :-)

Femminicidio in Italia.

femminicidio in Italia.

Lo sapevo che il triste fenomeno della violenza sulle donne è una piaga nella nostra società, ma sentir parlare da esponenti dell’ ONU di FEMMINICIDIO per definire la situazione italiana, mi ha fatto impressione.
Si tratta di violenza domestica, cioè una donna ogni tre giorni viene uccisa dal marito o dal partner o da un figlio o comunque da un familiare.
Molto spesso si arriva alla tragedia dopo lunghi periodi di violenze che le donne non denunciano forse perchè non possono pensare che le persone che amano di più possano arrivare a considerarle cose di proprietà delle quali si può disporre a piacimento fino all’ atto di estrema violenza che è l’ omicidio.
A parte qualche caso eclatante che si guadagna l’ attenzione (spesso morbosa) dei mezzi di informazione, la maggior parte dei casi viene presto dimenticata.

Credo che si possa fare qualcosa per migliorare questa situazione, sia a livello legislativo, sia a livello di informazione , sia livello di educazione e qui entriamo in campo noi donne: dobbiamo noi stesse educare i nostri figli maschi al rispetto della figura femminile e a riconoscere la pari dignità delle donne .

U.T.E. : psicopedagogia: l’ adolescenza.

Due ore di psicopedagogia senza annoiarmi, non l’ avrei mai detto!
La relatrice è bravissima non solo per la conoscenza profonda della sua materia, ma anche per il modo avvincente di esporre idee non semplici, calate però sempre nel concreto degli esempi di vita vissuta.
Il punto che più mi è piaciuto è quello in cui ha parlato dell’ adolescenza, l’ età difficile per antonomasia.
Chi ha avuto figli sa quale terremoto comportil’ adolescenza nei rapporti tra genitori e figli: questi respingono improvvisamente tutto quello che viene dai genitori , ma sanno benissimo di non essere in grado di fare da soli e questo li rende fragili e vulnerabili, propensi a prendere a modello sostitutivo qualunque figura esterna susciti la loro ammirazione , non importa se per motivi poco condivisibili.
A questo punto , diceva la relatrice,scatta la paura dei genitori che credono di aiutare i propri figli ad evitare esperienze negative, sbandierando i pericoli cui potrebbero andare incontro. Niente di più sbagliato: proprio il conflitto che divide i genitori dai figli, indurrà questi ultimi a fare esattamente il contrario di quello che viene loro raccomandato. La migliore strategia per i genitori sarà quella di accettare l’ allontanamento del figlio e di proporgli attività ed esperienze che lo mettano a contatto con modelli di adulti positivi . In questo modo gli sarà offerta la possibilità di scegliere come costruire da quel momento in poi la sua personalità e dipenderà da lui decidere quale persona vorrà essere .

Nel mio piccolo, credo di aver seguito istintivamente questa via, come genitore, tanti anni fa; non so se le mie intenzioni siano state comprese dai miei figli; quello che è certo è che non avrei saputo fare di meglio…. ed è certo anche che i miei figli mi piacciono molto così come sono diventati .

188 donne e la legge 188.

dimissioni in bianco

Credo che valga la pena di appoggiare e sottoscrivere questa petizione proprio in questo momento. E’ adesso che si sta trattando sui problemi del lavoro e forse è il caso di far sapere che oltre all’ articolo 18 esiste anche una normativa che consente ai datori di lavoro di commettere un abuso vergognoso: far firmare al lavoratore dimissioni in bianco al momento dell’ assunzione.
Era stata promulgata una legge che impediva questa pratica infame, ma Berlusconi l’ ha abrogata !!!
Un tempo questo abuso riguardava solo le donne , ora riguarda anche gli uomini in barba all’ articolo 18.
Firmare questa petizione vuol dire opporsi ad una delle più gravi ingiustizie che si perpetrano nel mondo del lavoro.
Cliccate sul link, leggete e firmate!