Rolo, il mio paese di origine.

La cartina rappresenta la provincia di Reggio Emilia e la piccola zona rossa indica il comune in cui mi trovo ora e in cui sono nata : Rolo.
E’ un paesino piccolo di circa 4000 anime, che però vanta una storia antica e nobile, tanto che fino a pochi decenni or sono godeva di un singolare privilegio ereditato dagli antichi signori del luogo: poteva infatti scegliersi il parroco. Capitava così che una giunta rossa avesse la facoltà di selezionare le richieste degli aspiranti parroci e decidesse quale poteva essere il più adatto alla comunità. Ora questo privilegio feudale è stato abolito: era veramente un retaggio anacronistico ormai.
Rimane comunque la singolarità di questo paese: così a cavallo tra Emilia e Lombardia, sempre indeciso se gravitare attorno al suo capoluogo , Reggio Emilia, o la città di Modena e hinterland coi quali è meglio collegata.

Fino a qualche decennio fa era , oltre che centro agricolo importante, sede di numerose industrie manifatturiere e il suo centro era un susseguirsi di piccoli negozi sotto i portici caratteristici dei paesi della zona. Ora però molte industrie sono scomparse sotto l’ impeto della globalizzazione e a poco a poco chiudono anche i negozi, che non possono reggere la concorrenza coi supermercati.
Nonostante questo ci sono molti immigrati, asiatici in maggioranza.

Noto però sempre un grande impegno degli abitanti per mantenere viva la comunità e le manifestazioni culturali , civili , religiose e sportive si susseguono in ogni stagione.

Crescere in un piccolo paese è forse più bello e rassicurante che vivere in una grande città: stabilire relazioni umane è più semplice . E’ più facile “sentirsi a casa”. Sono contenta che i miei nipoti abbiano la fortuna di crescere qui.

Una bella cerimonia.

Sono in Emilia con Davide ed Elisa e stamattina ho partecipato alla messa in cui è stata impartita la Cresima a 28 ragazzini del paese.
La chiesa era stracolma già un quarto d’ ora prima dell’ inizio della cerimonia e ho potuto trovare una sedia solo su indicazione di una mia nipote .
E’ stata una bella cerimonia : la gente, pur essendo molto numerosa, ha seguito in silenzio e con partecipazione tutto il rito e anche i cresimandi sono apparsi sempre composti e consapevoli del momento che stavano vivendo.
Il vescovo, appena insediato in diocesi, ha fatto un discorso breve , ma molto ben centrato sul significato del sacramento della Cresima in rapporto alla vita e alle scelte che si aprono davanti ai ragazzi di quell’ età e la mancanza di effetti retorici ha dato più risalto all’ essenzialità dei concetti espressi.
E’ stato molto bello l’ accompagnamento delle chitarre e dei canti:questi ultini mi sono sembrati molto nuovi, almeno per me, privi di enfasi , piacevolmente moderni senza sfociare nella scompostezza.
Mi ha colpito la partecipazione corale dell’ assemblea ai vari momenti e quando si è arrivati alla recita del “Padre nostro” il coro delle voci pareva riempire le arcate della chiesa : ho pensato allora che se ognuno di quelli che stavano pregando in quel momento fossero stati veramente e profondamente convinti delle parole che stavano pronunciando, molto potrebbe cambiare qui e altrove.

Credo che anche il parroco ,notoriamente incontentabile,( che pure ho sentito gridare ieri in sacrestia per richiamare all’ ordine i cresimandi troppo rumorosi) sia rimasto soddisfatto degli elogi del vescovo.

Fine di una gloriosa e storica azienda.

E’ con grande malinconia che leggo la notizia del fallimento della Pontelambro spa un’ industria dalla storia quasi bicentenaria .
Ricordo che quando abitavo nel paese da cui ha preso il nome, al mattino presto si udiva la sirena che chiamava gli operai del primo turno e la sirena replicava il suo segnale più volte nella giornata. Tutto il paese , o quasi, viveva e prosperava all’ ombra di questa impresa, che ebbe poi varie vicissitudini fino al triste epilogo di questi giorni.

Ci saranno altre famiglie nell’ angoscia e l’ amministrazione comunale di Erba ne ha preso atto e si è impegnata per stare al loro fianco

Operato al cervello senza anestesia.

Strepitoso questo intervento chirurgico al cervello effettuato al Molinette di Torino: un giovane di 35 anni operato al cervello e durante le sei ore dell’ intervento è rimasto vigile per rispondere ai test dei sanitari che volevano controllare le sue reazioni .
In tal modo il chirurgo riesce a salvaguardare le parti sane del cervello e le funzioni ad esse collegate.
L’ anestesia è limitata ai pochi minuti che servono per incidere gli strati superficiali .

E’ innegabile che in chirurgia si facciano ogni giorno dei passi da gigante, mentre in altri campi della medicina i progressi sono molto più lenti e faticosi

Ragazzi traviati e possibilità di reinserimento.

Ragazzi siciliani

Cambiare ambiente per chi ha respirato illegalità e degrado fin dalla più tenera età può costituire un’ occasione per una vera rinascita. E’ questo che la regione Sicilia sta attuando per recuperare ad una vita di dignità e di lavoro dei giovani che hanno già sperimentato il carcere .

Credo che questo sia un progetto encomiabile e mi auguro che possa avere grande successo.

Donne in rete per la pace.

Invito tutti quelli che passano di qua, a cliccare su questo link Donne per la pace

Troverete un bellissimo articolo del mio amico Ivano Maddalena, che scrive su “Il Popolo Veneto”
Un’ associazione di donne per la pace, ci fa conoscere cose che nessuno dice e che invece influenzano le nostre vite. Leggete e commentate

25 Aprile 2012.

UOMO DEL MIO TEMPO (Quasimodo)

Sei ancora quello della pietra e della fionda;
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
-t’ho visto- dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
quando il fratello disse all’altro fratello:
“;Andiamo ai campi!”. E quell’eco fredda, tenace
è giunta fino a te, dentro la tua giornata…..

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

Non ho copiato le ultime parole di questa poesia di Quasimodo in cui il poeta invita i figli a dimenticare i padri, come per scavare un solco invalicabile tra loro e il passato di morte che hanno ereditato: parole dure, spietate.
%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%
L’ uomo non è cambiato nel corso della storia: è rimasto l’ essere pronto a versare il sangue del fratello come Caino quando invitò Abele a seguirlo nei campi.
La tecnica è cambiata, quella sì! Non si usano più rozze clave, ma macchine e strumenti sofisticati, adattati, loro malgrado, a fini di morte.Resta uguale la freddezza dell’ animo che spinge ad uccidere come se Cristo non fosse mai nato.

Ho scelto questi versi perché mi pare di veder aleggiare di nuovo sulla nostra Europa (elezioni francesi, strage norvegese, movimenti di tipo leghista) i fantasmi della xenofobia e dell’ intolleranza, che trovano nella crisi economica e nel disagio sociale un terreno fertile per alimentare divisioni e contrapposizioni pericolose.
Gli uomini del nostro tempo non devono dimenticare i loro padri, ma devono ricordare che solo evitando i loro errori si può nutrire la speranza in un mondo migliore .

“Le scuole nell’ ombra”

Scuole private misteriose….

Potrebbe essere lo spunto per un giallo, che potrebbe intitolarsi “Le scuole nell’ ombra” e il detective di turno dovrebbe incaricarsi di indagare cosa si nasconde dietro a quel mistero di cui si circondano le scuole private italiane.

Nell’ articolo linkato sopra si racconta come il ministro Profumo abbia avviato una lodevole campagna di trasparenza relativa all’ efficienza delle scuole italiane sia pubbliche che private.
Risulta però a tutt’ oggi che solo le scuole pubbliche abbiano fornito i dati relativi al personale docente , alle dotazione di ausili didattici e all’ offerta educativa dei vari istitui, mentre le scuole private non hanno provveduto a fornire alcuna notizia.

Dietro a questo muro di silenzio si nascondono forse le solite “furbate” delle scuole private , che , ricordiamolo sempre, hanno generalmente come primo obiettivo della loro opera il profitto.
Il nostro detective, alla fine delle sue indagini, potrebbe scoprire che molto personale ingaggiato in questi istituti non ha i requisiti richiesti per essere abilitato all’ insegnamento e che per questo viene sottopagato e mantenuto nella precarietà. ma potrebbe anche scoprire che i tanto decantati servizi delle scuole paritarie e private non sono poi così all’ avanguardia e potrebbe anche scoprire i mille piccoli strappi alle norme che consentono di minimizzare i costi e di massimizzare gli introiti.

40^ Giornata della Terra.

Oggi sono tornata dall’ Emilia, dopo una rapida incursione durata 24 ore. Samuele Davide ed Elisa hanno fatto una gran festa incontrandosi, anche se solo per poco.
Durante il viaggio abbiamo avuto modo di meravigliarci di fronte allo spettacolo straordinario della primavera che in questi giorni rende splendido ogni paesaggio: i laghi e i fiumi che splendono al sole, le montagne innevate da poco , il verde dei prati che sembra seta, il giallo dei campi di colza fioriti che sembrano frammenti di sole caduti qua e là sulla pianura, i boschi dalle mille sfumature di verde.

Tutto è così bello che viene spontaneo pensare che sarebbe un grave crimine non preservare tanta bellezza per i nostri bambini e per tutte le generazioni che verranno. Ed è questo il motivo conduttore delle manifestazioni che oggi si tengono in ogni parte del mondo per celebrare la
40^ Giornata della Terra

E’ un po’ deludente pensare che nonostante 40 anni di questa manifestazione siano così diffusi ancora gli abusi che mettono in pericolo il nostro bel Pianeta, ma non si deve mollare la presa e bisogna continuare a sensibilizzare l’ opinione pubblica mondiale su questo che è forse il problema principale a livello globale.