Matteo vs. Silvio.

Sento sempre più spesso dire in questi giorni che Renzi è uguale a Berlusconi: può darsi che il suo consulente per la comunicazione appartenga alla stessa scuola di quello che affiancava Berlusconi e certo l’ arte del convincere il proprio uditorio deve avere delle regole note a tutti coloro che se ne occupano.

Io però vorrei far notare che il nostro paese per vent’ anni ha dovuto occuparsi delle vicende giudiziarie di Berlusconi e per vent’ anni sono state promulgate leggi ad personam…. e   mi pare che Renzi non lo stia facendo.

Mi risulta anche che per vent’ anni ci siamo ritrovati a stipendiare le signorine che si erano mostrate gentili con il Silvio nazionale, il quale le compensava con cariche politiche e amministrative ben remunerate …..e anche questo mi pare che Renzi non lo stia facendo.

Renzi è senz’ altro uno che la sa raccontare, ma, almeno per le cose che ho detto sopra, non è come Berlusconi…..

Letture: L’ insignificanza….di Kundera.

Rovistando tra i libri che trovano posto nelle varie librerie di casa, mi sono imbattuta in un libro , acquistato forse dai miei figli: “La festa dell’ insignificanza” di Milan Kundera.Come è mia abitudine non ho letto nessuna prefazione , ma ho cominciato a scorrere le pagine del romanzo e ben presto  mi son resa conto del perchè di questo strano titolo…..Benchè la lettura sia piacevole e scorrevolissima, non si riesce a intravedere un filo conduttore nelle varie storie dei personaggi che interagiscono tra di loro, nè tantomeno si riesce a dare un senso alle incursioni tra personaggi come Stalin, Kalinin o Kruscev.

Il senso del libro è forse condensato in questo brano:

C’è una cosa, D’Ardelo, di cui volevo parlarle da tempo. Del valore dell’insignificanza. […] l’insignificanza mi appare sotto un aspetto del tutto diverso, sotto una luce più forte, più rivelatrice. L’insignificanza, amico mio, è l’essenza della vita. E’ con noi ovunque e sempre. E’ presente anche dove nessuno la vuole vedere: negli orrori, nelle battaglie cruente, nelle peggiori sciagure. Occorre spesso coraggio per riconoscerla in condizioni tanto drammatiche e per chiamarla con il suo nome. Ma non basta riconoscerla, bisogna amarla, l’insignificanza, bisogna imparare ad amarla. […] Respiri, D’Ardelo, amico mio, respiri questa insignificanza che ci circonda, è la chiave della saggezza, è la chiave del buonumore…”

Senz’ altro geniale l’ autore di questo libro, ma sinceramente io preferisco un altro genere di letture….

Risveglio mattiniero.

Giovanni (quasi 18 mesi ) e i suoi genitori, ieri sera erano in zona per un evento organizzato poco lontano da Erba e per questo sono venuti a passare la notte qui da me.  Giovanni, dopo il bagnetto si è subito addormentato e, poco dopo è stato seguito  dai genitori e da me.

Naturalmente il mio risveglio è stato piuttosto mattiniero e stavo facendo alcune considerazioni in base alla luce che entrava dalle imposte, quando ho sentito una vocina proveniente dalla stanza accanto: Giovanni aveva deciso che era ora di alzarsi.

Era particolarmente loquace e frizzante e, dopo una buona bevuta  di latte al biberon, ci siamo messi a giocare: di questi tempi è molto interessato ai colori e al disegno.  La scatola dei colori è sempre sotto pressione: i colori entrano ed escono a ritmo continuo , salvo i casi in cui riescano a trovare un provvisorio rifugio sotto il divano o dentro un scarpa. A Giovanni piace vedere le figure che un pastello o una matita riescono a creare sul foglio di carta  e gli piace giocare a individuare nei poveri schizzi che abbozzavo le cose che ormai sa riconoscere : il mare, la casa, il nonno, il sole, il bau…….

Altra grande passione di Giovanni è la musica e ogni cosa che emette un suono o una melodia attira a lungo la sua attenzione. Per questo gli ho mostrato un vecchio flauto e ci ho soffiato dentro: Giovanni ha fatto un gran sorriso e mi ha ripetutamente porto il flauto perchè  ne traessi qualche suono.

Appena sente nominare la pappa va in cucina e vuole essere preso in braccio per poter vedere cosa c’è sui fornelli e stamattina c’ era , naturalmente, la caffettiera: lui ormai conosce bene quello che  accade in queste circostanze e aspetta tutto concentrato il  momento in cui il caffè comincia a borbottare spandendo in giro il suo aroma e qualche nuvoletta di vapore e si mostra assai soddisfatto quando il tutto si conclude secondo le sue aspettative.

Tutti questi momenti sono sempre stati accompagnati da un gioioso chiacchierio che somiglia molto al cinguettio di un uccellino: ci sono dentro certo molte parole  “in germe” che a poco a poco troveranno una loro precisa identità, ma al momento io riesco a comprenderne solo alcune, senza che la reciproca empatia   ne abbia a soffrire.

 

 

Ascoltando Renzi…

Ho appena ascoltato una buona parte del discorso di Renzi all’ assemblea nazionale PD  e …… confesso che mi è piaciuto.

Si è dato scadenze concrete per riforme fiscali (dall’ anno prossimo sparirà la tassa sulla prima casa  e successivamente diminuiranno IRES e IRAP), per interventi per la crescita, per riforme costituzionali e leggi civili entro l’ anno. Tante altre cose condivisibili  hanno trovato spazio nel suo discorso e spero che il primo ministro riesca a mantenere gli impegni presi, non perchè Renzi mi stia simpatico, ma perchè mi interessa il futuro di questo nostro paese e vorrei che fosse un buon posto per viverci anche per i miei nipoti.

Accade a Erba: il week end di Crevenna.

Affamati di vita buona è questo il tema attorno a cui si svolgono le iniziative per la festa patronale di Crevenna (frazione di Erba). Già molti eventi hanno avuto luogo nel mese di giugno, altri invece si terranno proprio in questo fine settimana.

* Stasera, venerdì !7 luglio, verrà offerta una spaghettata gratuita condita da canti e musica.

* Domani, sabato 18, alle 17,30 , è in programma una passeggiata fino all’ Eremo di S. Salvatore; alle 21 , verrà rappresentato uno spettacolo in dialetto con la partecipazione della corale locale; a seguire la premiazione di un concorso fotografico.

* Domenica 19,  alle ore 10 la S. Messa all’ aperto; alle 12,30 il pranzo comunitario; alle 16, giochi , tornei e musica; alle 21, letture animate ed estrazioni della lotteria.

Crevenna ci aspetta!!!

 

Mercoledì d’ estate.

Ieri sera, anche per camminare un po’ al fresco, ho deciso di andare a curiosare un po’ per le strade di Erba, animate dalla manifestazione estiva che si svolge ogni mercoledì sera.

Faceva caldo anche se era ormai buio e giustamente la gente aspettava che rinfrescasse un po’ prima di uscire di casa. Tuttavia per le strade si diffondeva già la musica dei vari complessi posizionati davanti ai bar  e nelle piazze ed erano già pronte varie attrazioni per i bambini.

Ho ammirato la piccola mostra di manufatti della comunità di Crevenna : c’ erano coperte in patchwork eseguite con estrema abilità e una riproduzione di una macchina usata anticamente nelle filande locali e, se ho ben capito, ideata da Leonardo nel periodo trascorso a Milano. E’ una macchina composta da 16.200 piccolissimi pezzi costruiti ad uno ad uno da un gruppo di appassionati, che espongono queste loro creazioni in occasione delle feste di Natale : nel presepio trovano posto le ricostruzioni dei vari ambienti di lavoro di un tempo. Credo che me ne ricorderò e farò certo visita al presepe di Crevenna, come faccio già da qualche anno.

Arrivava sempre più gente , che preferiva fermarsi là dove si esibivano le scuole di ballo dei dintorni.  Dopo aver fatto il giro del centro, mi sono avviata verso casa e lungo il cammino, incontravo molte auto alla ricerca affannosa di un posto in un parcheggio, ma c’ erano macchine ovunque ci fosse un posticino accessibile.

Queste serate offrono a chi non è ancora andato in ferie un’ occasione per divertirsi , per vivere la propria città e per conoscere le iniziative che vi vengono attuate e credo siano un’ occasione di guadagno soprattutto per pizzerie, gelaterie e simili ; direi quindi che queste serate sono cosa buona.

 

Nuovi orizzonti.

New Horizons  è il suo nome  , cioè nuovi orizzonti, ed è arrivata dopo 9 anni e mezzo di viaggio attraverso il sistema solare  nelle vicinanze di Plutone. Questo fatto davvero strabiliante, mi suscita alcune domande:

– Se è  possibile viaggiare per 9 anni e mezzo senza fare rifornimento ( infatti non mi risulta che ci siano stazioni di servizio tra la Terra e il confine del Sistema Solare), significa che la sonda New Horizons ha utilizzato energia solare? – Se così stanno le cose, perchè le nostre auto devono ancora utilizzare carburanti fossili che stanno rovinando l’ ecosistema Terra? – Allora è vero che esiste la tecnologia per sfruttare energia solare , o comunque energie rinnovabili, tanto da soddisfare i bisogni dell’ intera umanità? – E se si continua invece a usare petrolio  è solo per salvaguardare gli interessi dei fabbricanti di veicoli e dei petrolieri? E non importa come stiamo danneggiando questo pianeta su cui viviamo e su cui forse per i nostri nipoti non sarà più possibile vivere?

A parte questi interrogativi, penso che sia meravigioso poter conoscere meglio questo nostro piccolo angolo dell’ immenso universo, davanti al quale ci si sente come piccoli atomi presuntuosi.

Poesia : Al dolce grano ( di Remo Bellesia)

Copio qui una poesia scritta da un poeta del mio paese natale, che ho avuto come scolaro un’ estate di tanto tempo fa:

AL DOLCE GRANO (di Remo Bellesia)

L’ albeggiare ridente nell’ aia,

campo di festosa attesa

del dolce grano che profumava

nel giugno dei bianchi germogli…..

Iniziava la danza dei covoni

spaventapasseri impazziti

che scomparivano nelle fauci

dei mulini a vento…….

E, la sera, acquetata la tempesta

nel tramonto argentato,

correvo e calciavo il dolce grano

sparso nella calda distesa.

 

Di questa poesia amo  l’ immagine della trebbiatura: “la danza dei covoni , spaventapasseri impazziti…” è un’ immagine che anch’ io conservo ancora nella memoria, insieme al turbinio della pula e alle facce sudate dei contadini che si coprivano il volto con grossi fazzoletti, come i banditi del Far West.

Ma soprattutto amo gli ultimi versi che mi ricordano  quando noi bambini stavamo a guardia del grano steso sull’ aia ad asciugare, per cacciare gli uccellini e le galline che accorrevano numerosi al ricco banchetto….e ogni tanto camminavamo  nel grano intiepidito dal sole strascicando i piedi nudi a formare interminabili spirali. Mi sembra ancora di sentire il dolce solletico dei chicchi di grano che scivolavano tra le dita…..

Bravo, Remo!!!

 

UTE: ipotesi di lavoro…..

La riunione per condividere le linee programmatiche del prossimo anno accademico dell’ UTE si è tenuta venerdì. Il coordinatore, don Ivano, ha proposto alcuni “centri di interesse” per così dire, ispirandosi  ai quali i docenti potranno individuare gli argomenti di loro maggiore gradimento da proporre ai soci UTE.

Si parlava della enciclica “Laudato si’ ” ,  di Shakespeare, di irredentismo, di conoscenza dei paesi del Nord Africa prima e dopo le primavere arabe, di Einstein, di mode alimentari, di anno giubilare, di euro ….

E così  da ora in poi i nostri docenti si metteranno al lavoro per preparare le lezioni del nuovo anno, che si prospetta particolarmente interessante.  A tutti loro un grazie  e un augurio di buone vacanze…..operose!!!!

 

Due enigmi erbesi.

Ultimamente ho notato, qui a Erba, due cose che non mi so spiegare, due veri enigmi:

– all’ incrocio vicino all’ ex.hotel Centrale, venendo dal passaggio a livello,  da poco è stata modificata la segnaletica : ora c’ è una corsia che consente unicamente la svolta a destra e una è riservata a chi va dritto, ma se il semaforo non è stato modificato e al verde partono i veicoli di tutte e due le corsie, che senso ha la modifica apportata?

. La nuova Biblioteca Comunale è dotata di una sala mostre polifunzionale,  che ospita eventi di vario genere con grande successo di pubblico. Domanda: perchè in una sala che potrebbe ospitare al massimo qualche garbata esecuzione di musica da camera, si fanno esibire complessi di giovani musicisti che amano scatenare  tutti i decibel di cui sono capaci le loro apparecchiature?   L’ effetto è veramente sgradevole e qualche giorno fa io ho resistito per un quarto d’ ora tappandomi le orecchie, poi , accusando un vero disagio fisico ( sentivo tremare coronarie, arterie varie e capillari  dentro la cassa toracica) sono scappata via….

Chissà se qualcuno può rispondere a queste mie domande, ma anche se non ottenessi alcun riscontro, credo che non perderò il sonno….