Nel mirino.

E’ sempre triste vedere  i propri rappresentanti politici diventare bersaglio di critiche feroci, così come è avvenuto ieri a Strasburgo.

Conte ha ribattuto che quelle offese vanno a colpire tutto il popolo italiano, …. ma io non sono d’accordo…. Il popolo italiano non ha eletto Conte, che fino alla sua nomina era per tutti un perfetto sconosciuto, e non gli ha detto di assumere il ruolo di “esecutore” delle direttive (tra l’altro contrastanti) dei suoi due vice.

E’ vero che gli Italiani appoggiano ancora questo governo in misura per me incomprensibile, ma è anche vero che esso  ha al suo interno anche l’opposizione a se stesso, quindi raccoglie consensi contrastanti tra loro.

Signor primo ministro Conte (o  presidente del Consiglio, ma non presidente della Repubblica!!!!), mi dispiace che abbia dovuto sorbirsi alcuni schiaffi metaforici piuttosto dolorosi, ma credo che in Europa molti abbiano buoni motivi di risentimento verso il nostro paese e in questo ha anche lei una grossa responsabilità.

Divise, che mania!!

La fissazione di Salvini per le divise militari ha qualche motivazione nel suo passato, oltre che nella sua smania di rafforzare la sua immagine di uomo d’ordine e di potere?

E’ questa la domanda che mi sono posta e che mi ha indotto a cercare di approfondire la sua biografia sui siti internet. Continue reading “Divise, che mania!!”

Una storia che fa riflettere.

La storia che ha raccontato Marco meritava tutta l’attenzione possibile e per questo non ho voluto appesantirla con le  considerazioni, che questa storia  mi suggerisce.

Quante donne morivano allora di parto per le scarse cure e per le troppe fatiche?  E che infanzia avranno vissuto Santo, il suo fratellino e la sorellina appena nata, dopo la morte prematura della mamma?

Ma l’infanzia durava ben poco allora, se a 11 anni si andava in fabbrica o a lavorare nei cantieri, così come durava poco l’adolescenza.

Oggi a 19 anni i ragazzi sono ancora impegnati negli studi, a progettare il loro futuro, protetti ancora (e spesso troppo) dalla famiglia.  Santo invece ha dovuto indossare una divisa, impugnare delle armi, pensare a uccidere per non essere ucciso, lottare contro i disagi più atroci: il freddo delle steppe russe, la fame, la stanchezza mortale che ti induce a fermarti, ma sai che fermarsi vorrebbe dire la fine di tutto. E Santo ce l’ha fatta, ma solo per essere deportato nuovamente e poi la “scelta” di raggiungere i partigiani. Certo erano scelte dettate dalla necessità incombente di schierarsi, non si poteva restare neutrali e il coraggio te lo dovevi far venire per forza.

Ecco, riflettendo su storie come questa, sembra quasi impossibile che la gente non  voglia più sentir parlare di Unione Europea: se i giovani di oggi possono viaggiare liberamente da un paese all’altro, se possono studiare e vivere la loro gioventù senza l’incubo che un qualsivoglia contrasto fra paesi europei   scateni una guerra sanguinosa, lo dobbiamo a questi 60 anni di percorso verso l’UE che rendono anacronistico e impensabile (almeno si spera)  un ricorso alle armi per risolvere problemi tipo Brexit.

 

 

 

 

 

Incubi di una notte insonne.

La forzata inattività porta inevitabilmente con sé anche disturbi nel ritmo del sonno e la notte appena trascorsa è stata veramente interminabile….. trascinare una gamba ingessata e dolorante in infinite evoluzioni tra le coperte in cerca di un posizione “comoda” è cosa che non induce a pensieri rosei.

E’ così che ho passato la notte con la sgradevole compagnia dei fatti più incresciosi riportati ieri dalle cronache: ho rivisto centinaia di volte il gesto profondamente vigliacco e crudele di quel triestino (vicesindaco?) che gettava in un cassonetto le coperte di un clochard e accompagnava questa sua prodezza con un tweet carico di disprezzo.   Mi dispiace non aver studiato diritto: a quest’ora saprei se quel prode cittadino potrebbe essere denunciato per appropriazione indebita o furto o qualche altro capo di imputazione…..

Un’altra immagine che mi ha perseguitato è stata quella della stazione di Roma in cui erano state allestite 30 brandine per ospitare i senzatetto vista la notte particolarmente gelida, ma solo alcune erano state occupate. Fuori premevano per entrare alcuni immigrati, ma qualcuno ha impedito loro di entrare in stazione e le brandine vuote sono state smantellate….Nella città di Roma!!!!!! Cose così non si erano mai viste…..

E da ultimo è venuto il battibecco virtuale con un onorevole leghista che ha pubblicato su Facebook degli slogan, attribuendone falsamente uno al PD: non c’è nulla che mi irriti di più di chi attribuisce ad alti intenzioni e pensieri mai espressi…..è così che allo slogan leghista “prima gli Italiani” ho commentato parafrasando un altro slogan: Primo: restare umani.  Si è così innescato un breve battibecco da tastiera in cui alla fine ho fatto presente che l’ esibizione muscolare della Lega di questi giorni pare spropositata: alla fine dei conti rappresenta poi solo il 17% dei votanti…fino a nuove elezioni…

Facebook di questi tempi poi mette a nudo una umanità talmente sconvolgente nella sua ottusità  che penso di starne alla larga stasera … forse la prossima notte potrò chiudere gli occhi almeno per un po’…

 

Grazie, Presidente!

Oggi sento una grande gratitudine per il nostro Presidente Mattarella: leggere il suo discorso di capodanno mi ha commossa. Ho ritrovato parole che la mattarella-ape-410politica italiana sembrava aver dimenticato: parole piene di autentica umanità, piene di rispetto per tutti e per le istituzioni, di sensibilità verso i bisogni della gente, di tutta la gente che deve saper convivere nel rispetto delle leggi.

La gente oggi è propensa a osannare chi fa la voce grossa, chi è alla ricerca  di visibilità anche a costo di volgarità, chi ostenta i muscoli e Mattarella è l’esatto contrario: riservato, garbato nei modi di fare e parla quando è necessario ….. e ieri sera era proprio necessario e ha parlato con pacatezza, ma con altrettanta fermezza ha ribadito i valori su cui si fonda la nostra convivenza civile.

Il nostro Presidente può rientrare nella categoria de “miti” così come  intesa nel Vangelo: mite non è chi si lascia sopraffare dai prepotenti, mite è chi continua a credere e ad affermare i propri valori anche quando questo non paga, anche di fronte al dilagare di voci chiassose e sguaiate.

Sono certa che se i nostri due vice-primiministri hanno dovuto arretrare su tutta la linea delle loro false promesse, c’era lui, il Presidente Mattarella a dettare le condizioni per avere la sua firma ….

Grazie, Presidente! Da ieri sera, visto anche il generale plauso degli Italiani, sono un po’ più ottimista sul futuro, perchè so che ci sarà lei a vegliare sulle sorti di questo paese…

Fantadialogo : pratica e grammatica.

Fantadialogo tra Salvini e Di Maio:

Salvini – I  me disen che ghem na caterva di brava gent che lauran come dutur ma i gh’an no ul titul… se fem?

Di Maio -Mattè, perchè nui c’avemo il titolo pe’ governà??

Salvini: Te ghe resun, Giggino, ….l’è mej che disema che la pratica vale più della grammatca, senò i pretendaran che ci mettiamo a studiare anche noi….

Questo dialogo è totalmente inventato, ma viste le circostanze potrebbe anche essere avvenuto (chiedo venia a napoletani e lombardi per aver abusato dei loro bei dialetti, ma in mezzo a tanti abusi, questo non sarà certo il più grave…)

 

 

 

 

Quando le promesse vanno in fumo….

Infantilismo …..l’ho sempre pensato e detto:  le promesse elettorali di Di Maio e Salvini erano irrealistiche  e avevano il solo scopo di buttare fumo negli occhi della gente, ma il voler pervicacemente insistere che ciò che era stato promesso doveva essere fatto anche contro l’evidenza dei fatti era atteggiamento molto infantile.

E ora?  Dopo aver dato dell’ubriacone a Junker, dopo aver millantato un’irremovibilità assoluta sulle proprie posizioni…..ecco che finalmente abbassano la testa e la coda e, per amore di poltrona, si assoggettano  alle leggi dell’economia e della convivenza.
Resterà ben poco di quelle promesse fatte sette mesi fa e che ormai sembrano appartenere alla preistoria ….resta però il danno di miliardi causato dall’innalzamento dello spread. Dovrebbero pagarlo Lega e M5s decurtando gli assegni dovuti ai loro eletti.
Se tutto rientrerà nella normalità, un grosso grazie va al Presidente Mattarella, che, senza clamori, ha messo subito in chiaro per iscritto le condizioni per ottenere la sua convalida alla manovra e ha evidentemente tenuto il punto. Io sono convinta di questo e anche se c’è chi giudica il nostro Presidente della Repubblica troppo “molle” perchè non strepita, io penso invece che se non andremo a rotoli lo dovremo a lui.
 Grazie, Presidente Mattarella!.

Leghismo e cattolicesimo: una contraddizione in termini.

Sono appena tornata dalla Messa domenicale: la chiesa era piena. Così come saranno affollate le altre chiese italiane in queste domeniche di Avvento.  Tanti ancora sentono questo  richiamo.

Mi chiedo però cosa penseranno all’uscita dalla chiesa, leggendo  quello che sta accadendo in queste ore: tante donne, bambini, giovani vengono cacciati dai centri di accoglienza in attuazione del cosiddetto “decreto sicurezza” e si trovano a bivaccare per le strade esposti al freddo di questa stagione, esposti ad ogni pericolo. Un ragazzo stanotte è morto bruciato nel tentativo di scaldarsi!!!

Riusciranno gli erbesi cattolici e i cattolici italiani a cogliere la contraddizione tra quello in cui “pensano di credere” e quello che approvano politicamente?

Dico “pensano di credere” perchè non si può essere cattolici e contemporaneamente leghisti: cattolicesimo significa “Chiesa Universale” aperta a tutti gli uomini considerati sempre come fratelli e non c’è posto per chi discrimina per provenienza geografica o colore della pelle. Il Cattolico dovrebbe sempre pensare alla Terra come patria di tutti gli umani, che hanno diritto al rispetto e a una vita degna di essere vissuta.

Ma temo che se si facesse qualche sondaggio all’uscita delle chiese molti continuerebbero a inneggiare a Salvini, nuovo “falso profeta”.

Parlando di treni

Un po’ di tempo fa scrivevo questo post in cui esprimevo il disagio di certi viaggi in treno e me ne sono ricordata stasera andando alla conferenza sui trasporti nell’erbese.

In questa conferenza ho potuto constatare che la situazione non è affatto migliorata, anzi forse si è aggravata per il disinteresse della regione che forse ritene marginale il nostro territorio. Basti dire che da mesi i pendolari usufruiscono di uno sconto sull’abbonamento per i continui ritardi dei convogli dovuti ai motivi più disparati: solo un treno su quattro arriva in orario

Ho imparato questa sera che esiste un’Agenzia per il TPL (Trasporto Pubblico Locale) che si occupa di monitorare tutta la rete dei trasporti ferroviari e su strada della zona Como, Varese, Lecco. Da questa agenzia vengono alcune proposte che mi sono parse interessanti, tra queste l’attivazione di una linea ferroviaria Erba-Merone-Como, che potrebbe togliere traffico automobilistico dalla statale sempre troppo intasata con tempi di percorrenza biblici per fare pochi chilometri.

E’ stata una serata ben riuscita: c’era parecchia gente (e, incredibile a dirsi, anche molti giovani!!!)  e ci sono stati anche numerosi e interessanti interventi da parte del pubblico presente. Speriamo che le proposte presentate possano andare a buon fine e non restino solo parole al vento….