Help!!!

Ma Salvini è davvero soltanto il vice-premier?
E Conte è davvero il premier?
E i grillini sono davvero la maggioranza nel governo?
Mi pongo queste domande e non so rispondermi….sono un po’ confusa…qualcuno mi aiuti, please!!!

Dilettanti allo sbaraglio.

Ascoltavo “la corrida” alla radio, quando molti anni fa (non so quanti) il non dimenticato Corrado conduceva questo programma, che aveva il sottotitolo di “dilettanti allo sbaraglio”. Allora mi sembrava divertente.

  L’ho rivista in TV qualche volta, condotta da Jerry Scotti e non mi è piaciuto vedere esposti dei veri e propri “casi umani” : certi personaggi mi facevano pena, non riuscivo a divertirmi vedendo le loro esibizioni……Lo stesso è accaduto quando, recentemente, Conti ha riproposto lo stesso programma in RAI: certi numeri erano davvero espressione di creatività, altri dimostravano solo la voglia di apparire a tutti i costi, anche a rischio di figure barbine….. e davanti allo schermo sentivo crescere in me più disagio che divertimento e cambiavo canale…

Oggi mi sento molto a disagio, guardando i “Dilettanti allo sbaraglio” che tentano, contorcendosi e facendo acrobazie, di gestire una crisi politica complicata e difficile.

Come vorrei  poter cambiare canale….!!!

“Un’accozzaglia di somari ….(non sono parole mie…)

Dalla Provincia non me l’aspettavo….

“La Provincia” è il giornale locale più diffuso  in zona e, per quel che ho potuto capire in tante occasioni, l’ho sempre ritenuto un giornale di simpatie destrorse e spesso poco  obiettivo. E’ perciò con non poca sorpresa che ho letto questo articolo in cui gli avvenimenti di questi giorni mi sembrano analizzati con grande lucidità.

Questo mi fa un grande piacere, perchè molta gente, anche della zona erbese, che sta blaterando contro il Presidente della Repubblica, potrà rendersi conto che c’è anche un altro modo di vedere le cose…. e riporto qui alcune righe:

“La ricreazione è finita, ma purtroppo sarà improbabile far rientrare in classe i nostri politici, un’accozzaglia di somari a cui, purtroppo, non resta che fare ripetere l’anno di una legislatura soffocata in culla dalla maldestra improvvisazione dei Cinque Stelle e dall’astuzia da scarpe grosse e cervello fino di Matteo Salvini. Un’astuzia non contadina, ma da politique d’abord coniugata con i tempi che stiamo vivendo. Il capo leghista ha usato con un cinismo degno del miglior Togliatti (attendiamo il tuono dal cielo per il blasfemo paragone), si è aggrappato all’ottuagenario e in fondo innocuo Savona per dare modo a Mattarella di far saltare il banco e portare il paese a quelle elezioni bis che, Berlusconi candidabile permettendo, dovrebero sancire il successo del centrodestra a guida salviniana”. 

Io sto con Mattarella!

Un Presidente della Repubblica visibilmente teso, visibilmente affaticato, ha appena dichiarato di aver cercato in ogni modo di favorire la nascita di un governo politico, tra Lega e 5stelle, ma che alla fine l’impossibilità di designare un ministro dell’economia che tranquillizzasse i mercati, ha determinato la fine del tentativo di Conte.

Ma come si fa a ipotizzare l’uscita dell’Italia dall’euro nel programma di governo, se nessuno ne ha mai parlato in campagna elettorale? Se ne avessero parlato, Di Maio e Salvini avrebbero avuto gli stessi voti?

Io mi sono sempre fidata di Mattarella e stasera ho avuto la conferma di aver ben riposto la mia fiducia. Io sto con Mattarella!

Italiani? mendicanti, scrocconi, scansafatiche …..

Ero già in Brianza quando , circa quarant’anni fa si cominciò a sentir parlare di un nuovo partito che doveva difendere gli interessi dei cittadini del nord contro quel sud “spendaccione e scansafatiche” che si copriva di debiti e poi se li faceva pagare da quei poveri sgobboni del nord…..

Ora i tempi sono cambiati e la Lega non ricorda più le sue origini, tanto che pretende dall’Europa esattamente ciò che la Sicilia (tanto per fare un nome) pretendeva un tempo dalle casse dello Stato.

Come non capire allora l’ira dei partner europei e in particolare dei tedeschi, che oggi sono arrivati a definire gli Italiani un popolo di scrocconi? Di mendicanti ingrati e aggressivi?

Corsi e ricorsi della storia….

 

I soliti due pesi e due misure

Così dicevano grillini e leghisti a proposito degli ultimi governi

Monti, era stato a lungo commissario europeo, presidente dell’Università Bocconi e infine senatore a vita; nominato premier da Napolitano: nomina illegittima, non era stato votato dai cittadini! Quasi un golpe!!!!

Letta, notissimo parlamentare da molti anni, con vari incarichi istituzionali; nominato premier: nomina illegittima, non scelto dai cittadini!! Golpe numero 2!!!!

Renzi, scelto come leader del PD, partito della maggioranza, da milioni di persone, ma non parlamentare; nomina illegittima, non votato dai cittadini in una tornata elettorale!!!! Golpe numero 3!

Gentiloni, parlamentare noto a tutti per diversi incarichi ricoperti; nomina illegittima, non votato dai cittadini! Golpe numero 4!!

Oggi dovrebbero proporre a Mattarella un perfetto sconosciuto, mai entrato in un’aula parlamentare, che si accollerà l’onere di realizzare un programma pensato a casa di un commercialista milanese; grillini e leghisti, sempre d’accordo in questi ultimi anni, diranno che è tutto perfettamente legittimo e costituzionale.

E’ vero, Mattarella ha la prerogativa di scegliere come primo ministro anche una figura fuori dal parlamento, ma perchè se lo faceva Napolitano era così scandaloso? I grillini, come è loro abitudine, usano sempre due pesi e due misure…. se è così che pensano di cambiare il paese, non c’è da stare molto allegri.

Ancora un’altra strage.

Mentre qui da noi il duo Salvi-Maio continua a occupare le prime pagine di giornali e telegiornali con trattative interminabili, in Palestina si muore

Le ultime notizie dicono che ci siano stati oltre 50 morti e più di 2.000 feriti sul confine con la striscia di Gaza…. e Trump ne è il primo responsabile. Non poteva non sapere che riconoscendo Gerusalemme capitale di Israele avrebbe scatenato una rabbiosa protesta da parte dei Palestinesi, ma questo non lo ha fermato …. E cosa dire dell’esercito israeliano che risponde con le mitragliatrici ai lanci di pietre? Un massacro che non può che aggravare la situazione in Palestina.

 

A vincere non sarà mai l’Italia.

salvini-mattarella-di-maio“….Insomma, siamo a una svolta. I partiti, tutti nessuno escluso, sono posti, in forma diversa, davanti alla medesima responsabilità che gli elettori avevano affidato loro settanta giorni fa: concorrere per il governo dell’Italia. Il che, con le attuali regole del gioco, vuol dire prima gareggiare, e poi trovare gli accordi possibili e necessari. Più di qualcuno, invece, si mostra convinto di essere l’eroe di un’ordalia, un giudizio avventuroso e senza ragioni e senza “sopravvissuti”, vincitore a parte. Ma con questa logica, qualunque storia s’impegnino a raccontarci, a vincere non sarà mai l’Italia.”

Così conclude il suo articolo il direttore de l’Avvenire.it e ha purtroppo ragione, ” a vincere non sarà mai l’Italia”….

Che tristezza assistere ieri sera alle dichiarazioni del Presidente Mattarella e rendersi ancora una volta conto che siamo in balia di un pugno di irresponsabili, che non sanno vedere oltre gli interessi di partito…e intanto lo spread sale….. e intanto l’Europa corre, mentre l’Italia, che si è appena messa faticosamente in moto, rischia di trovarsi tragicamente penalizzata…e a pagare il prezzo più salato saranno sempre gli stessi: i più poveri.

 

Se una farfalla batte le ali…

bangui-violenceGli attacchi a chiese, moschee, centri di assistenza medica in Africa, sono tanto frequenti che nessun giornale, tranne Avvenire, ne parla più…. Sono cose che non ci riguardano? Siamo sicuri che non si riflettano anche su di noi gli effetti di queste atrocità?  Ricordate il detto  “Se una farfalla batte le ali a Pechino, a New York si scatena una tempesta.“?

Rendere sempre più invivibile l’Africa vuol dire indurre gli Aricani a scappare e dove se non qui da noi, che siamo i più vicini?

Chi ha interesse  a seminare il terrore?