Storia, musica e… Cina all’ UTE.

Oggi all’ UTE si è parlato di musica , storia locale e Cina.

E’ stato molto interessante il confronto tra l’ Otello di Rossini e quello di Verdi. Nella versione del genio pesarese ci sono sempre quella sua atmosfera scanzonata e quei virtuosismi canori tipici delle sua produzione musicale, ma essi non interpretano la tragedia che Shakespeare vuole raccontare. Molto più aderente allo spirito dell’ autore è invece la musica di Verdi che usa l’ orchestra come un pittore usa il pennello e sa trasmettere con gli strumenti e con le voci i sentimenti dei suoi personaggi.

La storia locale ha riguardato la storia del teatro e dei teatri nella nostra zona, fino a un secolo fa meta estiva della nobiltà milanese. Nelle maggiori e più importanti ville che risalgono a quel periodo è spesso presente un teatro, all’ interno o nel parco circostante. Per il popolo invece c’ erano frequenti incursioni nei paesi della zona da parte delle compagnie di teatranti.

Per ultimo è stato proiettato un filmato girato durante il viaggio in Cina del dr. Rigamonti, docente dell’ UTE.
La grandiosità dei monumenti , dei grattacieli, delle distanze e delle differenze tra una regione e l’ altra di quell’ immenso paese non può che lasciare sbigottiti. Tuttavia si sono potute ammirare immagini di grande bellezza.

Infine voglio segnalare come il gruppo teatrale e il coro dell’ UTE abbiano riscosso un notevole successo anche fuori sede.

Generare lavoro a Erba.

Stasera ho partecipato all’ incontro sul tema : Generare lavoro a Erba.
Doveva esserci Enrico letta, che però è stato impossibilitato a intervenire per impegni improrogabili a Roma. Naturalmente è stata l’ occasione per ribadire il programma elettorale del candidato sindaco , Michele Spagnuolo del PD, in vista del ballottaggio.

Con la solita chiarezza,concretezza, competenza e onestà ha precisato i punti caratterizzanti del suo programma :
– premettendo l’ auspicio che siano modificate le regole del patto di stabilità, Spagnuolo ha sottolineato come in questo periodo sia più che mai urgente passare a politiche per la crescita e per cogliere tutte le istanze e i suggerimenti che provengono dal mondo del lavoro ritiene che sarà molto utile una Consulta di rappresentanti dell’ imprenditoria locale e dei lavoratori;
– qualora venisse eletto (e pare che ci siano buone speranze) non seguirà più il criterio del massimo ribasso per gli appalti, ma introdurrà criteri più adatti a garantire la qualità delle opere realizzate;
-si impegna a puntare sulle energie rinnovabili, in particolare sulle pompe di calore, già applicate in alcuni edifici pubblici (anche in relazione ai progetti che si vanno definendo anche in ambito regionale per lo sfruttamento dei laghi);
– ha poi accennato alla valorizzazione delle risorse presenti sul territorio per la formazione professionale , alla valorizzazione dell’ ente fiere cittadino e ha detto stop all’ insediamento di altri grandi centri commerciali;
– non sono mancati riferimenti all’ esigenza di rendere più trasparenti le assegnazioni degli appalti,al potenziamento delle manifestazioni già in calendario e alla creazione di uno sportello per l’ imprenditoria giovanile e alla necessità di rivitalizzare alcuni quartieri cittadini che si stanno via via trasformando in quartieri-dormitorio.

E’ intervenuto anche il consigliere regionale Carlo Spreafico, che ha posto l’ accento sulle difficoltà dell’ attuale momento e sulla necessità di ascoltare i problemi veri che la Lega aveva intercettato al fine di impedire che il vuoto lasciato dal ridimensionamento della Lega venga colmato da forze più pericolose per la democrazia.
Infine ha preso la parola il capogruppo PD in regione, Luca Gaffuri, che ha accennato alle proposte che sono allo studio per rilanciare l’ economia dela Brianza e del Triangolo Lariano in particolare.

Domenica ci sarà il ballottaggio e io auguro a questo candidato sindaco e alla sua squadra di uscire vincitori: sono certa che potrebbero fare cose buone per questa città.

Nonna Mimma racconta …..

Nonna Mimma, che mi onora della sua attenzione, mi ha raccontato una bella storia che ora, col suo permesso, pubblico qui .
Si è aperta la mia stagione teatrale con l’uscita dal nido dei piccoli batuffoli grigi della gabbiana che ha fatto il suo nido, dietro un camino, sul tetto di fronte. Adesso c’è il teatrino dei vari pasti giornalieri sulle tegole roventi: gabbiano e gabbiana si alternano a rigurgitare il cibo che hanno pescato in mare, sento il loro richiamo : “La pappa l’è pronta!” e i tre piccoli sgambettando attaccano la poltiglia predigerita ma due mangiano e il terzo è sempre in ritardo e assaggia appena quelche resta. E’ il terzo anno di replica perchè ormai i gabbiani nidificano sui tetti qui da noi. Il primo anno, novità per me e per loro, quando andavo sul terrazzo, il gabbiano, sempre di guardia sul colmo del tetto, spiccava il volo e mi bombardava con mitragliate di guano che trovavo sulle piastrelle nel punto esatto in cui mi trovavo prima di infilarmi velocemente in casa. Questo capitava anche ai clienti dell’albergo che si affacciavano sui terrazzini. C’era una bella distanza, ma i gabbiani si sentivano minacciati. Si raccontano casi di persone che, aggredite dai gabbiani che avevano nidificato nei pressi del loro attici, non osavano più uscire di casa!!
I piccoli verranno nutriti fino a luglio quando, abbastanza grandi, due più grandi (maschi) e la femmina meno cresciuta, ormai sicuri nel volo, dopo essersi esercitati sul tetto, sempre più rovente, si allontaneranno verso il mare per le lezioni di pesca, pur facendosi sempre nutrire dai genitori.
Dopo tre anni i gabbiani sono diventati miei amici perchè li ho nutriti e, quando mi vedono, volano sul mio tetto; a volte si posano sfacciatamente sulla ringhiera pretendendo bocconi, senza fuggire.
La mia nipotina li ha chiamati Pedro e Camilla . (A questo punto nonna Mimma mi ha confidato un piccolo segreto, che ritengo debba rimanere tale).

Nella foto si vede Camilla di vedetta in alto , sulla sommità del tetto, mentre Pedro più in basso nutre i suoi piccoli.

Ringrazio vivamente nonna Mimma, per avermi raccontato questa storia e per la foto che mi ha inviato.

I papaveri.

Ho camminato a lungo e mille papaveri facevano ala al mio passaggio dai bordi della strada.Sembrano lingue di fuoco nel verde smagliante dell’ erba nuova, ma, se li cogli, ti sorprende il loro cuore nero , mentre subito i petali avvizziscono lasciandoti una traccia scura sulle dita.
Anche sotto le apparenze più seducenti può nascondersi l’ insidia e l’ imprevisto.Ma come sono belli!

Molti pittori si sono lasciati affascinare dalla bellezza dei papaveri e il dipinto più famoso è forse quello di Monet. Egli ha voluto ritrarre un momento di vita familiare pieno di serenità : una passeggiata della moglie e del figlio in un campo illuminato dal rosso dei papaveri .Le figure sono ritratte due volte: all’ inizio e alla fine del percorso , come se il pittore avesse voluto farci sentire la gioia di seguire con lo sguardo le fasi di quella passeggiata in uno scenario pieno di colori e di vita.

Esercitazioni di volo….

In questa stagione i piccoli volatili nati da poco, cominciano le loro esercitazioni alla conquista dell’ aria ed è facile ma sempre emozionante assistervi.

L’ altro giorno ero sul balcone con Davide che faceva le bolle di sapone e si divertiva a vederle volare a lungo prima di toccare terra o prima di scoppiare in volo.
Ad un certo punto la mia attenzione si è rivolta a un merlo piccolo piccolo che si cimentava in piccoli voli tra una grondaia, un condizionatore e un tetto poco distante. Il suo volo era concitato, almeno a giudicare dal moto frenetico delle ali , e pareva quasi di cogliere la sua paura e il battito del suo cuore.
Ma ciò che mi è rimasto più impresso è che stringeva nel becco qualcosa, forse un insetto o forse qualche pagliuzza : ho immaginato che questo servisse a dargli coraggio…

Capita anche a molti “cuccioli” umani di cominciare a camminare stringendo nelle mani un tovagliolo, una bavetta o un piccolo giocattolo, che in quel momento diventano il surrogato della rassicurante mano della mamma . Anche i miei figli hanno cominciato a camminare così e il vedere quel merlo ha rinnovato in me l’ emozione di quei momenti lontani.

1° Maggio 2012 : Il lavoro è per l’ uomo.

http://www.lazione.it/component/content/article/49-editoriale/5403-giovanni-paolo-ii-papa-lavoratore-papa-beato

Cliccando sul link qui sopra, si può leggere un interessante commento all’ enciclica di Giovanni Paolo II “Laborem exercens” del 1981. Tra l’ altro vi si può leggere questo brano che ho stralciato:

“Se il lavoro è ciò che dà diritto ad essere cittadino, è anche ciò che dà diritto alla libertà. In questo senso veramente il lavoro rende liberi, per cui la libertà, come fondamento della vita sociale, è già implicita nel lavoro. È questa una sacrosanta verità, profanata dalla scritta infame messa all’entrata del lager di Auschwitz.

……. Il lavoro è la persona umana, il capitale è solo mezzo, cosa. Quello esprime la dignità della persona. Questo è fattore indispensabile per il benessere, probabilmente insostituibile nell’attuale sistema produttivo, ma sempre subordinato al bene delle persone. Quando invece le esigenze del capitale diventano il criterio primo delle scelte economiche, si opera un capovolgimento dei valori che alla fine diventa anche perdita economica.”

Vorrei che anche Monti e i suoi ministri potessero leggere queste righe e meditarle: non possiamo accettare che le esigenze delle banche e dei grandi capitali portino alla disperazione persone, famiglie e interi stati… è forse l’ ora di cambiare le regole del gioco, perchè il fatto di lasciare che i beni della Terra vengano accentrati nelle avide mani di pochi non può portare a nulla di buono per il futuro.

Rolo, il mio paese di origine.

Da tanti anni non vivo più nel mio paese di origine, Rolo, ma mi fa sempre molto piacere ritornarci.
E’ un paesino piccolo di circa 4000 anime, che però vanta una storia antica e nobile, tanto che fino a pochi decenni or sono godeva di un singolare privilegio ereditato dagli antichi signori del luogo: poteva infattirolo scegliersi il parroco. Capitava così che una giunta rossa avesse la facoltà di selezionare le richieste degli aspiranti parroci e decidesse quale poteva essere il più adatto alla comunità. Ora questo privilegio feudale è stato abolito: era veramente un retaggio anacronistico ormai.
Rimane comunque la singolarità di questo paese: così a cavallo tra Emilia e Lombardia, sempre indeciso se gravitare attorno al suo capoluogo , Reggio Emilia, o la città di Modena e hinterland coi quali è meglio collegata.

Fino a qualche decennio fa era , oltre che centro agricolo importante, sede di numerose industrie manifatturiere e il suo centro era un susseguirsi di piccoli negozi sotto i portici caratteristici dei paesi della zona. Ora però molte industrie sono scomparse sotto l’ impeto della globalizzazione e a poco a poco chiudono anche i negozi, che non possono reggere la concorrenza coi supermercati.
Nonostante questo ci sono molti immigrati, asiatici in maggioranza.

Noto però sempre un grande impegno degli abitanti per mantenere viva la comunità e le manifestazioni culturali , civili , religiose e sportive si susseguono in ogni stagione.

Crescere in un piccolo paese è forse più bello e rassicurante che vivere in una grande città: stabilire relazioni umane è più semplice . E’ più facile “sentirsi a casa”. Sono contenta che i miei nipoti abbiano la fortuna di crescere qui.

Una bella cerimonia.

Sono in Emilia con Davide ed Elisa e stamattina ho partecipato alla messa in cui è stata impartita la Cresima a 28 ragazzini del paese.
La chiesa era stracolma già un quarto d’ ora prima dell’ inizio della cerimonia e ho potuto trovare una sedia solo su indicazione di una mia nipote .
E’ stata una bella cerimonia : la gente, pur essendo molto numerosa, ha seguito in silenzio e con partecipazione tutto il rito e anche i cresimandi sono apparsi sempre composti e consapevoli del momento che stavano vivendo.
Il vescovo, appena insediato in diocesi, ha fatto un discorso breve , ma molto ben centrato sul significato del sacramento della Cresima in rapporto alla vita e alle scelte che si aprono davanti ai ragazzi di quell’ età e la mancanza di effetti retorici ha dato più risalto all’ essenzialità dei concetti espressi.
E’ stato molto bello l’ accompagnamento delle chitarre e dei canti:questi ultini mi sono sembrati molto nuovi, almeno per me, privi di enfasi , piacevolmente moderni senza sfociare nella scompostezza.
Mi ha colpito la partecipazione corale dell’ assemblea ai vari momenti e quando si è arrivati alla recita del “Padre nostro” il coro delle voci pareva riempire le arcate della chiesa : ho pensato allora che se ognuno di quelli che stavano pregando in quel momento fossero stati veramente e profondamente convinti delle parole che stavano pronunciando, molto potrebbe cambiare qui e altrove.

Credo che anche il parroco ,notoriamente incontentabile,( che pure ho sentito gridare ieri in sacrestia per richiamare all’ ordine i cresimandi troppo rumorosi) sia rimasto soddisfatto degli elogi del vescovo.

25 Aprile 2012.

UOMO DEL MIO TEMPO (Quasimodo)

Sei ancora quello della pietra e della fionda;
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
-t’ho visto- dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
quando il fratello disse all’altro fratello:
“;Andiamo ai campi!”. E quell’eco fredda, tenace
è giunta fino a te, dentro la tua giornata…..

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

Non ho copiato le ultime parole di questa poesia di Quasimodo in cui il poeta invita i figli a dimenticare i padri, come per scavare un solco invalicabile tra loro e il passato di morte che hanno ereditato: parole dure, spietate.
%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%
L’ uomo non è cambiato nel corso della storia: è rimasto l’ essere pronto a versare il sangue del fratello come Caino quando invitò Abele a seguirlo nei campi.
La tecnica è cambiata, quella sì! Non si usano più rozze clave, ma macchine e strumenti sofisticati, adattati, loro malgrado, a fini di morte.Resta uguale la freddezza dell’ animo che spinge ad uccidere come se Cristo non fosse mai nato.

Ho scelto questi versi perché mi pare di veder aleggiare di nuovo sulla nostra Europa (elezioni francesi, strage norvegese, movimenti di tipo leghista) i fantasmi della xenofobia e dell’ intolleranza, che trovano nella crisi economica e nel disagio sociale un terreno fertile per alimentare divisioni e contrapposizioni pericolose.
Gli uomini del nostro tempo non devono dimenticare i loro padri, ma devono ricordare che solo evitando i loro errori si può nutrire la speranza in un mondo migliore .

40^ Giornata della Terra.

Oggi sono tornata dall’ Emilia, dopo una rapida incursione durata 24 ore. Samuele Davide ed Elisa hanno fatto una gran festa incontrandosi, anche se solo per poco.
Durante il viaggio abbiamo avuto modo di meravigliarci di fronte allo spettacolo straordinario della primavera che in questi giorni rende splendido ogni paesaggio: i laghi e i fiumi che splendono al sole, le montagne innevate da poco , il verde dei prati che sembra seta, il giallo dei campi di colza fioriti che sembrano frammenti di sole caduti qua e là sulla pianura, i boschi dalle mille sfumature di verde.

Tutto è così bello che viene spontaneo pensare che sarebbe un grave crimine non preservare tanta bellezza per i nostri bambini e per tutte le generazioni che verranno. Ed è questo il motivo conduttore delle manifestazioni che oggi si tengono in ogni parte del mondo per celebrare la
 Giornata della Terra

E’ un po’ deludente pensare che dopo tanti anni di questa manifestazione siano così diffusi ancora gli abusi che mettono in pericolo il nostro bel Pianeta, ma non si deve mollare la presa e bisogna continuare a sensibilizzare l’ opinione pubblica mondiale su questo che è forse il problema principale a livello globale.