Io mi sentivo libera e leggera …(A. Pozzi)

……..

Io mi sentivo libera e leggera
come quei fiocchi bianchi di pelurie
che si sprigionano dai pioppi, in maggio
e cercan l’alto come delle preci.pappi-dei-pioppi
La tua voce era un mare di purezza:
ogni ombra di materia vi affogava.
A tratti le parole si frangevano
in sfumature lunghe di silenzio
e all’anima sembrava di vibrare
nuda nel vento e di sfiorare Dio.

Sono i versi finali di una poesia di Antonia Pozzi intitolata “La stazioncina di Torre Annunziata”. Bellissima l’immagine dei “fiocchi bianchi di pelurie”  (i pappi) che volano come preghiere e che richiamano  l’idea della libertà.

Il mio cortile è pieno di pappi, che sono in agguato e ti entrano in casa appena apri la porta o la finestra… Sono in cerca di un posto buono per fermare il loro volo e dare vita a nuovi pioppi.

Ieri a S. Donato.

Il Maestro Zapparoli durante la sua esibizione, accompagnata dal coro.
Il Maestro Zapparoli durante la sua esibizione, accompagnata dal coro.

Ieri a S. Donato Milanese, grande successo (come sempre del resto) per il nostro coro. Con  sorpresa di tutti  si è esibita la direttrice del coro stesso, maestro Alessandra Zapparoli, che ha cantato una travolgente “Habanera” dalla Carmen di Bizet. Negli spazi di un teatro, le  nostre coriste possono esprimere tutta la potenza delle loro ugole straordinarie, facendosi ammirare dal pubblico presente.

In complesso però l’organizzazione della rassegna, lasciata un po’ all’improvvisazione del momento, ha lasciato un po’ a desiderare

 

 

Malinconia

E poi ti vengono improvvisi
dei momenti di malinconia…
un nodo in gola, un desiderio
di cose perdute lungo la via..

E ti risuonano nella mente
parole mai dette e silenzi
che  vorresti colmare

E ti ritrovi le mani piene
di carezze non fatte… mentre

una lacrima affiora nei tuoi occhi socchiusi.